Leck mich im Arsch

Leck mich im Arsch
CompositoreWolfgang Amadeus Mozart
Tonalitàsi bemolle maggiore
Tipo di composizionecanone
Numero d'operaK 231
Epoca di composizione1782
Durata media2'20"
Ascolto
(info file)

Leck mich im Arsch (letteralmente Leccami il culo, K 231) è un canone umoristico di gusto scatologico composto da Wolfgang Amadeus Mozart. Il brano, in si bemolle maggiore, è scritto per sei voci. Il testo è probabilmente dello stesso Mozart e la composizione venne inserita dall'autore nel suo catalogo personale come parte di una raccolta di dieci canoni, ma è probabile che sia stato composto nel 1782[1] come brano da cantare insieme a suoi amici.

StoriaModifica

 
Mozart

La moglie di Mozart, Constanze Mozart, inviò i manoscritti dei canoni alla casa editrice Breitkopf & Härtel nel 1799 per poterli pubblicare. L'editore cambiò il titolo e le parole del canone in una versione più accettabile, Laßt froh uns sein (Gioiamo), simile al tradizionale canto natalizio tedesco Lasst uns froh und munter sein. Del testo originale di Mozart soltanto le prime parole sono documentate nel catalogo delle composizioni pubblicate da Breitkopf & Härtel.[2]

La versione originale, senza censura, fu scoperta nel 1991 nella biblioteca di musica dell'università di Harvard; la biblioteca infatti aveva acquistato un'edizione di diciassette volumi dell'opera di Mozart. Dentro tali volumi si trovavano nuovi canoni originali del compositore. Fu ipotizzato che fossero tutti originali, sia il testo K231 (ovvero Leck mich im Arsch stesso) sia un altro lavoro di Mozart intitolato Leck mir den Arsch fein recht schön sauber (K233).[3] Ricerche successive hanno invece concluso che la composizione K233 fosse opera di Wenzel Trnka.[4]

TestoModifica

(DE)

«Leck mich im Arsch,
Laßt uns froh sein!
Murren ist vergebens!
Knurren, brummen ist vergebens,
ist das wahre Kreuz des Lebens,
das Brummen ist vergebens,
Knurren, brummen ist vergebens,vergebens!
Drum laßt uns froh und fröhlich, froh sein!»

(IT)

«Leccami il culo
Gioiamo!
Brontolare è inutile!
Ringhiare, ronzare è inutile
è la vera disgrazia della vita,
Ronzare è inutile,
Ringhiare, ronzare è inutile!
Perciò siamo felici e contenti, felici!»

NoteModifica

  1. ^ Cliff Eisen, Grove Dictionary of Music and Musicians
  2. ^ Prefazione a Neue Mozart Ausgabe, III/10, p. X. (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2016).
  3. ^ Allan Kozinn: Three Naughty Mozart Texts Are Found. In: The New York Times. 2. März 1991. Abgerufen am 6. April 2011.
  4. ^ Wolfgang Plath e Hanspeter Bennwitz, Gabriele Buschmeier, Georg Feder, Klaus Hofmann, Opera incerta. Echtheitsfragen als Problem musikwissenschaftlicher Gesamtausgaben, Kolloquium Mainz 1988, 1988, ISBN 3-515-05996-2.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN292494587 · GND (DE1070174319 · BNF (FRcb13942012f (data)
  Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica