Apri il menu principale
Lega dei Comunisti di Serbia
(SR) Савез Комуниста Србије
Savez Komunista Srbije
СКС
Emblem of the SKJ.svg
LeaderBogdan Trifunović[1]
StatoSerbia Serbia
SedeBelgrado
Fondazione1945
Dissoluzione1990
PartitoLega dei Comunisti di Jugoslavia
IdeologiaComunismo,
Marxismo-leninismo,
Titoismo
CollocazioneEstrema sinistra
Colorirosso

La Lega dei Comunisti di Serbia (in serbo: Савез Комуниста Србије, СКС, Savez Komunista Srbije, SKS) è stato un partito politico serbo, l'organizzazione interna alla Lega dei Comunisti di Jugoslavia addetta al territorio della Repubblica Socialista di Serbia.

Nato inizialmente col nome di Partito Comunista di Serbia, nel 1952 adottò il nuovo nome. Con l'entrata in vigore della nuova costituzione jugoslava adottata nel 1974 si crearono altre due sottofiliali ad esso per il Kosovo e per la Vojvodina.

Ciò però rafforzò la corrente nazionalista al suo interno guidata da Slobodan Milošević che, dopo il X Congresso nel 1986, porterà alla Rivoluzione Antiburocratica, grazie alla quale Milošević toglierà di mezzo tutta l'opposizione, mettendo al suo posto uomini di fiducia.

Poco dopo, seguendo l'esempio degli altri partiti comunisti e anche perché il SK jugoslavo era già sciolto, si è riformato fondendosi con la Lega Socialista del Popolo Lavoratore di Serbia nel Partito Socialista di Serbia.

SegretariModifica

NoteModifica

  1. ^ Trifunović fu l'ultimo segretario dal 24 maggio 1989 al 16 luglio 1990.