Lega di Devarda

La lega di Devarda prende il nome dall'inventore Arturo Devarda. La lega è una miscela di polveri metalliche usata per la riduzione dello ione nitrato NO3- ad ammoniaca.

Trova uso nell'analisi qualitativa

  • i vapori di ammoniaca prodotti vengono percepiti all'olfatto o intercettati da una cartina al tornasole,

o quantitativa

  • l'ammoniaca prodotta viene assorbita in una soluzione acida che viene successivamente titolata.

La sua composizione è la seguente

La reazione avviene in ambiente alcalino e necessita di un minimo apporto di calore per essere innescata. Essendo una reazione esotermica, dopo l'innesco procede spontaneamente.

Esecuzione del saggio qualitativoModifica

Il campione, possibilmente in soluzione viene posto sul fondo di una provetta e viene alcalinizzato per aggiunta di idrossido di sodio. Si aggiunge una punta di spatola di lega di Devarda e si scalda in un bagnomaria a 50-60 °C per avviare la reazione, tappando la provetta con del cotone sopra cui va posto un frammento di cartina al tornasole. Il saggio può essere tuttavia anche eseguito a partire dalla sostanza solida stessa.

La presenza di nitrati viene rilevata dallo sviluppo di vapori di ammoniaca dall'odore caratteristico, e che colorano di azzurro la cartina indicatrice al tornasole.

Si faccia attenzione a non porre la provetta direttamente sotto il naso, la miscela di reazione - calda e alcalina - potrebbe schizzare e finire nel naso, negli occhi e sul viso.

Il saggio non è tuttavia specifico, in quanto i nitriti danno la stessa reazione. Per ovviare a questo problema, si acidifica la soluzione alcalina con acido acetico 0,5M e si aggiunge qualche cristallo di urea, che distrugge l'acido nitroso presente. Sulla soluzione così ottenuta si ricercano quindi i nitrati come descritto in precedenza.

  Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia