Legazione dell'Umbria

suddivisione amministrativa dello Stato Pontificio (1850-1860)
Legazione dell'Umbria
Flag of the Papal States (1808-1870).svg
Legazione dell'Umbria
La legazione dell'Umbria all'interno dello Stato Pontificio
Informazioni generali
Nome ufficiale III Legazione
Capoluogo Perugia
Dipendente da Stato Pontificio
Suddiviso in 3 delegazioni, 24 governi
Evoluzione storica
Inizio 1850
Causa Riforma amministrativa di Pio IX
Fine 1860
Causa Annessione al Regno di Sardegna
Preceduto da Succeduto da
Delegazioni di Perugia, Orvieto, Rieti Provincia di Perugia o dell'Umbria
Cartografia
Province Stato Pontificio.svg

La Legazione dell'Umbria[1][2] o III Legazione fu una suddivisione amministrativa dello Stato della Chiesa istituita da Pio IX il 22 novembre 1850.[3] Confinava a nord est con la Legazione delle Marche, a nord ovest con il Granducato di Toscana, a sud est con il Regno delle Due Sicilie, a sud ovest con il circondario di Roma.

Nel 1859 contava 443.155 abitanti. Il territorio era suddiviso nelle tre storiche delegazioni di Perugia, Spoleto e Rieti, a loro volta ripartite in 24 complessivi governi: 11 nella delegazione di Perugia, 9 in quella di Spoleto e 4 in quella di Rieti.[1]

NoteModifica