Le Chapelier rappresentato in caricatura come "legislatore del biribissi" [1]

La legge Le Chapelier (in francese: Loi Le Chapelier) fu promulgata dall' Assemblea costituente il 14 giugno 1791 durante la fase iniziale, ancora monarchica, della rivoluzione francese. Essa abolì le organizzazione di mestiere, innanzitutto le corporazioni, ma anche le prime forme di sindacato, così come il compagnonnage (gestito da associazioni come i Compagnons du Tour de France) e il diritto di sciopero, di fatto proclamando il principio della libertà d'impresa. La legge fu scritta e promossa da Isaac René Guy le Chapelier, avvocato al parlamento di Bretagna, poi deputato patriota agli Stati generali del 1789.

Indice

PromulgazioneModifica

La legge proibì il regime di esercizio collettivo dei mestieri operai (le corporazioni), compresi tutti i regolamenti sociali particolari, e conseguentemente anche il regime derogatorio delle manifatture privilegiate[2][3] e in generale di tutti i mercati contadini[4].

Nella sua esposizione introduttiva all'Assemblea nazionale[5], Le Chapelier descrisse in modo allarmistico un movimento pre-sindacale, in cui gli operai riuniti in assemblee "che si propagano nel Regno", cercano di imporre quelli oggi chiameremmo contratti collettivi, e di costituire delle società di mutuo soccorso. Egli condanna con forza la municipalità di Parigi che lascia diffondersi queste pratiche.

Rifiutando i "corpi intermedi" cari a Montesquieu, e nello spirito della Notte del 4 agosto, nel suo discorso afferma: « Il doit sans doute être permis à tous les citoyens de s'assembler ; mais il ne doit pas être permis aux citoyens de certaines professions de s'assembler pour leurs prétendus intérêts communs; il n'y a plus de corporation dans l'Etat; il n'y a plus que l'intérêt particulier de chaque individu, et l'intérêt général. Il n'est permis à personne d'inspirer aux citoyens un intérêt intermédiaire, de les séparer de la chose publique par un esprit de corporation.« [5] La legge s'inspirava al Contratto sociale di Jean-Jacques Rousseau, di cui Le Chapelier riprese interi passaggi nella sua esposizione[6].

In applicazione dei principi della scuola economica fisiocratica, questa legge mirava a garantire la libertà d'impresa, intesa secondo i principi della Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino come mezzo per garantire l'arricchimento della nazione ed il progresso sociale[7][8].

La legge Le Chapelier rappresentava la continuazione del decreto d'Allarde (che stabiliva il principio della libertà d'impresa) in forma repressiva: non solo proibiva a dei gruppi organizzati di porsi degli obiettivi in materia di negoziazione salariale o di prezzo, ma proibiva anche alle amministrazioni pubbliche di tenerne conto e di accogliere le loro petizioni, e nemmeno di trattare con gli autori di tali petizioni (a meno che essi non si pentissero pubblicamente). Il tutto sotto pena di mille lire d'ammenda e di tre mesi di prigione. Gli "assembramenti operai che abbiano come fine di limitare la libertà che la Costituzione accorda al lavoro dell'industria, saranno considerate come assembramenti sediziosi" (art. VIII).

AbrogazioneModifica

La legge Le Chapelier fu abrogata in due tempi: nel 1864 la legge Ollivier abolì il reato di coalizione, e nel 1884 la legge Waldeck-Rousseau legalizzò il sindacato.

GiudiziModifica

Per il filosofo ed economista Karl Marx, questa legge che proibiva agli operai di associarsi era un vero "colpo di stato borghese"[9].

Per il politico socialista francese Jean Jaurès, la legge Le Chapelier fu un "terribile errore".

NoteModifica

  1. ^ Didascalia: « Toi qui portas les premières atteintes à la franchise de la presse, et châtras impitoyablement la Constitution, le signe de la reprobation est sur ton front, par-tout sur ton passage on te montrera du doigt, en disant : voici Chapelier, ce député breton, qui mit à ses pieds le bonnet de la liberté. »
  2. ^ Poiché i regolamenti di mestiere limitavano il numero di compagnons (lavoranti) e di apprendisti che poteva assumere ogni "maestro" (padrone di bottega), per aprire una manifattura era necessario ottenere una lettera patente che autorizzasse la deroga. Ma nel faubourg Saint-Antoine, che godeva dal 1657 di un privilegio reale che permetteva di lavorare senza lettres de maîtrise e fuori del controllo dei jurés parisiens, si erano stabilite numerose manifatture senza privilegio, che godevano di una sorta di extra-territorialità per quanto riguardava le comunità di mestiere parigine. Spazio di concentrazione operaia, è in questo faubourg che ebbe luogo uno dei primi episodi della Rivoluzione francese, l'"affaire Réveillon", nell'aprile del 1789.
  3. ^ Alain Thillay, Le Faubourg Saint-Antoine et ses « faux ouvriers. La Liberté du travail à Paris aux XVII et XVIII siècles », Parigi, Éditions Champ Vallon, 2002, p. 94. ISBN 2876733382
  4. ^ La vendita dei prodotti agricoli, della carne, del pesce, si facea in mome collettivo nelle halles, sorte di cooperative pubbliche che funzionavano come delle borse merci
  5. ^ a b "Bulletin de l'Assemblée Nationale" del 14 giugno 1791 in Gazette Nationale ou Le Moniteur Universel, 15 juin 1791- Deuxième année de la Liberté, in ristampa dell'Ancien Moniteur, volume 8, p. 661.
  6. ^ Laurent Kupferman, Emmanuel Pierrat, Ce que la France doit aux francs-maçons, Éditions Générales First, 2012
  7. ^ Jef Blanc-Gras, L'évolution des relations sociales dans une société en mutation, tesi di Master Risorse Umane, specialità Condizioni di Lavoro-Competenza, 2006, p. 15-16
  8. ^ « Loi du 1er juillet 1901 relative au contrat d'association. Naissance d'un grand texte. Petite chronologie de la reconnaissance du droit d'association, 1789-1901 », sul sito dell'Assemblée nationale.
  9. ^ Marx e Engels, Il Capitale, libro 1, cap. XXIV

Altri progettiModifica