Apri il menu principale
Legge elettorale italiana del 1912
Titolo estesoLegge 30 giugno 1912 n. 666, contenente il nuovo testo unico della legge elettorale politica.
Statoabrogata
Tipo leggeLegge
LegislaturaXXIII
ProponenteGiovanni Giolitti
SchieramentoLiberali
Date fondamentali
Promulgazione30 giugno 1912
A firma diVittorio Emanuele III
Abrogazione1919
Testo
Rimando al testoLegge 30 giugno 1912 n. 666, contenente il nuovo testo unico della legge elettorale politica.

La legge elettorale italiana del 1912 fu la legge elettorale adottata dal Regno d'Italia nelle elezioni del 1913 (XXIV Legislatura).

CaratteristicheModifica

La legge, approvata dal quarto governo Giolitti, sostituì la legge elettorale italiana del 1882 (modificata nel 1891), allargando il suffragio a tutti i cittadini maschi che avessero compiuto 30 anni o che, pur minori di 30 anni ma maggiori di 21, avessero un reddito di almeno 19,80 lire, o la licenza elementare, oppure avessero prestato il servizio militare. In tal modo il corpo elettorale passò dal 7% al 23,2% della popolazione. Fu mantenuto il sistema maggioritario in vigore dal 1891.

Nel corso dell'iter parlamentare, le Camere rifiutarono quasi all'unanimità di concedere il diritto di voto alle donne: né i liberali né i socialisti gradivano infatti l'idea del suffragio femminile, che si riteneva potesse essere di impronta troppo clericale. Il ripristino del sistema proporzionale è anche rifiutato.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Diritto