Klub Piłkarski Legia Warszawa

società calcistica polacca
(Reindirizzamento da Legia Varsavia)
Legia Varsavia
Calcio Football pictogram.svg
Herb Legii 1343x1343.png
Wojskowi (Militari), Legioniści (Legionari)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px diagonal Green HEX-008000 Red HEX-FF0000 White with L.svg Rosso, bianco, verde, nero
Dati societari
Città Varsavia
Nazione Polonia Polonia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Poland.svg PZPN
Campionato Ekstraklasa
Fondazione 1916
Presidente Polonia Dariusz Mioduski
Allenatore Polonia Czesław Michniewicz
Stadio Pepsi Arena
(31.103 posti)
Sito web legia.com
Palmarès
Titoli nazionali 15 Campionati polacchi
Trofei nazionali 19 Coppe di Polonia
4 Supercoppe di Polonia
1 Coppa di Lega polacca
Si invita a seguire il modello di voce

Il Legia Varsavia (per esteso in polacco; Klub Piłkarski Legia Warszawa Sportowa Spółka Akcyjna; traduzione: Club Calcio Legia Varsavia Società Sportiva per Azioni), internazionalmente noto come Legia Warszawa, è una società calcistica polacca con sede nella città di Varsavia. Milita nell'Ekstraklasa, la massima divisione del campionato polacco di calcio.

È una delle compagini più titolate nella storia del calcio polacco, avendo vinto 15 campionati, 19 coppe nazionali, 4 supercoppe nazionali e una Coppa di Lega polacca. A livello europeo il traguardo migliore è il raggiungimento delle semifinali, sia in Coppa dei Campioni che in Coppa delle Coppe.

StoriaModifica

 
Il Legia tra il 1914 e il 1918

Il Legia Varsavia viene fondato nel marzo 1916, durante le operazioni militari sul fronte orientale della prima guerra mondiale, nel quartiere di Maniewicze, a Volinia. La sede verrà spostata nella capitale Varsavia solo successivamente. Partecipa per la prima volta al campionato nazionale nel 1927 e retrocede al termine del campionato 1936. In quegli anni il punto più alto toccato dalla squadra è la terza posizione nella classifica finale.

Nel primo dopoguerra la squadra torna in massima serie e diviene il principale club calcistico dell'Esercito polacco. Vince per la prima volta il campionato nel 1955 e si ripete l'anno successivo. In entrambe queste stagioni vince anche la Coppa di Polonia, realizzando quindi due double. Partecipa per la prima volta alla Coppa dei Campioni nell'edizione 1956-1957, ma viene eliminato nel turno preliminare dai cecoslovacchi dello Slovan Bratislava.

Gli anni sessanta iniziano con un buon secondo posto nel 1960, mentre nel 1964 il Legia vince la terza coppa nazionale. Grazie a questo successo, la squadra, allenata da Virgil Popescu, partecipa alla Coppa delle Coppe 1964-1965, da cui viene eliminata ai quarti di finale dai tedeschi occidentali del Monaco 1860.[1]. Nel corso del medesimo decennio il Legia vince un'altra Coppa di Polonia, nel 1966, ottiene un secondo posto, nel campionato 1967-1968, e, in chiusura di decade, si aggiudica per la terza volta il titolo nazionale nel 1968-1969.

 
Il Legia in campo a San Siro contro il Milan per gli ottavi di finale della Coppa delle Coppe 1972-1973.

Gli anni settanta sono per il Legia un altro buon decennio, anche per la presenza, tra gli altri, di giocatori come Kazimierz Deyna e Robert Gadocha. La squadra vince subito il quarto titolo nel 1970, secondo consecutivo, ma probabilmente la stagione sarà maggiormente ricordata per la semifinale raggiunta nella Coppa dei Campioni 1969-1970, dove, dopo aver eliminato i romeni dell'UT Arad (per altro vincendo 8-0 la partita casalinga), i francesi del Saint-Étienne e i turchi del Galatasaray, il Legia viene eliminato dagli olandesi del Feyenoord, che poi vinceranno la coppa. Anche nella successiva edizione della Coppa dei Campioni il Legia ottiene un piazzamento onorevole, venendo eliminato ai quarti di finale dagli spagnoli dell'Atlético Madrid. Nella Coppa delle Coppe 1972-1973 sono, invece, i futuri vincitori del trofeo, gli italiani del Milan ad eliminare i polacchi al secondo turno, ma solo ai tempi supplementari. Il Legia vince nel 1973 la Coppa di Polonia per la quinta volta, mentre il resto il decennio si chiude con qualche buon piazzamento.

Negli anni ottanta il Legia si aggiudica subito altre due coppe nazionali, nel 1980 e nel 1981. Arriva poi ai quarti di finale della Coppa delle Coppe 1981-1982, battuta dai sovietici della Dinamo Tbilisi. In campionato, invece, la squadra non va mai oltre il secondo posto, che viene raggiunto sia nel campionato 1984-1985 sia in quello successivo. In virtù di questi due piazzamenti, il Legia partecipa ad altrettante edizioni di Coppa UEFA, nel 1985-1986 e nel 1986-1987, ma in entrambi i casi viene eliminato dall'Inter. Il decennio viene chiuso con l'ottava coppa nazionale, messa in bacheca nel 1989, e la prima Supercoppa di Polonia vinta dal club, nello stesso anno.

Gli anni novanta sono un decennio ben più soddisfacente del precedente: nel 1990 il Legia vince la nona Coppa nazionale e grazie a questa ottiene l'accesso alla Coppa delle Coppe 1990-1991. Qui arriva per la seconda volta alle semifinali in una manifestazione continentale, eliminando i lussemburghesi dello Swift Hesperange, gli scozzesi dell'Aberdeen e la Sampdoria, prima di essere eliminato dai futuri campioni del Manchester United. Nel campionato 1992-1993 si arriva all'ultima giornata con il Legia a pari punti con l'ŁKS Łódź. Il campionato sarebbe stato deciso grazie alla differenza reti, ma le goleade sospette delle due squadre inducono la federazione ad assegnare il titolo al terzo classificato, il Lech Poznań[2]. Proseguendo, il Legia vince poi il campionato in due occasioni, nel 1993-1994 e l'anno successivo. Nella UEFA Champions League 1995-1996 il Legia si qualifica alla fase a gironi; qui viene sorteggiato nel gruppo con lo Spartak Mosca, il Rosenborg e il Blackburn. I polacchi concludono il girone al secondo posto alle spalle dei russi e ottengono così la qualificazione ai quarti, dove vengono eliminati dal Panathīnaïkos. In patria il Legia ottiene due secondi posti in campionato, nel 1995-1996 e nella stagione successiva, e vince due supercoppe nazionali, nel 1994 e nel 1997, e tre Coppe di Polonia, nel 1994, 1995 e nel 1997. Partecipa poi alla Coppa delle Coppe 1997-1998, ma viene eliminato da un sorprendente L.R. Vicenza nei sedicesimi di finale.

 
Legia-Polonia Varsavia del 2005

Gli anni duemila iniziano con qualche buon piazzamento in campionato e qualche partecipazione alla Coppa UEFA, come nell'edizione 1999-2000, quando il Legia è eliminato nel secondo turno dall'Udinese. Vinto il campionato 2001-2002, stessa annata in, cui viene messa in bacheca la Coppa di Lega polacca, nel 2002-2003 la squadra incontra nel terzo turno preliminare della UEFA Champions League il Barcellona che, eliminando i polacchi, li fa retrocedere in Coppa UEFA, da cui vengono estromessi dallo Schalke 04 nel secondo turno. Il Legia vince il settimo campionato nel 2005-2006, ma anche in questa occasione si ritrova in Coppa UEFA. In generale, nel decennio il club di Varsavia ottiene tre secondi posti in campionato e si aggiudica una coppa nazionale, nel 2008, e la quarta supercoppa nazionale, nello stesso anno.

Negli anni duemiladieci il Legia ottiene la qualificazione alla fase a gironi nella UEFA Europa League 2011-2012 grazie alla Coppa di Polonia, conquistata nel 2011. Sorteggiato in un girone con il PSV Eindhoven, l'Hapoel Tel Aviv e il Rapid Bucarest, viene promosso insieme agli olandesi, ma viene eliminato ai sedicesimi di finale dallo Sporting Lisbona. Nello stesso anno vince per la quindicesima volta la Coppa di Polonia.

 
Il Legia Varsavia nel 2016

Iniziata la stagione 2012-2013 con la sconfitta contro il Slask Wroclaw nella Supercoppa di Polonia, il Legia vince il suo nono titolo polacco e si aggiudica anche la Coppa di Polonia, battendo proprio lo Slask Wroclaw. Nel 2013-2014 si conferma campione di Polonia e viene eliminato agli ottavi di finale della coppa nazionale. Nel 2014-2015 il Legia si piazza secondo in Ekstraklasa ed è eliminato nei play-off della UEFA Champions League in modo rocambolesco. La partita di andata giocata del terzo turno preliminare, giocata a Varsavia contro il Celtic, termina con il risultato di 4-1 in favore dei polacchi. Durante la partita di ritorno giocata in Scozia, che il Legia conduce per 2-0, i polacchi mandano in campo un calciatore squalificato. La UEFA decreta in seguito il 3-0 a tavolino in favore del Celtic, consentendo così agli scozzesi di qualificarsi in virtù del gol segnato fuori casa all'andata[3]. Il Legia retrocede dunque in Europa League, dove supera il preliminare e accede alla fase a gruppi, che conclude al primo posto con 15 punti in 6 partite, primo club polacco a vincere un girone di una competizione calcistica europea. Ai sedicesimi di finale vince in casa dell'Ajax per 1-0, ma perde la partita di ritorno in casa per 3-0 ed è dunque eliminato dalla competizione.

Nel 2015-2016 il Legia è eliminato nella fase a gironi dell'Europa League e vince il suo undicesimo titolo nazionale, piazzando l'attaccante ungherese Nemanja Nikolić al primo posto nella classifica dei marcatori con 28 gol. Nel 2016-2017 il Legia si qualifica alla fase a gironi della UEFA Champions League per la prima volta dopo ventuno anni; nel girone, perdendo per 8-4 in casa del Borussia Dortmund, partecipa alla partita con più reti nella storia della fase a gironi della competizione. Giunto terzo nel girone, viene poi eliminato ai sedicesimi di finale di Europa League. I successi in patria proseguono negli anni a venire, con tre campionati vinti tra il 2017 e il 2021.

Rose delle stagioni precedentiModifica

CronistoriaModifica

Cronistoria del Legia Varsavia
s
  • 1916: fondazione del club

  • 1921 ·
  • 1922 ·
  • 1923 ·
  • 1925 ·
  • 1926 ·
  • 1927 · 5º nella liga.
  • 1928 · 3º nella liga.
  • 1929 · 4º nella liga.

  • 1930 · 3º nella liga.
  • 1931 · 3º nella liga.
  • 1932 · 5º nella liga.
  • 1933 · 6º nella liga.
  • 1934 · 5º nella liga.
  • 1935 · 9º nella liga.
  • 1936   10º in I liga. Retrocesso in II liga
  • 1937 ·
  • 1938 · 3º nella II liga.

  • 1947 ·   Promosso in I liga
  • 1948 · 4º in I liga.
  • 1949 · 9º in I liga.

  • 1950 · 10º in I liga.
  • 1951 · 3º in I liga.
  • 1952 · 6º in I liga.
Finalista in Puchar Polski.
  • 1953 · 5º in I liga.
  • 1954 · 7º in I liga.
  • 1955   Campione di Polonia (1º titolo).
Vince la Puchar Polski (1º titolo).
  • 1956   Campione di Polonia (2º titolo).
Vince la Puchar Polski (2º titolo).
  • 1957 · 4º in I liga.
Eliminato nel turno di qualificazione della Coppa dei Campioni.
  • 1958 · 6º in I liga.
  • 1959 · 4º in I liga.

  • 1960 · 2º in I liga.
  • 1961 · 3º in I liga.
Eliminato nel turno di qualificazione della Coppa dei Campioni.
Vince la Puchar Polski (3º titolo).
Eliminato nei quarti della Coppa delle Coppe.
Vince la Puchar Polski (4º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.
Finalista in Puchar Polski.
Eliminato nelle semifinali della Coppa dei Campioni.

Eliminato nei quarti della Coppa dei Campioni.
Finalista in Puchar Polski.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Vince la Puchar Polski (5º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa delle Coppe.
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.
Vince la Puchar Polski (6º titolo).

Vince la Puchar Polski (7º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.
Eliminato nei quarti della Coppa delle Coppe.
Eliminato nel terzo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Finalista in Puchar Polski.
Vince la Puchar Polski (8º titolo).
Vince la Puchar Polski (9º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.

Finalista in Puchar Polski.
Eliminato nelle semifinali della Coppa delle Coppe.
Vince la Puchar Polski (10º titolo).
Vince la Puchar Polski (11º titolo).
Eliminato nel turno preliminare della Champions League.
Eliminato nei quarti della Champions League.
Vince la Puchar Polski (12º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.

Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Finalista in Puchar Polski.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel secondo turno preliminare della Coppa UEFA.
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Vince la Puchar Polski (13º titolo).
Eliminato nel secondo turno preliminare della Coppa UEFA.
Eliminato nel terzo turno preliminare dell'Europa League.

Vince la Puchar Polski (14º titolo).
Vince la Puchar Polski (15º titolo).
Eliminato ai sedicesimi dell'Europa League.
Vince la Puchar Polski (16º titolo).
Eliminato nei play-off della UEFA Champions League.
Inserito nel Gruppo J di Europa League.
Eliminato nei play-off della UEFA Champions League.
Vince la Puchar Polski (17º titolo).
  • 2015-16   Campione di Polonia (11º titolo).
Vince la Puchar Polski (18º titolo).
  • 2016-17 :  Campione di Polonia (12º titolo).
Eliminato nella fase a gironi della UEFA Champions League.
Eliminato ai sedicesimi dell'Europa League.
  • 2017-18   Campione di Polonia (13º titolo).
Vince la Puchar Polski (19º titolo).

Rivalità e amicizieModifica

Il club non è visto di buon occhio dai tifosi delle altre squadre polacche, in quanto squadra dell'esercito. Particolarmente accese sono le rivalità con Górnik Zabrze, Ruch Chorzów, Widzew Łódź e Wisła Cracovia. Dopo il derby conclusosi 6-0 nel 1993 è sorta una rivalità anche con il Lech Poznań.

 
Murale allusivo all'amicizia tra ADO Den Haag e Legia

Fin dagli anni settanta i tifosi del Legia hanno avuto un buon rapporto con i tifosi di Pogoń Szczecin e Zagłębie Sosnowiec[5]. Negli anni novanta i rapporti con Pogoń e Zagłębie si sono però deteriorati. La squadra è in buoni rapporti anche con il Club Bruges (Belgio), con ADO Den Haag (Paesi Bassi) e Juventus[6].

Cronologia dei nomiModifica

  • 1916 - 1920: Druzyna Legjonowa
  • 1920 - 1922: WKS Varsavia
  • 1922 - 1938: WKS Legia Varsavia
  • 1945: 1. WKS Varsavia
  • 1945 - 1949: WKS Legia Varsavia
  • 1949 - 1957: CWKS Varsavia Centralny Wojskowy Klub Sportowy (in italiano Club Sportivo Militare Centrale Varsavia)
  • 1957 - 1989: CWKS Legia Varsavia
  • 1989 - 1997: ASPN CWKS Legia Varsavia
  • 1997: ASPN CWKS Legia-Daewoo Varsavia
  • 1997 - 2001: ASPN CWKS Legia-Daewoo Varsavia SSA
  • 2001 - 2003: ASPN CWKS Legia Varsavia SSA
  • 2003 - presente: KP Legia Varsavia SSA

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1955, 1956, 1968-1969, 1969-1970, 1993-1994, 1994-1995, 2001-2002, 2005-2006, 2012-2013, 2013-2014, 2015-2016, 2016-2017, 2017-2018, 2019-2020, 2020-2021
1955, 1956, 1964, 1966, 1973, 1979-1980, 1980-1981, 1988-1989, 1989-1990, 1993-1994, 1994-1995, 1996-1997, 2007-2008, 2010-2011, 2011-2012, 2012-2013, 2014-2015, 2015-2016, 2017-2018
1989, 1994, 1997, 2008
2002

Competizioni internazionaliModifica

1968

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1933, 1960, 1967-1968, 1970-1971, 1984-1985, 1985-1986, 1992-1993, 1995-1996, 1996-1997, 2003-2004, 2007-2008, 2008-2009, 2014-2015, 2018-2019
Terzo posto: 1928, 1930, 1931, 1951, 1961, 1971-1972, 1979-1980, 1987-1988, 1998-1999, 2000-2001, 2004-2005, 2006-2007, 2010-2011, 2011-2012
Finalista: 1951-1952, 1968-1969, 1971-1972, 1987-1988, 1990-1991, 2003-2004
Semifinalista: 1954, 1964-1965, 1969-1970, 1976-1977, 1977-1978, 1992-1993, 2004-2005, 2008-2009, 2019-2020
Finalista: 1990, 1995, 2006, 2012, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018, 2020, 2021
Finalista: 2000, 2008
Semifinalista: 1990-1991
Semifinalista: 1969-1970

OrganicoModifica

Rosa 2021-2022Modifica

Aggiornata al 15 agosto 2021.[7]

N. Ruolo Giocatore
1   P Artur Boruc
2   D Josip Juranović
3   D Mateusz Hołownia
4   D Mateusz Wieteska
6   D Mattias Johansson
7   C Jasurbek Yaxshiboyev
8   C André Martins
9   A Tomáš Pekhart
11   A Mahir Emreli
12   P Mateusz Kochalski
16   C Jurgen Çelhaka
17   D Maik Nawrocki
19   C Wojciech Muzyk
20   A Ernest Muçi
21   A Rafael Lopes
22   C Kacper Skibicki
N. Ruolo Giocatore
23   D Joel Abu Hanna
25   D Filip Mladenović
27   C Josué
28   A Szymon Włodarczyk
29   D Lindsay Rose
30   A Kacper Kostorz
35   P Cezary Miszta
39   A Maciej Rosołek
55   D Artur Jędrzejczyk  
59   P Kacper Tobiasz
63   C Jakub Kisiel
67   C Bartosz Kapustka
77   C Kacper Skwierczyński
82   C Luquinhas
97   C Wiktor Kamiński
99   C Bartosz Slisz

GiocatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del K.P. Legia Warszawa

AllenatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del K.P. Legia Warszawa

NoteModifica

  1. ^ (EN) Quarti di finale: Legia Varsavia vs Monaco 1860 Archiviato il 16 marzo 2014 in Internet Archive. su sharkscores.com, 6 maggio 2007.
  2. ^ Poland Final Tables (1st and 2nd level) Rsssf.com
  3. ^ Incredibile Legia Varsavia: out dalla Champions, il Celtic ai playoff, SportMediaset.it, 8 agosto 2014.
  4. ^ Titolo assegnato d'ufficio al Lech Poznań
  5. ^ (PL) Storia dell'amicizia tra Legia e Zaglebie su legionisci.com, 28 agosto 2007.
  6. ^ (PL) Amicizia con la Juve Archiviato il 31 luglio 2013 in Internet Archive. su juvepoland.com, 7 novembre 2008.
  7. ^ (PL) Legia Warszawa (kadra), su legia.com, Legia Warszawa. URL consultato il 10 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2014).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN265298592 · GND (DE1025108760 · WorldCat Identities (ENviaf-265298592
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio