Apri il menu principale

Legio XXI (Cesare)

Legio XXI
(di Cesare)
Caesar.jpg
Busto "contemporaneo" di Gaio Giulio Cesare
Descrizione generale
Attivanel 49 a.C.[1][2][3]
Tipolegione di epoca repubblicana.
CastrumSpagna Ulteriore[1]
Battaglie/guerre
Comandanti
Degni di notaGaio Giulio Cesare[1][3]
Quinto Cassio Longino[4]
Simboli
SimboloCapricorno[1][3][6][7]
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La legio XXI di Cesare era un'unità militare romana di epoca tardo repubblicana, la cui origine è da collegarsi all'inizio della guerra civile, quando venne costituita da Gaio Giulio Cesare (inizi del 49 a.C.).[2][3] Il suo simbolo era il capricorno.[1][3][6][7]

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Legio XXI Rapax.

La sua formazione è da collegarsi allo scoppio della guerra civile. Venne formata da Cesare con cittadini romani della Gallia cisalpina, inquadrati da veterani ormai in congedo di legioni che avevano combattuto in Gallia.[8]

Venne inviata da Cesare in Spagna, dopo che le legioni veterane del comandante romano erano riuscite a distruggere le forze pompeiane e facevano ritorno in Italia. Questa nuova legione aveva il compito di presidiare la provincia romana della Spagna Ulteriore,[1] agli ordini del governatore Quinto Cassio Longino (settembre del 49 a.C.).[4][9][10][11] Nel 45 a.C. partecipò alla battaglia di Munda a fianco di Cesare contro l'ultima resistenza dei pompeiani.[5] Rimase in Spagna sotto il governatore Gaio Asinio Pollione.[4][5]

Dopo la morte di Cesare (15 marzo del 44 a.C.), venne trasferita in Italia e potrebbe aver partecipato alla battaglia di Filippi (ottobre del 42 a.C.). Da qui in poi si perdono le sue tracce. Potrebbe aver servito nelle file dell'esercito di Marco Antonio fino alla battaglia di Azio (31 a.C.).[4]

In seguito alla riorganizzazione augustea dell'intero esercito romano, confluì o venne riordinata nella legio XXI Rapax.[4]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h Gonzalez 2003, p. 403.
  2. ^ a b Parker 1928, p. 59.
  3. ^ a b c d e Ritterling, col. 1781.
  4. ^ a b c d e f Gonzalez 2003, p. 404.
  5. ^ a b c Parker 1928, p. 68.
  6. ^ a b Keppie 1998, p. 212.
  7. ^ a b Parker 1928, p. 262.
  8. ^ Cesare, De Bello civili, I, 11; III, 87; Keppie 1998, pp. 104-105; Parker 1928, p. 59.
  9. ^ Bellum Alexandrinum, 54, 57.
  10. ^ Parker 1928, p. 60.
  11. ^ Keppie 1998, p. 200.

BibliografiaModifica

Fonti antiche
Fonti storiografiche moderne
  • T.A.Dodge, Caesar, New York, 1989-1997.
  • J.R.Gonzalez, Historia del las legiones romanas, Madrid, 2003.
  • L.Keppie, The making of the roman army, Oklahoma, 1998.
  • H.Parker, Roman legions, Cambridge, 1928.
  • (DE) Lemma Wikisource in tedesco: E.Ritterling. In: Paulys Realencyclopädie der classischen Altertumswissenschaft (RE). vol. I-II, Stuttgart 1893 segg., Col. 1781–Legio.

Voci correlateModifica