Lengvenis

figlio del granduca lituano Algirdas e principe di Novgorod

Lengvenis, noto a seguito della sua conversione alla religione ortodossa come Simone Lingwen (in bielorusso Лугвен-Сымон?, Łuhvien Sjmon; in russo Лугвений, Лугвен, Лугвень?, Lugveniy, Lugven, Lugven; in polacco Lingwen Semen Olgierdowicz) (1360 circa – dopo il 19 giugno 1431), era uno dei figli di Algirdas, granduca di Lituania, e della sua seconda moglie Uliana di Tver'. È conosciuto per essere stato Principe di Novgorod e per le sue abilità in qualità di stratega militare.

Lengvenis
Sigillo di Lengvenis, 1379 circa
Principe di Novgorod
In carica1389-1392 –
1406-1411
PredecessoreDemetrio del Don
SuccessoreBasilio I di Russia
Principe di Mscislaŭ
In carica1392 –
1431
PredecessoreKarigaila
Nascita1360 circa
Mortedopo il 19 giugno 1431
DinastiaGediminidi
PadreAlgirdas
MadreUliana di Tver'
ConsorteMaria Dmitrovna

Biografia modifica

Lengvenis nacque da Algirdas e dalla sua seconda moglie Ul'jana Aleksandrovna Trevskaja intorno al 1360. Nel 1387, in uno scontro che vedeva come rivali dei lituani i cavalieri teutonici, Lengvenis comandò una delle formazioni lituane. Nel 1389–1392 fu nominato governatore di Velikij Novgorod da suo fratello Jogaila, granduca di Lituania e re di Polonia. Fu battezzato secondo il rito ortodosso come Simone e ricevette il titolo di Principe di Novgorod. Effettuando il pagamento di alcuni tributi a Jogaila a Sandomierz nel 1389, rese la Repubblica di Novgorod un feudo della corona polacca.[1][2] Dopo che Lengvenis perse questo titolo nel 1392, Vitoldo il Grande lo nominò signore di Mscislaŭ nell'allora Lituania orientale (oggi al confine tra la Bielorussia e la Russia). Nel 1406-1411 Lengvenis, una seconda volta, fu nominato da Vitoldo a capo di Novgorod: una volta riassunto questo ruolo, si impegnò in varie schermaglie contro Pskov, l'ordine di Livonia e la Svezia.

Nel 1410 Lengvenis partecipò alla battaglia di Grunwald alla guida di un'armata che disponeva di un suo "stendardo" al fianco di un certo Giorgio: l'episodio è descritto dallo storico polacco Jan Długosz. Spesso Giorgio è considerato il figlio di Lengvenis, ma in altre fonti indicato come Jurij. Molti studiosi ritengono che vi fossero tre stendardi della regione di Smolensk facenti capo a Lengvenis, i quali giocarono un ruolo significativo in quella che fu una delle battaglie più decisive nella storia medievale dell'Europa orientale.[3] Nel 1411 Lengvenis partecipò alla firma del trattato di Toruń. Si sposò con Maria Dmitrovna, principessa di Mosca e figlia di Demetrio del Don.

Nel 1380 fondò il Monastero della Dormizione a Pustjnki, vicino a Mscislaŭ.[4]

Ascendenza modifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Butvydas  
 
 
Gediminas  
 
 
 
Algirdas  
Ivan di Polack  
 
 
Jewna di Polack  
 
 
 
Lengvenis  
Michail Jaroslavič Jaroslav III di Vladimir  
 
Ksenija  
Alessandro I di Tver'  
Anna di Kašin Dimitrij Borisovič  
 
 
Uliana di Tver'  
Jurij I di Galizia Lev I di Galizia  
 
Costanza d'Ungheria  
Anastasia di Galizia  
Eufemia di Cuiavia Casimiro I di Cuiavia  
 
Eufrosina di Opole  
 

Note modifica

  1. ^ (LT) Romas Batūra, Lengvenis, in Gediminaičiai, Vilnius, Mokslo ir enciklopedijų leidybos institutas, 2005, p. 184, ISBN 5-420-01558-7.
  2. ^ (EN) Constantine Rudyard Jurgėla, History of the Lithuanian Nation, Centro di cultura lituana, 1948, p. 133.
  3. ^ Yan Dlugosh, Storia della Polonia (1410), su vostlit.info. URL consultato il 27 agosto 2020.
  4. ^ Monastero della Santa Dormizione, su pilgrim.by. URL consultato il 27 agosto 2020.

Altri progetti modifica