Apri il menu principale

Leo Colovini

autore di giochi italiano

BiografiaModifica

A dodici anni conosce in un circolo di scacchi Alex Randolph, di cui diventa amico e comincia a frequentarlo partecipando alle prove dei suoi prototipi.[1]. Inizia inoltre a sottoporre a Randolph le proprie idee e nel 1986 sviluppano Drachenfels che viene pubblicato dalla Schmidt Spiele, due anni più tardi Inkognito, sempre sviluppato dalla coppia viene pubblicato dalla MB Giochi e vince lo Spiel des Jahres 1988 per il gioco più bello[2][3]

Nel 1993 insieme a Dario de Toffoli, Marco Maggi e Francesco Nepitello scrive Lex Arcana, per la Dal Negro, un gioco di ruolo ambientato in un passato alternativo in cui l'Impero romano non è entrato in decadenza ed i cui i giocatori interpretano membri della Cohors Auxiliaria Arcana, un corpo speciale incaricato di scoprire e distruggere ogni minaccia occulta all'impero[4][5].

Nel 1993 lascia l'impiego in banca per dedicarsi completamente allo sviluppo e di giochi[1] e nel 1995 fonda con Alex Randolph e Dario de Toffoli la Venice Connection per lo sviluppo di giochi da tavolo, la cui distribuzione viene affidata alla Unicopli.[6] La società, che prende il nome dal primo gioco pubblicato, Venice Connection appunto di Alex Randolph, ottiene nel 1999 il premio Gioco dell'anno per il complesso della sua produzione[7]

Nel 2000 il suo Cartagena, in cui i giocatori devono guidare nella fuga dalla prigione la propria ciurma di pirati, vince il Nederlandse Spellenprijs 2002 ed è tra i giochi consigliati dallo Spiel des Jahres 2001[8]. Cartagena genera anche un seguito Cartagena 2 (2006) in cui i pirati devono raggiungere l'isola di Tortuga e viene ripubblicato in un'edizione completamente rivista nel 2017.

Tra gli altri suoi giochi Die Oster Insel (1994), Carolus Magnus (2000) e Clans (2002) son nominati allo Spiel des Jahres[9][10][11]. Con Leo muss zum Friseur (2016) viene nominato allo Kinderspiel des Jahres[12] e vince il Deutscher Kinderspiele Preis[13].

OpereModifica

Fonte[1]

Giochi da tavoloModifica

  • con Alex Randolph, Drachenfels, Schmidt Spiele, 1986
  • con Alex Randolph, Inkognito, MB Giochi, 1988. Versione per dispositivi mobili nel 2014.
  • Die Magische Sieben, Piatnik, 1990
  • con Alex Randolph, Die Oster Insel, Blatz 1994
  • con Dario De Toffoli, I giochi della frutta, Valvassori, 1996
  • con Alex Randolph, Mini Inkognito, Venice Connection, 1996. Gioco di carte ispirato alle meccaniche di Inkognito
  • Top Hats, Piatnik, 1997
  • con Dario De Toffoli, Theseus, Venice Connection, 1998
  • con Duccio Vitale, Europa 1945/2030, Eurogames, 1998
  • con Dario De Toffoli, Dummy, Dal Negro, 1998. Gioco di carte per bambini riedito più volte con modifiche grafice: Yummy per la Ravensburger nel 2000; Ketch up per la Piatnik nel 2003; De Verkenners per la Cartamundi (con personaggi dei film animati della DreamWorks) nel 2013 e Absacker per Amigo Spiele nel 2014
  • Il grande gioco del compleanno, Città del Sole, 1999
  • con Marco Maggi e Francesco Nepitello, Venezia 1848, Musei Civici Veneziani 2000
  • Cartagena, Winning Move, 2000. Versione per dispositivi mobili nel 2011. Una nuova edizione riveduta e comprendente Cartagena 2 viene pubblicata nel 2014.
  • Carolus Magnus, Winning Moves, 2000
  • Doge, Gold Sieber, 2000
  • con Bruno Faidutti, Vabanque, Winning Moves, 2001
  • Meridian, Piatnik, 2001
  • Clans, Winning Moves, 2002
  • Il partito perfetto?, Mediasfera, 2003
  • con Dario Zaccariotto, Da che pARTE stai?, Museo diocesano di Padova, 2003
  • con Marco Maggi, Francesco Nepitello, Hektor und Achill, Phalanx, 2003
  • Familien Bande, Winning Moves, 2003
  • con Michael Schacht, Magna Grecia, Clementoni, 2003
  • Avalon, Kosmos, 2003
  • Die Brücken von Shangrila, Kosmos, 2003
  • Corsari, Dal Negro, 2003. Riveduto e corretto come I go!, Fox Mind, 2012
  • con Francesco e Luisa Cognetti, Collection, Dal Negro, 2003. Pubblicato con una diverse veste grafica come Minestrone, Piatnik, 2003
  • Alexandros, Winning Moves, 2003
  • con Alex Randolph, Inkognito The card game, Fantasy Flight Games, 2003. Versione ampliata e con nuova grafica di Mini Inkognito
  • con Alex Randolph, Dario De Toffoli e Renato de Rosa, Number One, Mespi, 2004
  • con Stefano Cavanè, Honesti-Disonesti, Lisciani Giochi, 2004. Un'evoluzione di Quicksand (di Stefano Cavanè)
  • Tempo, Dal Negro, 2004
  • Submarine, Winning Moves, 2004
  • Druids, Kidult, 2004
  • Carcassonne - the Discovery, Hans im Glück, 2005. Basato sul meccanismo di Carcassonne, con un tema di esplorazione dei mari e scoperta di nuove terre.
  • con Dario De Toffoli e Dario Zaccariotto, Sudoku, Dal Negro, 2005
  • Holidays, Dal Negro, 2005
  • con Dario Zaccariotto e Dario De Toffoli, Challenge Sudoku, Clementoni, 2005
  • Go West, 2005
  • con Dario De Toffoli e Dario Zaccariotto, Challenge Sudoku - Kakuro Challenge, Clementoni 2006. Confezione unica contenente Challenge Sudoku e Kakuro Challenge
  • con Dario De Toffoli e Dario Zaccariotto, Kakuro, Dal Negro 2006
  • con Dario De Toffoli e Dario Zaccariotto, Kakuro Challenge, Clementoni, 2006
  • con Alessandro Saragosa, Justinianus, 999 Games, 2006
  • con Dario De Toffoli, Babar et le mistère des lettres perdues, Clementoni, 2006. Ambientato nell'universo dell'elefante Babar.
  • con Dario De Toffoli, Nebraska, Dal Negro, 2006
  • con Dario De Toffoli, Mango Tango, Piatnik, 2006. Un'evoluzione di Nebraska con nuove veste grafica.
  • Dschingis Khan, Winning Moves, 2006
  • Cartagena 2, Winning Moves, 2006. Nuovo gioco che prosegue le avventure dei pirati di Cartagena.
  • Mauer Bauer, Hans im Glück, 2006
  • con Alessandra Nove Veronesi, Wikinger Bande, Parkerm 2007
  • con Federico Colovini, Wikinder, Clementoni, 2007
  • con Dario De Toffoli e Dario Zaccariotto, Trova le mine, Clementoni, 2007. Una versione da tavolo dei videogiochi in stile Campo minato
  • con Dario De Toffoli, Totally spies, Clementoni, 2007. Gioco basato sui personaggi della'omonima serie.
  • con Fabio Visintin, Sieben auf einen Streich, Clementoni, 2007
  • con Alessandra Nove Veronesi, Savana, Dal Negro, 2007
  • Foot2Rue, Clementoni, 2007
  • Islas Canarias, Clementoni, 2008
  • con Marco Maggi e Francesco Nepitello, Star Wars - Galaktische Schlachten, Clementoni, 2008. Basato sulla serie animata Star Wars: Clone Wars
  • con Federico Colovini, Wall-e - ein Geschenk für Eva, Clementoni 2008. Una rielaborazione di Wikinger Bande, ma invece di essere a tema vichingo è basato sul film animato WALL•E
  • con Giuseppe Baù, De Gouden Eeuw, Phalanx, 2008
  • con Marco Maggi e Francesco Nepitello, Star Wars - Das letzte Gefecht, Clementoni, 2008. Una versione semplificata di Hektor und Achill, ma giocabile anche in 3/4 giocatori ed a tema Star Wars: Clone Wars
  • Donna Leon: Gefährliches Spiel, Ravensburger, 2009. Gioco da tavolo basato sui romanzi gialli di Donna Leon. L'espansione Donna Leon: Expansion è stata distribuita come omaggio alla Fiera di Essen 2009
  • Atlantis, Amigo Spiele, 2009. Gioco sul mito di Atlantide. Due espansioni sono state distribuit in omaggio alla Fiera di Essen (Atlantis - Variante "Schiffe" nel 2009 e Atlantis - Ikarus nel 2011). Esiste anche una versione semplificata dimostrativa (Atlantis - Schnupperspiel, 2011)
  • Sherlock, Clementoni, 2010
  • Horseland, Clementoni, 2010. Basato sulla serie televisiva Horseland
  • Het Huis Anubis, Cartamundi, 2011
  • Dobbelduel, 999Games, 2011
  • Draco, Schmidt Spiele, 2011
  • Elephant memo, Piatnik, 2011
  • Geizen (Tricky), Schmidt Spiele, 2011
  • con Carlo A. Rossi, Non c'è 2... senza 3!, Giovani nel Tempo, 2012
  • Aztlán, Ares Games, 2012
  • Witches of Blackmore, White Goblin Games, 2012
  • Golden Horn, Piatnik, 2013. Gioco sui mercanti della Repubblica di Venezia. Un'espansione Golden Horn - Dominio da mar è stata pubblicata nel 2015.
  • Hot tin roof, Mayfair Games, 2014
  • Vizoobino, Vizubi, 2014
  • Venezia 2099, Piatnik, 2014
  • Odyssey, Ares Games, 2015
  • Titus Tentakel, HABA 2015
  • Flea Market, Mayfair Games, 2015
  • Think str8!, Huch & Friends, 2015
  • con Fabio Visintin, Forest, Helvetiq, 2016
  • Matterhorn, Helvetiq, 2016
  • Freaky, Amigo Spiele, 2016
  • Leo muss zum Friseur, AbacusSpiele, 2016
  • Polis, 999Games, 2017
  • con Dario De Toffoli, Sherlock, Lupin & io - Caccia al mistero, Edizioni Piemme, 2017
  • Facecards, Ravensburger, 2017
  • con Francesco Sciacqua, Teodoro Mitidieri, Gho Gho Ghosty, Piatnik, 2017

Giochi di ruoloModifica

  • con Dario De Toffoli, Marco Maggi, Francesco Nepitello, Lex Arcana, Dal Negro, 1993
  • con Dario De Toffoli, Francesco Nepitello, Marco Maggi, Lex Arcana - Schermo del demiurgo, Dal Negro, 1993
  • con Dario De Toffoli, Marco Maggi, Francesco Nepitello, Lex Arcana - Germania, Dal Negro, 1993
  • con Marco Maggi e Francesco Nepitello, Lex Arcana - Carthago, Dal Negro, 1996

LibriModifica

  • I giochi nel cassetto — guida teorica per aspiranti autori di giochi, Venice connection, Venezia, 2002, ISBN 88-7090-541-1
  • con Dario De Toffoli e Dario Zaccariotto, Brainquiz — test di logica, di matematica, linguistici, di memoria, Sperling & Kupfer, Milano, 2008, ISBN 978-88-200-4550-0
  • con Dario De Toffoli, Il grande libro degli scacchi, Sperling & Kupfer, Milano, 2009, ISBN 978-88-200-4794-8
  • Casin degli spiriti, Eclissi editrice, Milano, 2013, ISBN 978-88-95200-53-8

NoteModifica

  1. ^ a b c Leo Colovini, su Studio Giochi.
  2. ^ Così con il mio Inkognito metto gli italiani a tavola, in La Repubblica, 22 settembre 1999.
  3. ^ (DEEN) Preisträgerarchiv 1988, Spiel des Jahres.
  4. ^ Ciro Alessandro Sacco, Mondi eroici 2011 – Guida al collezionismo di giochi di ruolo in Italia, Genova, Wild Boar Edizioni, 2010, p. 34, ISBN 978-88-95186-30-6.
  5. ^ Michele Bellone, Il ritorno di Lex Arcana, gioco di ruolo tra Impero romano e magia, su Wired, 18 settembre 2018.
  6. ^ Venice Connection, su studiogiochi.com. URL consultato l'8 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2016).
  7. ^ Lucca Games, il "Best of Show” diventa “Gioco dell'anno" (PDF), 2013. URL consultato il 2 ottobre 2018 (archiviato il 9 agosto 2016).
  8. ^ (DEEN) Preisträgerarchiv 2001, Spiel des Jahres.
  9. ^ (DEEN) Preisträgerarchiv 1994, Spiel des Jahres.
  10. ^ (DEEN) Preisträgerarchiv 2000, Spiel des Jahres.
  11. ^ (DEEN) Preisträgerarchiv 2003, Spiel des Jahres.
  12. ^ (DEEN) Preisträgerarchiv 2016, Spiel des Jahres.
  13. ^ (DE) Deutsche Spielepreis 2016: Mombasa, su brettspielbox.de, 7 settembre 2016. URL consultato il 2 ottobre 2016.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN311483327 · WorldCat Identities (EN311483327