Leon Czolgosz

anarchico statunitense
Leon Czolgosz

Leon Czolgosz (pron. ˈtʂɔlgɔʂ; Alpena, 5 maggio 1873Auburn, 29 ottobre 1901) è stato un anarchico statunitense, noto per essere stato ideatore ed esecutore dell'assassinio del 25º presidente degli Stati Uniti William McKinley.

Indice

BiografiaModifica

Leon Czolgosz nacque ad Alpena, nel Michigan, nel maggio del 1873, da una coppia di immigrati polacchi. Negli ultimi anni della sua vita fu influenzato da anarchici come Emma Goldman (che conobbe di persona a Cleveland, nel 1901) e Aleksandr Berkman. Fu influenzato dall'azione dell'italiano Gaetano Bresci, che il 29 luglio 1900 uccise Umberto I, re d'Italia. Nell'ambiente anarchico non fu ben visto, a causa delle sue idee troppo estreme.

Attentato ed esecuzioneModifica

Esecuzione di Czolgosz, il film documentario di Edison
 Lo stesso argomento in dettaglio: Assassinio di William McKinley.

Il 6 settembre 1901, a Buffalo, New York, sparò con un revolver e colpì due volte il presidente William McKinley, che morì il 14 settembre per le ferite riportate. Emma Goldman fu arrestata come sospetta di coinvolgimento nell'assassinio, ma fu rilasciata per mancanza di indizi.

Il 29 ottobre 1901 fu giustiziato mediante sedia elettrica, con tre scosse di 1700 volt ciascuna, nella prigione di Auburn ad Auburn, New York. L'esecuzione fu filmata da Thomas Alva Edison. Dopo l'esecuzione, il corpo di Czolgosz fu distrutto con calce viva e acido direttamente presso il Cimitero di Soule a Sennett, New York.

Nella cultura di massaModifica

Il personaggio di Leon Czolgosz è uno dei protagonisti del musical Assassins di Stephen Sondheim.

Nel telefilm Reaper, Leon Czolgosz è una delle anime fuggite dall'Inferno che il protagonista deve ricatturare, anche se lui ha cominciato a vedersi con uno psicanalista per i suoi problemi. La capacità dell'anima dell'anarchico è di tramutare le proprie braccia in pistole, chiaro riferimento all'attentato al presidente, a cui viene fatto riferimento in un episodio.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica