Apri il menu principale

Leon Wyczółkowski

pittore polacco
Autoritratto

Leon Jan Wyczółkowski (Huta Miastowska, 11 aprile 1852Varsavia, 27 dicembre 1936) è stato un pittore polacco, uno dei principali esponenti del movimento Giovane Polonia, oltre che il principale rappresentante del suo tempo del Realismo polacco.

BiografiaModifica

Nato nel 1852 a Huta Miastowska, nelle vicinanze di Siedlce, Wyczółkowski è morto nel 1936 a Varsavia.

In un primo momento, nella sua esperienza artistica si dedica al genere della pittura storica con un realismo documentaristico nel particolare. Dopo un viaggio a Parigi, però, cambia interesse e inizia ad applicare le soluzioni tipiche degli impressionisti francesi. Dipinge paesaggi drammatici, nudi e scene pastorali con impasti ed effetti di luce di impronta impressionista (ad esempio, Pescatori che remano). Per un breve periodo subisce l'influenza del simbolismo (cf. Druido fossilizzato), e intorno al 1900 la sua tavolozza assume toni più scuri[1].

La sua opera è caratterizzata da una ricchezza di forme e di mezzi tecnici complessi. Grazie all'amicizia con Feliks Manggha Jasieński, amplia i suoi interessi anche alle scene orientali[1].

Wyczółkowski era un maestro delle composizioni floreali e delle nature morte. Durante la sua carriera artistica, ha ritratto quasi tutto il mondo dell'arte di Cracovia. Molte sue opere sono esposte nel Museo nazionale di Varsavia e nel Museo nazionale di Cracovia.

Altre immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Leon Wyczółkowski, su Culture.pl. URL consultato il 9 marzo 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN52005532 · ISNI (EN0000 0001 0901 3033 · LCCN (ENn91040806 · GND (DE118907751 · BNF (FRcb15558880c (data) · ULAN (EN500022022 · BAV ADV11332150 · WorldCat Identities (ENn91-040806