Apri il menu principale

Leonardo Antonio Olivieri (Martina Franca, 23 febbraio 1689Napoli, 7 giugno 1752) è stato un pittore italiano della scuola napoletana di Francesco Solimena.

BiografiaModifica

Nato a Martina nel 1689, ove fu avviato alla pittura dallo zio omonimo, agrimensore e ricamatore. A Napoli fu allievo del Solimena, ove mori' nel 1752, ha lasciato le sue opere di pittura sacra nelle chiese di tutta l'Italia meridionale[1].

OpereModifica

  • Giacobbe che lotta con l’angelo, tempera su muro, Chiesa di Sant’Antonio ai Cappuccini, Martina Franca.
  • Il sogno della scala, tempera su muro, Chiesa di Sant’Antonio ai Cappuccini, Martina Franca
  • San Pietro, olio su tela, 63x49, Chiesa di Sant’Antonio ai Cappuccini, Martina Franca
  • San Paolo, olio su tela, 63x49, Chiesa di Sant’Antonio ai Cappuccini, Martina Franca
  • Immacolata, Chiesa di Sant’Antonio ai Cappuccini, Martina Franca
  • Assunta, olio su tela, Sant’Antonio ai Cappuccini, Martina Franca.
  • Immacolata, olio su tela, 122x78, Arciconfraternita dell’Immacolata degli artieri, Martina Franca.
  • La Vergine del Carmelo consegna lo scapolare a San Simone Stock, olio su tela, 200x150, firmata e datata: Oliverius F. 1720, Chiesa del Carmine, Sagrestia, Martina Franca.
  • Natività della Vergine, olio su tela, 128x100, firmata e datata: Oliverius F. 1732, Oratorio della Confraternita della Natività e dei Dolori di Maria Santissima, Martina Franca.
  • La Vergine delle Grazie con i Santi Carlo Borromeo, Bonaventura da Bagnoregio, Pasquale Baylon, Chiara, Lucia e Rosa da Viterbo, firmata e datata: Oliverius F. 1736, Chiesa di Sant’Antonio, Martina Franca.
  • La donazione di alcuni feudi da parte del conte Goffredo il Normanno, 1718, scalone Palazzo vescovile, Nardò.
  • L’arrivo a Nardò delle reliquie di San Gregorio Armeno, 1718, scalone Palazzo vescovile, Nardò.
  • Vergine con Bambino in gloria, 1721, Chiesa di Santa Maria Materdomini, Napoli.
  • Gesù e la Maddalena in casa del fariseo, 1725, sovrapporta coretto Chiesa di San Gregorio Armeno, Napoli.
  • La lavanda dei piedi, 1725, sovrapporta coretto Chiesa di San Gregorio Armeno, Napoli.
  • San Giovanni Evangelista, 1730, Cattedrale, Nardò.
  • San Bernardino, 1730, Cattedrale, Nardò.
  • Battesimo di Cristo, 1730, Cattedrale, Nardò.
  • Immacolata e Santi, 1730, Cattedrale, Nardò.
  • Cristo in gloria pregato dalla Vergine di deporre lo sdegno contro dei peccatori, con le tre Virtù Teologali e San Filippo Neri nell'atto di accogliere i pellegrini, 1733, Oratorio della Confraternita dei Nobili in Santa Maria della Misericordia ai Vergini, Napoli.
  • Immacolata Concezione tra l’arcangelo Michele e San Gennaro, 1738, Basilica di San Paolo Maggiore, Napoli.
  • Trionfo dell’Ordine Francescano, 1740, ex Convento di San Francesco, Taranto, ora Chiesa di San Domenico, Taranto.
  • Trionfo dell’Ordine francescano, bozzetto, Chiesa di Santa Maria di Piedigrotta, Napoli.
  • La sacra famiglia, 1747, Castello svevo, Bari.
  • Deposizione, Castello svevo, Bari.
  • Deposizione, Chiesa Nuova di Santa Maria dei sette dolori, Poggiorsini.
  • Affreschi nella cappella della Nuova sacrestia dei Gerolamini, 1750, Napoli.
  • Assunta adorata da Santi vescovi, 1752, Cattedrale, Caiazzo.
  • San Gennaro in gloria, olio su tela, Chiesa di San Gennaro (Napoli).
  • La Sacra Famiglia con i Santi Agata ed Antonio Abate, olio su tela, Chiesa di San Giovanni in Corte, Napoli.

NoteModifica

  1. ^ Encyclopedia Treccani, Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 79 (2013), Francesco Franco.
Controllo di autoritàVIAF (EN32922334 · LCCN (ENnr90022417 · GND (DE124146929 · CERL cnp00579260