Apri il menu principale
Leopoldina di Braganza
Princess leopoldina 1868.jpg
Principessa di Sassonia-Coburgo-Gotha
Duchessa in Sassonia
Nome completo Leopoldina Teresa Francisca Carolina Miguela Gabriela Rafaela Gonzaga
Nascita Palazzo de São Cristóvão, Rio de Janeiro, Impero del Brasile, 13 luglio 1847
Morte Palazzo Coburgo, Vienna, Austria-Ungheria, 7 febbraio 1871
Luogo di sepoltura Chiesa di Sant'Agostino, Coburgo
Padre Pietro II del Brasile
Madre Teresa Cristina delle Due Sicilie
Consorte Luigi Augusto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Figli Principe Pietro
Principe Augusto Leopoldo
Principe Giuseppe Ferdinando
Principe Luigi Gastone

Leopoldina del Brasile, (nome completo Leopoldina Teresa Francisca Carolina Micaela Gabriela Rafaela Gonzaga de Bragança[1]) (Rio de Janeiro, 13 luglio 1847Vienna, 7 febbraio 1871), infanta del Brasile[1] e principessa di Sassonia-Coburgo-Gotha per nascita, divenne duchessa di Sassonia per matrimonio.

Famiglia d'origineModifica

Suo padre era l'imperatore Pietro II del Brasile (1825-1891)[1] della casa di Braganza, figlio dell'imperatore Pietro I (1798-1834) e dell'imperatrice Maria Leopoldina (1797-1826)[1], nata arciduchessa d'Austria; sua madre era l'imperatrice Teresa Cristina di Borbone-Due Sicilie (1822-1889), a sua volta figlia del re Francesco I delle Due Sicilie (1777-1830) e della regina Maria Isabella (1789-1848), nata infanta di Spagna.

Nata nel Paço de São Cristóvão, Quinta de Boa Vista, Rio de Janeiro, la principessa Leopoldina e la sorella maggiore Isabella, trascorsero la maggior parte della loro infanzia nella città di Petrópolis. Numerosi insegnanti vennero incaricati di educare le due giovani principesse e fu elaborato un rigoroso e vastissimo programma di studi vigilato costantemente dall'Imperatore, che comprendeva, oltre al portoghese e la sua letteratura, il francese, l'inglese, l'italiano, il tedesco, il latino e il greco, la storia, tutte le materie scientifiche, come algebra, geometria, chimica, fisica e, ancora, geografia, cosmografia, botanica, zoologia, mineralogia, geologia, economia, retorica, disegno, pittura e musica. Le principesse seguivano le lezioni per sei giorni alla settimana, dalle sette del mattino alle nove e mezzo della sera. Potevano ricevere visite solo nei giorni festivi o in altre occasioni, solo se permesse dall'Imperatore. Alternavano lo studio con alcuni momenti di svago, tra i quali i preferiti erano le passeggiate a cavallo.

MatrimonioModifica

Pietro II aveva incaricato la sorella, Francesca, di trovare dei mariti per le sue figlie. I due candidati scelti dall'imperatore - suo nipote, Pietro, duca di Penthièvre, e Filippo, conte di Fiandra (figlio di Leopoldo I del Belgio) respinsero l'offerta portando il monarca a scegliere Luigi Augusto di Sassonia-Coburgo-Gotha e di Gaston d'Orléans.

 
Leopoldina di Braganza e Luigi Augusto di Sassonia-Coburgo-Gotha, nel 1865

L'unione di Leopoldina e Luigi Augusto è stato concordato attraverso una convenzione matrimoniale stipulato tra l'imperatore del Brasile e Ernesto II, duca di Sassonia-Coburgo-Gotha. Secondo agli articoli 3, 4 e 5 del contratto stipulato, si stabilì che la coppia avrebbe dovuto, tra le altre cose, risiede parte dell'anno in Brasile.

Il 15 dicembre del 1864[1], Leopoldina sposò il principe Luigi Augusto di Sassonia-Coburgo-Kohary (1842-1922), figlio secondogenito del principe Augusto di Sassonia-Coburgo-Kohary (1818-1881) e della principessa Clementina d'Orléans (1817-1907).
Luigi Augusto era nipote del re dei francesi Luigi Filippo d'Orléans e cugino di Gastone d’Orléans, conte d'Eu, marito di sua cognata Isabella.

 
duchi di Sassonia con il loro primogenito, Pietro Augusto, nel 1866.

Dal matrimonio nacquero quattro figli:[1]

MorteModifica

Nei primi mesi del 1871, Leopoldina mostrò i primi sintomi della malattia che l'avrebbe uccisa. Leopoldina morì a Vienna di febbre tifoide all'età di ventitré anni[1]. In onore della principessa, l'imperatore Francesco Giuseppe I d'Austria decretò, lutto ufficiale per 30 giorni. Dopo il funerale solenne celebrata dal Nunzio Apostolico, monsignor Mariano Falcinelli Antoniacci, il suo corpo fu trasferito a Coburg, in cui i rappresentanti di tutte le case reali d'Europa hanno partecipato alla sepoltura. Il suo corpo riposa nella cripta della chiesa di San Agostino, a Coburgo, accanto alle tombe di suo marito e dei figli.

AscendenzaModifica

Principessa Leopoldina del Brasile Padre:
Pietro II del Brasile
Nonno paterno:
Pietro IV del Portogallo
Bisnonno paterno:
Giovanni VI del Portogallo
Trisnonno paterno:
Pietro III del Portogallo
Trisnonna paterna:
Maria I del Portogallo
Bisnonna paterna:
Carlotta Gioacchina di Borbone-Spagna
Trisnonno paterno:
Carlo IV di Spagna
Trisnonna paterna:
Maria Luisa di Borbone-Parma
Nonna paterna:
Maria Leopoldina d'Asburgo-Lorena
Bisnonno paterno:
Francesco II d'Asburgo-Lorena
Trisnonno paterno:
Leopoldo II d'Asburgo-Lorena
Trisnonna paterna:
Maria Luisa di Borbone-Spagna
Bisnonna paterna:
Maria Teresa di Borbone-Napoli
Trisnonno paterno:
Ferdinando I delle Due Sicilie
Trisnonna paterna:
Maria Carolina d'Asburgo-Lorena
Madre:
Teresa Cristina di Borbone-Due Sicilie
Nonno materno:
Francesco I delle Due Sicilie
Bisnonno materno:
Ferdinando I delle Due Sicilie
Trisnonno materno:
Carlo III di Spagna
Trisnonna materna:
Maria Amalia di Sassonia
Bisnonna materna:
Maria Carolina d'Asburgo-Lorena
Trisnonno materno:
Francesco I di Lorena
Trisnonna materna:
Maria Teresa d'Austria
Nonna materna:
Maria Isabella di Borbone-Spagna
Bisnonno materno:
Carlo IV di Spagna
Trisnonno materno:
Carlo III di Spagna
Trisnonna materna:
Maria Amalia di Sassonia
Bisnonna materna:
Maria Luisa di Borbone-Parma
Trisnonno materno:
Filippo I di Parma
Trisnonna materna:
Elisabetta di Borbone-Francia

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Darryl Lundy, Genealogia dell'infanta Leopoldina del Brasile, thePeerage.com, 17 aprile 2005. URL consultato il 16 dicembre 2009.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN256152742922327731785 · LCCN (ENno2018150851 · WorldCat Identities (ENno2018-150851