Lewon Mirzoyan

politico sovietico
Levon Isaevič Mirzojan
Levon Mirzoyan.jpg

Primo Segretario del Partito Comunista dell'Azerbaigian
Durata mandato 21 gennaio 1926 –
5 agosto 1929
Predecessore Sergej Kirov
Successore Nikolaj Gikalo

Primo Segretario del Partito Comunista del Kazakistan
Durata mandato 5 dicembre 1936 –
3 maggio 1938
Predecessore carica istituita
Successore Nikolaj Skvorcov

Segretario del Comitato regionale del Kazakistan del Partito Comunista di tutta l'Unione
Durata mandato febbraio 1933 –
5 dicembre 1936
Predecessore Filipp Gološčëkin
Successore carica abolita

Deputato del Soviet dell'Unione del Soviet Supremo dell'URSS
Legislature I
Circoscrizione RSS Kazaka

Dati generali
Partito politico Partito Comunista di tutta l'Unione (bolscevico)

Lewon Esayii Mirzoyan (in armeno: Լևոն Եսայիի Միրզոյան?; in russo: Левон Исаевич Мирзоян?, traslitterato: Levon Isaevič Mirzojan; Governatorato di Elizavetpol', 14 novembre 1897Mosca, 26 febbraio 1939) è stato un politico sovietico di origini armene. Fu segretario del Partito Comunista della Repubblica Socialista Sovietica Azera dal 21 gennaio 1926 al 5 agosto 1929 e del Partito Comunista della RSS Kazaka dal 5 dicembre 1936 al 3 maggio 1938. Venne giustiziato durante le Grandi purghe.

BiografiaModifica

Mirzoyan nacque nel villaggio di Ashan, nel distretto di Şuşa in Armenia, che ai tempi era parte del Governatorato di Elizavetpol' dell'Impero russo, da una famiglia contadina. Nel 1917 entrò nel Partito Operaio Socialdemocratico Russo. Tra il 1926 e il 1929, fu Primo Segretario del Partito Comunista dell'Azerbaigian, tra il 1929 e il 1933, fu segretario del comitato regionale di Perm' del Partito Comunista di tutta l'Unione (bolscevico) e poi fu secondo segretario del comitato regionale degli Urali. Nel 1933, divenne primo segretario del comitato regionale del Kazakistan. Infine nel 1937, divenne primo segretario del Partito Comunista del Kazakistan. Fu membro del Comitato Centrale del PCUS.

Secondo l'ambasciatore kazako in Armenia Ajymdos Bozžīgītov, Mirzoyan fece molto "per la formazione e lo sviluppo dell'economia kazaka".[1] Aggiunse anche che il "popolo kazako lo chiamava Mirzayan[non chiaro], e lo ricordava con gratitudine".[2]

Nel 1938 Mirzoyan inviò un telegramma a Stalin e a Vjaceslav Molotov, in cui espresse la sua disapprovazione per la decisione di spostare i coreani deportati nel 1936 dal Territorio del Litorale al Kazakistan dalla parte sud della repubblica verso il nord, dove non potevano coltivare il riso. Espresse anche i suoi dubbi nei confronti dei metodi della NKVD. Nell'estate del 1938, fu arrestato e detenuto nella prigione di Lefortovo a Mosca. Il 26 febbraio 1939 fu giustiziato. Fu in seguito riabilitato nel 1958

NoteModifica

  1. ^ "Economic cooperation Achilles' heel of Armenian-Kazakh relations". news.am. 8 January 2011.
  2. ^ "The visit of the delegation of Eurasian National University to YSU". ysu.am. Yerevan State University. 20 April 2011.

Collegamenti esterniModifica

  • Kazakhstan, World Statesmen. URL consultato il 7 marzo 2010.
Controllo di autoritàVIAF (EN2337151778257318130007 · WorldCat Identities (ENviaf-2337151778257318130007