Libera Università Maria Santissima Assunta

università privata in Italia
Libera Università Maria ss. Assunta
Università-LUMSA-logo-2019.png
Sede traspontina.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàRoma
Dati generali
Nome latinoLibera Universitas Maria Ss. Assumpta
MottoIn fide et humanitate
Fondazione26 ottobre 1939
FondatoreLuigia Tincani
Tipouniversità privata
Dipartimenti
  • Giurisprudenza (Palermo)
  • Giurisprudenza, economia, politica, lingue moderne (Roma)
  • Scienze umane (Roma)
RettoreFrancesco Bonini
PresidenteGiovanni Lajolo
Dir. generaleGiannina Di Marco
Coloribianco e verde
Mappa di localizzazione
Sito web

La Libera Università Maria Santissima Assunta (LUMSA) è un'università non statale italiana d'ispirazione cattolica con sede principale a Roma e altre sedi a Gubbio, Palermo e Taranto.

StoriaModifica

Istituto superiore di magistero Maria Santissima Assunta

Nel 1939 nasce in via Traspontina a Roma, la sola sede concessa direttamente dalla Santa Sede, l'Istituto superiore di magistero Maria Santissima Assunta, costituito da Luigia Tincani per dare accesso all'istruzione universitaria delle religiose, a loro negato fino a gran parte della prima metà del XX secolo. Nei primi anni di attività, a ridosso della seconda guerra mondiale, nell'Istituto vi insegnano docenti di stampo antifascista, esclusi dall'insegnamento in quella che fino a quel momento era stata la sola università della capitale italiana, la Regia università di Roma, divenuta in seguito la Sapienza. Nel 1967 vengono aperte le iscrizioni alle studentesse laiche. La popolazione studentesca resterà di solo sesso femminile fino agli inizi degli anni ’90, così come gli insegnamenti proposti saranno fino a quel periodo di solo stampo pedagogico.

Libera università Maria Santissima Assunta

Nel 1989 nasce, per decreto dell'allora Ministero dell'università e della ricerca, la Libera università Maria Santissima Assunta (LUMSA), con la sola facoltà di magistero. All'inizio degli anni '90 l'ateneo si amplia: prende possesso dell'edificio di piazza delle Vaschette e nel 1991 viene inaugurata la facoltà di lettere e filosofia. Nel 1992 arrivano i primi corsi di laurea in scienze della comunicazione e i diplomi universitari in giornalismo e tecnica pubblicitaria. Le iscrizioni si aprono anche agli studenti di sesso maschile e nel 1995, l'università entra in possesso del nuovo stabile di via Pompeo Magno, nelle vicinanze della corte di cassazione, dove viene attivata la facoltà di giurisprudenza. Pochi anni dopo, rispettivamente nel 1997 e 1999, vengono aperte le sedi universitarie di Taranto e Palermo, mentre al termine del Giubileo del 2000, viene acquisito il complesso di via di Porta Castello. Il 10 luglio del 2002 viene inaugurata la nuova sede, rimodernata nel 2016 e ampliata con la costruzione di una nuova biblioteca e di un campus multifunzionale adiacenti la vecchia struttura. Nel novembre 2017 la LUMSA ha rimodernato un'ulteriore sede distaccata a Gubbio[1].

StrutturaModifica

Lo statuto approvato nel 2011[2] ridefinisce l'organizzazione dell'ateneo, articolandolo in tre dipartimenti:

  • Giurisprudenza, economia, politica e lingue moderne[3] (Roma)
  • Giurisprudenza[4] (Palermo)
  • Scienze umane[5] (Roma)

L'ateneo dispone di quattro sedi a Roma

  • Giubileo, in via di Porta Castello
  • Pompeo Magno, in via Pompeo Magno
  • Traspontina, a Borgo Sant'Angelo
  • Vaschette, in piazza delle Vaschette

Alle quali s'affiancano:

  • Complesso San Domenico, in piazza Giordano Bruno a Gubbio
  • Giurisprudenza, in via Filippo Parlatore a Palermo
  • Santa Silvia, in via Umberto Maddalena a Poggio Ridente di Palermo
  • Sezione Edas, in piazza santa Rita a Taranto
Residenze

L'università ospita a Roma due residenze per studenti fuori sede in piazza Adriana, adiacente Castel Sant'Angelo, e in piazza delle Vaschette.

Scuole

L'università è sede di due scuole di specializzazione, organizzate e riconosciute secondo la normativa ministeriale:

Alle precedenti s'affianca la scuola di giornalismo, cui fanno capo: un quotidiano online, un giornale radio, un telegiornale settimanale e un periodico a cadenza quindicinale.

RicercaModifica

La LUMSA è dotata di due centri a supporto della ricerca scientifica: il centro d'ateneo per la ricerca e l'internazionalizzazione (CARI) e il comitato etico per la ricerca scientifica (CERS), ossia un organismo autonomo di valutazione delle proposte di ricerca.

Sistema bibliotecarioModifica

Le biblioteche dipartimentali della LUMSA di Roma sono state accorpate nel 2016 con l'inaugurazione della nuova biblioteca Attilio Nicora, al cui interno sono ospitati 150.000 volumi, 410 periodici correnti afferenti alle scienze umanistiche, giuridiche, economiche e politiche; alle scienze della comunicazione, dell'educazione e della psicologia e ventidue banche dati multidisciplinari. La struttura è aperta alla consultazione per i cittadini del quartiere.

A Palermo è presente la biblioteca Giuseppe Dalla Torre che ospita due sale e un patrimonio librario di circa 9.000 volumi e di 75 periodici correnti. Anche la sede di Taranto è dotata di una biblioteca che contiene volumi e riviste sul terzo settore e sul non profit.

SportModifica

L'attività sportiva dell'ateneo è affiliata al CSI ed è integrata alla rete interuniversitaria UniSport Roma[7][8]. In seno all'università sono attive le rappresentative di calcio maschile, pallavolo femminile e rugby a 7 maschile.

DirettoriModifica

Direttori dell'istituto pareggiato di magistero:

RettoriModifica

NoteModifica

  1. ^ Gubbio: riapre la sede distaccata della LUMSA, su Corriere dell'economia.
  2. ^ Statuto della Libera Università Maria Ss. Assunta (PDF), su lumsa.it, 6 settembre 2011. URL consultato il 20 maggio 2019.
  3. ^ Dipartimento di Giurisprudenza, economia, politica e lingue moderne, su lumsa.it. URL consultato il 20 maggio 2019.
  4. ^ Dipartimento di Giurisprudenza (Palermo), su lumsa.it. URL consultato il 20 maggio 2019.
  5. ^ Dipartimento di Scienze umane, su lumsa.it. URL consultato il 20 maggio 2019.
  6. ^ Scuola di specializzazione per le professioni legali, su lumsa.it. URL consultato il 13 novembre 2019.
  7. ^ Oltre a LUMSA, fanno parte della rete: Campus Bio Medico, Cattolica, Europea, Roma Tre, Sapienza e Tor Vergata.
  8. ^ Unisport, progetto Csi per atenei romani, su Ansa.

BibliografiaModifica

  • Benedetta Papàsogli, Luigia Tincani: l'oggi di Dio sulle strade dell'uomo, Roma, Città Nuova, 1985. ISBN 88-311-5426-5
  • Giuseppe Dalla Torre, La Libera Università Maria Ss. Assunta, LUMSA: storia di un'idea, Roma, Aracne, 2003. ISBN 88-7999-459-X
  • Marco Bartoli (a cura di), In fide et humanitate: 70 anni della LUMSA, Prefazione del Cardinale Attilio Nicora, Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 2009. ISBN 978-88-209-8295-9

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN132587085 · ISNI (EN0000 0001 1956 0575 · LCCN (ENn95031976 · GND (DE1232347-0 · BNF (FRcb13559865f (data) · BAV (EN494/82805 · WorldCat Identities (ENlccn-n95031976