Liberato da Loro

francescano italiano
Beato Liberato da Loro

Francescano

Nascita Loro Piceno 1287 ?
Morte Soffiano 1231
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione 2 settembre 1713 (conferma del culto)
Santuario principale San Liberato in comune di San Ginesio
Ricorrenza 6 settembre
Attributi raffigurato con l'abito francescano, in contemplazione con uccellini posati su capo, spalle e braccia; o giacente, ristorato in punto di morte dalla Vergine accompagnata da uno stuolo di angeli e da tre sante vergini.[1]

Liberato da Loro (Loro Piceno, XIII secoloSoffiano, 1231 circa) è stato un francescano italiano.

Il suo culto come beato fu confermato, una prima volta, da papa Clemente XI il 2 settembre 1713 e, nuovamente, da papa Pio IX nel 1868.

Indice

BiografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ cfr. Actus b. Francisci et sociorum eius, LIX; Fior., 47.

BibliografiaModifica

  • Arnaldo Sancricca, Liberato da Loro il santo Anonimo di Soffiano. La presenza dei frati Minori e dei Clareni nei dintorni di Sarnano e di San Ginesio (XIII, XIV e XV sec.), Sanseverino Marche 2001.
  • Arnaldo Sancricca, I Signori di Loro e la nascita del comune, Sanseverino Marche 2001.
  • Arnaldo Sancricca, Il piatto di S. Liberato da Loro, aspetto devozionale di una reliquia “ex contactu”, “Picenum Seraphicum”, nuova serie, anno XXII-XXIII (2003-2004), 2005.
  • Arnaldo Sancricca, La genealogia delle Provincie de' santi e de' beati della Religione di S. Francesco, un'opera a stampa attribuita a fr. Mariano da Firenze nel Summarium super non remotione cultus di S. Liberato da Loro, “Picenum Seraficum”, n.s., XXIV (2005);
  • Arnaldo Sancricca, La definitiva incorporazione dei “Fratres” di Angelo Clareno nell'Osservanza Cismontana con riferimenti attinenti allo stato dei conventi nella Marca, in “Studi Maceratesi”, 43 (2009), pp. 230–309.

Collegamenti esterniModifica