Apri il menu principale

Liberato da Loro

francescano italiano
Beato Liberato da Loro

Francescano

 
NascitaLoro Piceno 1287 ?
MorteSoffiano 1231
Venerato daChiesa cattolica
Beatificazione2 settembre 1713 (conferma del culto)
Santuario principaleSan Liberato in comune di San Ginesio
Ricorrenza6 settembre
Attributiraffigurato con l'abito francescano, in contemplazione con uccellini posati su capo, spalle e braccia; o giacente, ristorato in punto di morte dalla Vergine accompagnata da uno stuolo di angeli e da tre sante vergini.[1]

Liberato da Loro (Loro Piceno, XIII secoloSoffiano, 1231 circa) è stato un francescano italiano. Il suo culto come beato fu confermato, una prima volta, da papa Clemente XI il 2 settembre 1713 e, nuovamente, da papa Pio IX nel 1868.

Indice

BiografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ cfr. Actus b. Francisci et sociorum eius, LIX; Fior., 47.

BibliografiaModifica

  • Arnaldo Sancricca, Liberato da Loro il santo Anonimo di Soffiano. La presenza dei frati Minori e dei Clareni nei dintorni di Sarnano e di San Ginesio (XIII, XIV e XV sec.), Sanseverino Marche 2001.
  • Arnaldo Sancricca, I Signori di Loro e la nascita del comune, Sanseverino Marche 2001.
  • Arnaldo Sancricca, Il piatto di S. Liberato da Loro, aspetto devozionale di una reliquia “ex contactu”, “Picenum Seraphicum”, nuova serie, anno XXII-XXIII (2003-2004), 2005.
  • Arnaldo Sancricca, La genealogia delle Provincie de' santi e de' beati della Religione di S. Francesco, un'opera a stampa attribuita a fr. Mariano da Firenze nel Summarium super non remotione cultus di S. Liberato da Loro, “Picenum Seraficum”, n.s., XXIV (2005);
  • Arnaldo Sancricca, La definitiva incorporazione dei “Fratres” di Angelo Clareno nell'Osservanza Cismontana con riferimenti attinenti allo stato dei conventi nella Marca, in “Studi Maceratesi”, 43 (2009), pp. 230–309.

Collegamenti esterniModifica