Librizzi

comune italiano
Librizzi
comune
Librizzi – Stemma Librizzi – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
Città metropolitanaProvincia di Messina-Stemma.svg Messina
Amministrazione
SindacoDi Blasi Renato (lista civica Comunità e territorio) dall'11-6-2017
Territorio
Coordinate38°06′N 14°57′E / 38.1°N 14.95°E38.1; 14.95 (Librizzi)Coordinate: 38°06′N 14°57′E / 38.1°N 14.95°E38.1; 14.95 (Librizzi)
Altitudine501 m s.l.m.
Superficie23,39[1] km²
Abitanti1 610[2] (31-8-2020)
Densità68,83 ab./km²
FrazioniColla Maffone, Murmari, Nasidi, San Pancrazio, Santa Venera, Vallonevina Sup. e Inf., Acquaverni
Comuni confinantiMontagnareale, Montalbano Elicona, Patti, San Piero Patti, Sant'Angelo di Brolo
Altre informazioni
Cod. postale98064
Prefisso0941
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT083039
Cod. catastaleE571
TargaME
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[3]
Nome abitantilibrizzesi
PatronoMadonna della Catena
Giorno festivo8 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Librizzi
Librizzi
Librizzi – Mappa
Posizione del comune di Librizzi all'interno della città metropolitana di Messina
Sito istituzionale

Librizzi è un comune italiano di 1 610 abitanti della città metropolitana di Messina in Sicilia.

Librizzi fa parte del Consorzio Intercomunale Tindari-Nebrodi.

Geografia fisicaModifica

Il centro storico sorge su una collina (501 m s.l.m.) delimitata a valle dai torrenti Timeto e Librizzi, a circa 60 km da Messina e a circa 170 km da Palermo. A nord guarda sul Mar Tirreno e sulle Isole Eolie. I territori dei comuni di San Piero Patti, Montalbano Elicona, Patti e Librizzi si incontrano in un punto chiamato Quattrofinaiti.

StoriaModifica

Leggiamo che nel 1392 Libritium (corr. di Liberitum, ‘vigneto’, dal proto-latino liber, ‘vino’) fu costuito in oppidum, cioè in ‘borgo amministrato, comune’, da Bartolomeo d’Aragona, gran siniscalco del Regno di Sicilia (Vito M. Amico, Lexicon topographicum siculum etc. T. III, p. 282. Catania, 1760). Dunque Librizzi era centro vinicolo già nell'antichità e, per quanto riguarda l'etimologia del suo nome, è noto che gli antichi italici avevano un dio Liber corrispondente al greco Bacco, come spiega il lessicografo e grammatico romano Sesto Pompeo Festo (sec.II d.C.) nel suo De verborum significatione:

Liber, scopritore del vino, fu così chiamato perché coloro che sono smodatamente usi al vino dicano pure qualsiasi cosa liberamente.'' (Liber repertor vini ideo sic appellatur, quod vino nimio usi omnia libere loquantur. Parte I, p. 82. Budapest, 1889). [4]

Pare che la comunità di Librizzi si sia formata verso l'anno 1100, intorno al castello Brichinnai (Βριχίνναι in greco), sui cui ruderi oggi sorge la Chiesa Madre. Sul paese, per secoli, esercitò il suo potere temporale il Vescovado di Patti (e prima quello di Patti e Lipari), proprio per questo il vescovo di Patti deteneva il titolo di "Conte di Librizzi". Di tempo in tempo, le terre di Librizzi furono concesse a Vinciguerra d'Aragona (1371), al conte Guerao Gullielm De Sidot (1392), a Berengario Orioles barone di San Piero Patti e alla nobile Ljanora de Centelles (1413). Il papa Pio V, nel 1567 prima e poi nel 1571, “fulminò” scomunica contro i Librizzesi detentori dei beni appartenenti alla Mensa Vescovile di Patti. Il paese non ebbe mai proprie famiglie di nobile casato[5].

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

Architetture civiliModifica

Grazie alle antiche tradizioni contadine, sul territorio sono sparse diverse testimonianze della laboriosità del suo popolo:

  • Palmenti scavati nella pietra,
  • Mulini ad acqua, ruderi.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[6]

CulturaModifica

Feste religiose e popolariModifica

Librizzi celebra la festa del Santo Patrono, la Madonna della Catena, con una processione nella prima domenica dopo ferragosto.

MediaModifica

Emittenti Radio e TV esistenti nel passato a LibrizziModifica

  • Canale Alpha

AmministrazioneModifica

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1946 1949 Antonino Arlotta Sindaco
1949 1962 Carmelo Adamo lista civica "ape" Sindaco
1962 1967 Antonino Freni Sindaco
1967 1969 Carlo Allegra lista civica "gallo" Sindaco
1969 1970 Nino Capizzi eletto dal consiglio comunale dopo dimissioni/sfiducia del precedente Sindaco
1970 1971 Arturo Finocchiaro eletto dal consiglio comunale dopo dimissioni/sfiducia del precedente Sindaco
1971 1972 Antonino Freni eletto dal consiglio comunale dopo dimissioni/sfiducia del precedente Sindaco
1972 1978 Antonino Freni lista civica "campana" Sindaco
1978 1993 Antonino Di Blasi Democrazia Cristiana Sindaco
1993 2002 Maria Sciammetta Democrazia Cristiana \ lista civica "Librizzi paese mio" Sindaco
2002 2007 Antonino Siragusano lista civica "Uniti per Librizzi" Sindaco
2007 2017 Renato Cilona lista civica "Nuovo impegno per Librizzi" Sindaco
2017 in corso Renato Di Blasi lista civica "Comunità e territorio" Sindaco

Altre informazioni amministrativeModifica

Il comune di Librizzi fa parte delle seguenti organizzazioni sovracomunali: regione agraria n.8 (Colline litoranee di Patti)[7].

NoteModifica

  1. ^ Dati Istat 2011, su istat.it. URL consultato il 22 maggio 2014.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2020.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Guglielmo Peirce, Le origini preistoriche dell'onomastica italiana. P. 324. Napoli, 2001.
  5. ^ senza fonte
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ GURS Parte I n. 43 del 2008, su gurs.regione.sicilia.it. URL consultato il 22 maggio 2014.

BibliografiaModifica

  • Laura Costantino, Librizzi. Frammenti di poesia visiva, Gioiosa Marea, Pungitopo Editrice, 2015, ISBN 978-88-97601-63-0.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sicilia