Libro di Abacuc

libro della Bibbia
Antico Testamento
Ebraico, Cattolico, Ortodosso, Protestante

Pentateuco:

Profeti anteriori o Libri storici:

Profeti posteriori - Profeti maggiori:

Profeti posteriori - Profeti minori:

Scritti:

Meghillot:

Sino a qui riferimenti ebraici

Deuterocanonici
(non canonici per/secondo gli ebrei,
canonici per cattolici e ortodossi,
apocrifi per protestanti)
Ortodosso
Siriaco (Peshitta)
Progetto Religione
uso tabella

Il Libro di Abacuc (ebraico חבקוק, habaqqùq; greco Αβακούμ, abakùm; latino Habacuc) è un testo contenuto nella Bibbia ebraica (Tanakh) e cristiana.

È scritto in ebraico e la redazione del libro è avvenuta nel Regno di Giuda attorno a fine VII inizio VI secolo a.C.

È composto da 3 capitoli e contiene vari oracoli del profeta Abacuc contenenti in particolare esortazione alla fedeltà a Dio nonostante le avversità.

RiassuntoModifica

Il primo capitolo è una discussione tra il Signore e il profeta che è turbato dal veder apparentemente prosperare i cattivi. Nel secondo capitolo il Signore gli raccomanda di essere paziente; infatti i giusti devono imparare a vivere conformemente alla fede. Il capitolo terzo contiene la preghiera di Abacuc nella quale egli riconosce la giustizia di Dio.

InfluenzeModifica

L'espressione di Abacuc "il giusto vivrà per la sua fede" (2,4[1]) verrà ripresa da San Paolo nella sua dottrina sulla fede cristiana (Romani 1,17[2], Galati 3,11[3], Ebrei 10,38[4]).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN179804577 · LCCN (ENn84231949 · GND (DE4022705-4 · BNF (FRcb12065832q (data)
  Portale Bibbia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bibbia
  1. ^ Abacuc 2,4, su laparola.net.
  2. ^ Rm 1,17, su laparola.net.
  3. ^ Gal 3,11, su laparola.net.
  4. ^ Eb 10,38, su laparola.net.