Licenza (Italia)

comune italiano
Licenza
comune
Licenza – Stemma Licenza – Bandiera
Licenza – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
Città metropolitanaProvincia di Roma-Stemma.png Roma
Amministrazione
SindacoLuciano Romanzi (lista civica) dal 05-06-2016
Territorio
Coordinate42°04′27.28″N 12°54′05.65″E / 42.074244°N 12.901569°E42.074244; 12.901569 (Licenza)Coordinate: 42°04′27.28″N 12°54′05.65″E / 42.074244°N 12.901569°E42.074244; 12.901569 (Licenza)
Altitudine475 m s.l.m.
Superficie17,99 km²
Abitanti1 011[1] (01-01-2016)
Densità56,2 ab./km²
FrazioniCivitella
Comuni confinantiMandela, Monteflavio, Percile, Roccagiovine, San Polo dei Cavalieri, Scandriglia (RI)
Altre informazioni
Cod. postale00026
Prefisso0774
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT058051
Cod. catastaleE576
TargaRM
Cl. sismicazona 2B (sismicità media)
Nome abitantilicentini
Patronosan Rocco
Giorno festivo16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Licenza
Licenza
Licenza – Mappa
Posizione del comune di Licenza nella città metropolitana di Roma Capitale
Sito istituzionale

« O fons Bandusiae, splendidior vitro,
dulci digne mero non sine floribus,
cras donaberis haedo, cui frons turgida cornibus [...]. »

(Quinto Orazio Flacco, Odi, 3,13)

Licenza è un comune italiano di 1 011 abitanti della città metropolitana di Roma Capitale nel Lazio.

Indice

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Licenza si trova a 475 m di altezza sul livello del mare, sulle propaggini orientali dei monti Lucretili.

ClimaModifica

StoriaModifica

Monumenti e luoghi d'intesseModifica

Architetture civiliModifica

Il Palazzo Baronale, la Biblioteca Oraziana.[2]

Architetture militariModifica

A Licenza si trovano diversi monumenti d'interesse storico ed archeologico. Fra questi si menzionano il Castello degli Orsini, appartenente all'omonima famiglia romana.

AltroModifica

Nei pressi della villa si trova anche la Fonte Bandusia, citata dallo stesso poeta all'interno delle Odi; si presume che lo stesso luogo sia divenuto in seguito il ninfeo degli Orsini nel XV secolo successivamente divenne feudo della Famiglia Borghese fino all'abolizione della feudalità nello Stato Pontificio. Licenza nel 1867 fu toccata dalla Campagna dell'Agro Romano per la Liberazione di Roma. L'unica frazione di questo comune, Civitella, è precedentemente appartenuta al comune limitrofo di Percile.

Siti archeologiciModifica

Nel territorio comunale si trova anche la Villa di Orazio, appartenuta al celebre autore latino Quinto Orazio Flacco, donatagli da Mecenate nel 33 a.C.

Aree naturaliModifica

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[3]

 

Etnie e minoranze straniereModifica

Al 31 dicembre 2015 a Licenza risultano residenti 161 cittadini stranieri (15,92%), la nazionalità più rappresentata è:[4]

Tradizioni e folcloreModifica

 
Il villaggio di Licenza in una foto del 1870 ca
Il gallo simbolo del paese

Al tempo in cui si decise di stabilire la linea di confine tra il comune di Licenza e la vicina frazione Civitella di Licenza, di comune accordo gli abitanti decisero di alzarsi l'indomani al canto del gallo e incamminarsi gli uni verso gli altri.

I licentini premiarono in anticipo il loro gallo facendolo mangiare bene e a sazietà, mentre i civitellesi preferirono lasciare il loro a digiuno. L'indomani il gallo civitellese si svegliò di buon ora e gli abitanti si incamminarono subito arrivando fino alla sommità di Licenza, proprio sotto le mura del castello Orsini, senza riuscire ad incontrare i licentini.

Dopo una disputa, si stabilì il confine all'altezza dell'attuale cimitero di Licenza, "ospitato" da Civitella e per omaggiare il loro galletto, i civitellesi lo adottarono come simbolo del loro paese. Tuttora la storia del gallo viene tramandata a sottolineare come i civitellesi siano più furbi dei licentini.

CulturaModifica

IstruzioneModifica

MuseiModifica

Arte nella NaturaModifica

Percorso d'Arte nel Giardino dei Cinque Sensi

Si tratta di un Percorso d'arte composto da sette sculture in Travertino Romano installate permanentemente nel giardino dei Cinque Sensi dove è allocato il centro visita del Parco e un'opera è posizionata lungo il Sentiero naturalistico. Le sculture sono ispirate ai Cinque Sensi, con l'aggiunta del Sesto Senso e sono state realizzate nel 2011 da allievi di varie nazionalità del Corso di Scultura Ambientale e Lapis Tiburtinus dell'Accademia di Belle Arti di Roma. Curatrice del progetto la scultrice Oriana Impei, l'Accademia di Belle Arti di Roma, il Comune di Licenza, la Regione Lazio Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile, Il Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili.

Persone legate a LicenzaModifica

AmministrazioneModifica

Altre informazioni amministrativeModifica

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 1º gennaio 2016.
  2. ^ Citazione dal sito.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Dati ISTAT

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF: (EN246937830
  Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lazio