Apri il menu principale

Licia Stefan

rugbista a 15 italiana
Licia Stefan
Dati biografici
Paese Italia Italia
Altezza 164 cm
Peso 73 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Terza linea centro
Squadra Red Panthers
Carriera
Attività giovanile
1988-1991 Red Panthers
Attività di club¹
1991- Red Panthers
Attività da giocatrice internazionale
1995-2010 Italia Italia 58 (?)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 19 luglio 2018

Licia Stefan (Treviso, 22 settembre 1976) è una rugbista a 15 italiana, terza linea centro delle Red Panthers.

BiografiaModifica

Nel rugby fin dall'età di 12 anni, ha sempre militato nelle Red Panthers, sezione femminile del Benetton Treviso nella quale si è formata sportivamente. Con tale formazione si è aggiudicata 16 scudetti, divenendo così una delle sportive più titolate d'Italia[1], dapprima nel ruolo di seconda linea e, successivamente, in quello di terza linea centro[1].

Debuttò in nazionale italiana nel corso del campionato europeo 1995 e iniziò in tale rassegna una carriera internazionale lunga 15 anni: prese parte alle Coppe del Mondo del 1998 e del 2002 e successivamente fu capitano della squadra che si laureò campione d'Europa nel 2005 ad Amburgo[2]. Fu in azzurro fino a tutto il Sei Nazioni 2010 con 58 presenze.

Da capitano ha vinto anche i due scudetti più recenti delle Red Panthers, nel 2009 e 2011[3][1].

Ha studiato archeologia all'Università Ca' Foscari Venezia[4].

PalmarèsModifica

OnorificenzeModifica

  Medaglia di bronzo al valore atletico
«Campione italiano e oltre 20 presenze in Nazionale (brevetto 22567)[5]»
— 2002
  Medaglia di bronzo al valore atletico
«Campione italiano (brevetto 24149)[5]»
— 2003

NoteModifica

  1. ^ a b c Silvano Focarelli, Licia, nostra signora degli scudetti, in la Tribuna di Treviso, 26 aprile 2011. URL consultato il 19 luglio 2018.
  2. ^ Coppa Europa femminile, domani alle 16 ad Amburgo la finale Italia — Olanda, su federugby.it, Federazione Italiana Rugby, 8 aprile 2005. URL consultato il 19 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2005).
  3. ^ Gabriele Zanchin, Sport. Il rugby di casa vince, in Treviso Press, 8 giugno 2009. URL consultato il 19 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2018).
  4. ^ Il corpo danzante nel cristianesimo della Tarda Antichità (Università Ca' Foscari - Venezia, 29 marzo 2017), su academia.edu, Academia. URL consultato il 19 luglio 2018.
  5. ^ a b Benemerenze sportive: Licia Stefan, su coni.it, Comitato olimpico nazionale italiano. URL consultato il 19 luglio 2018.