Lico (figlio di Pandione II)

personaggio della mitologia greca, figlio di Pandione II

Lico (in greco antico: Λύκος) è un personaggio della mitologia greca, figlio adottivo di Pandione II e fratello di Egeo, Niso e Pallante[1].

Lico
Nome orig.Λύκος
Caratteristiche immaginarie
SessoMaschio
Luogo di nascitaAtene
ProfessioneSacerdote

MitologiaModifica

Espulso dal fratello Egeo, si rifugiò in Licia dove fu accolto da Sarpedonte nella terra che dopo il suo arrivo fu chiamata Licia[2]

Fu considerato un eroe ad Atene ed il termine "lyceum" pare derivi da lui[3][4] e si dice che abbia introdotto ed elevato i misteri delle grandi dee nelle città dell'Attica, in Andania ed in Messenia[5].

A volte viene descritto come un antico profeta[6] e da lui discende la famiglia dei Licomedei di Atene. Famiglia che, inoltre, ha delle connessioni con i misteri dell'Attica e che possedeva alcune cappelle a Phylae ed Andania[7][8].

NoteModifica

  1. ^ Pandione su Greek Mith Index ref. 5, su mythindex.com. URL consultato il 19 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2018).
  2. ^ Erodoto, II. 173, VII. 92)
  3. ^ Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia, I, 19 e 4
  4. ^ Aristofane, Le vespe, 408
  5. ^ Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia, IV, 1 e 4
  6. ^ Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia, IV, 20 e 2
  7. ^ Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia, I, 22 e 7 - IV, 1, 4
  8. ^ Plutarco, Vite parallele, 1
  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca