Apri il menu principale

Lidio Cipriani (Bagno a Ripoli, 1892Firenze, 1962) è stato un esploratore italiano.

BiografiaModifica

 
Lidio Cipriani, Calchi facciali in gesso policromo (1927-1930)

Antropologo, etnografo, appassionato viaggiatore ed esploratore del XX secolo, esponente dell'ideologia fascista, compì studi con lo scopo di legittimare su base scientifica la politica coloniale del governo italiano. Allievo di Aldobrandino Mochi, si laureò nel 1923 in Scienze Naturali con una tesi in Antropologia. Perfezionò gli studi all'estero presso Il Museo di Storia Naturale di Parigi, Il College of Surgeons e l'University College di Londra. Tornato in Italia nel 1926 ottenne la libera docenza in Antropologia e iniziò a prestare servizio presso il Museo Nazionale di Antropologia ed Etnografia di Firenze, fondato dall'antropologo Paolo Mantegazza nel 1869. Nel 1927 compì un primo viaggio in Africa, nello Zululand (attuale KwaZulu-Natal in Sudafrica), al seguito del Comandante Attilio Gatti di Milano. In quell'occasione raccolse rilevazioni antropometriche, scattò quasi 2000 fotografie e realizzò 76 calchi facciali policromi in gesso su viventi.

Esplorò buona parte dell'emisfero australe, recandosi in Sudafrica, Abissinia, India, ecc. Tenne altre esplorazioni a Creta e sui Carpazi.

Fu inoltre rettore interinale dell'Istituto di antropologia fiorentino.

Nel 1938 firmò, insieme ad altri 9 scienziati, il "Manifesto della Razza", con il quale si teorizzava, tra l‘altro, l‘estraneità della "razza ebrea" rispetto alla "razza italiana". Su questa dichiarazione scientifica si fondarono poi le leggi razziali fasciste.

BibliografiaModifica

  • Alciati G., Capitanio M. e Tommaseo Ponzetta M., Il Museo di Antropologia ed Etnografia, in Gregolin Dosson C. (a cura di), Università di Padova - i musei, le collezioni scientifiche e le sezioni antiche delle biblioteche, Treviso, Grafiche Zoppelli, 1996, pp. 89-99.
  • Cassata F., "La difesa della razza". Politica, ideologia e immagine del razzismo fascista, Torino, Einaudi, 2008.
  • Chiarelli B., Chiarelli C. e Chiozzi P., Etnie. La scuola antropologica fiorentina e la fotografia fra Otto e Novecento, Firenze, Alinari, 1996.
  • Chiozzi P., Autoritratto del razzismo: le fotografie antropologiche di Lidio Cipriani, in Centro Furio Jesi (a cura di), La menzogna della razza. Documenti e immagini del razzismo e dell'antisemitismo fascista, Bologna, Grafis, 1994, pp. 91-94.
  • Cipriani L., In Africa dal Capo al Cairo, Firenze, Bemporad, 1932.
  • Cipriani L., Un assurdo etnico: l'Impero etiopico, Firenze, Bemporad, 1936.
  • Cipriani L., Razze africane e civiltà dell'Europa, Roma, Reale Accademia d'Italia, 1938.
  • Labanca N., L'Africa in vetrina. Storie di musei e di esposizioni coloniali in Italia, Paese (TV), Pagus edizioni, 1992.
  • Maiocchi R., Scienza italiana e razzismo fascista, Firenze, La Nuova Italia, 1999.
  • Moggi-Cecchi J., La vita e l'opera scientifica di Lidio Cipriani, in AFT. Rivista di Storia e Fotografia, vol. 11, 1990, pp. 11-18.
  • Moggi-Cecchi J., Il Museo di Storia Naturale dell'Università degli studi di Firenze, Firenze, University Press, 2014.
  • Puccini S., Elio Modigliani. Esplorare, osservare, raccogliere nell'esperienza di un etnografo dell'Ottocento, in La Ricerca Folklorica, vol. 18, 1988, pp. 25-40.
  • Scaggion C. e Carrara N., La collezione dei calchi facciali "Lidio Cipriani" del Museo di Antropologia dell'Università di Padova: dal restauro alla valorizzazione (PDF), in Museologia scientifica, vol. 9, 2015, pp. 77-82.
  • Tacchetto E., Lidio Cipriani: l'antropologo al servizio del Fascismo, in Luca Bezzi, Nicola Carrara e Marcello Nebl (a cura di), Imago Animi, volti dal passato, Cles, Comune di Cles, 2018, pp. 25-27, ISBN 978-88-9776055-9.
  • Volpone A. e Destro Bisol G., Se vi son donne di genio. Appunti di viaggio nell'Antropologia dall'Unità d'Italia a oggi., Roma, Casa Editrice Università La Sapienza, 2011.

Collegamenti esterniModifica

  • Lidio Cipriani, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 25-8-2013.
Controllo di autoritàVIAF (EN51784159 · ISNI (EN0000 0001 1641 7191 · LCCN (ENno2001101497 · GND (DE12344263X · BNF (FRcb12447339h (data) · NLA (EN58764352 · BAV ADV10012285