Apri il menu principale
Like a Prayer
ArtistaMadonna
Tipo albumStudio
Pubblicazione21 marzo 1989
Durata50:57
Dischi1
Tracce11
GenerePop[1][2]
EtichettaSire, Warner
ProduttoreMadonna, Patrick Leonard, Stephen Bray
Certificazioni
Dischi d'oroGermania Germania(3)[3]
(Vendite: 750.000+)
Dischi di platinoArgentina Argentina[4]
(Vendite: 60.000+)
Australia Australia (4)[5]
(Vendite: 280.000+)
Austria Austria[6]
(Vendite: 50.000+)
Brasile Brasile (2)[7]
(Vendite: 500.000+)
Canada Canada (5)[8]
(Vendite: 500.000+)
Finlandia Finlandia[9]
(Vendite: 70.000+)
Francia Francia (2)[10]
(Vendite: 600.000+)
Hong Kong Hong Kong[11]
(Vendite: 15.000+)
Italia Italia (8)[12]
(vendite: 800 000+)
Messico Messico (2+oro)[13]
(Vendite: 450.000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (2)[14]
(Vendite: 30.000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[15]
(Vendite: 50.000+)
Regno Unito Regno Unito (4)[16]
(Vendite: 1.200.000+)
Spagna Spagna (4)[17]
(Vendite: 400.000+)
Svizzera Svizzera (2)[18]
(Vendite: 100.000+)
Stati Uniti Stati Uniti (5)[19]
(Vendite: 5.000.000+) Svizzera Svizzera[20]
(Vendite: 50.000+)
Madonna - cronologia
Album precedente
(1987)
Album successivo
(1990)
Logo
Logo del disco Like a Prayer
Singoli
  1. Like a Prayer
    Pubblicato: 21 marzo 1989
  2. Express Yourself
    Pubblicato: 9 maggio 1989
  3. Cherish
    Pubblicato: 1º agosto 1989
  4. Oh Father
    Pubblicato: 24 ottobre 1989 (USA, CAN)
  5. Dear Jessie
    Pubblicato: 10 dicembre 1989
  6. Keep It Together
    Pubblicato: 30 gennaio 1990

Like a Prayer è il quarto album discografico della cantante statunitense Madonna, pubblicato nel 1989 dall'etichetta discografica Sire Records. Madonna ha lavorato sull'album con Stephen Bray, Patrick Leonard e Prince, mentre ha co-scritto e coprodotto tutte le canzoni. Madonna ha descritto l'album come una raccolta di canzoni "su mia madre, mio padre e legami con la mia famiglia". L'album era dedicato alla madre di Madonna, che morì quando era giovane. Il 1988 fu un anno tranquillo nel campo delle registrazioni per Madonna. Nella sua vita, invece, molte cose cambiarono. Il matrimonio tra la cantante e l'attore americano Sean Penn naufragò, Madonna compì trent'anni, la stessa età che aveva la madre quando morì, inoltre i suoi lavori da attrice ricevettero solo commenti negativi. Questo portò ad un tumulto emotivo[21], e ad un periodo di profonde riflessioni, soprattutto riguardo alla morte della madre e alla sua fede cattolica. Con questo album l'artista ha cambiato immagine, mostrandosi con un look più maturo e sobrio, sfoggiando capelli bruni, in netta contrapposizione con il look usato nel precedente album, True Blue, uscito tre anni prima.

L'album utilizza strumenti dal vivo e incorpora elementi dance, funk, gospel e soul in uno stile pop più generale. Madonna ha attinto alla sua educazione cattolica, come visto nella traccia che dà il titolo all'album, che è stata anche rilasciata come singolo principale. I testi riguardano temi dell'infanzia e dell'adolescenza di Madonna, come la morte di sua madre in "Promise to Try", l'importanza della famiglia in "Keep It Together" e il suo rapporto con suo padre in "Oh Father". Madonna predica anche l'empowerment femminile in "Express Yourself".

Like a Prayer ha ricevuto il plauso della critica, con Rolling Stone che lo descrive "vicino all'arte come la musica pop". Commercialmente, l'album ebbe un successo internazionale, raggiungendo la vetta delle classifiche in più territori, e fu certificato quadruplo disco di platino negli Stati Uniti dalla Recording Industry Association of America. Dall'album sono usciti sei singoli: la traccia del titolo, "Express Yourself", "Cherish", "Oh Father", "Dear Jessie" e "Keep It Together". "Like a Prayer" è diventato il settimo successo numero uno di Madonna nella Billboard Hot 100 degli Stati Uniti, mentre "Express Yourself" e "Cherish" hanno raggiunto il picco al numero due e "Keep It Together" è diventato uno dei primi dieci successi. In tutto il mondo, l'album ha venduto oltre 15 milioni di copie.

Con i video musicali di accompagnamento dei singoli, Madonna ha promosso la sua creatività e divenne nota come figura di spicco nel formato. Il video musicale di "Like a Prayer" è stato un fulmine per polemiche religiose, usando un'iconografia cattolica come stimmate e croci in fiamme, e un sogno di fare l'amore con un santo, portando il Vaticano a condannare il video. Like a Prayer ha preceduto il rivoluzionario Blond Ambition Tour di Madonna. Alla fine degli anni '80, in seguito all'uscita dell'album, Madonna fu nominata "Artist of the Decade" da diverse pubblicazioni.

Madonna ha descritto questo album come una collezione di canzoni che riguardano "mia madre, mio padre e i miei legami familiari. Ho avuto molto coraggio nel produrlo [...] emotivamente è stato per me un vero disco di formazione, ho dovuto cercare molto dentro di me, e l'album riflette proprio questo. Non ho provato affatto ad addolcire nulla, ho semplicemente scritto quello che sentivo in quel momento."[22]

Concezione e produzioneModifica

Il 1988 è stato un anno tranquillo sul fronte della registrazione per Madonna. In seguito alla mancanza di successo critico e commerciale del suo film del 1987 Who's That Girl, ha recitato nella produzione di Broadway "Speed-the-Plough". Tuttavia, le recensioni sfavorevoli ancora una volta le hanno causato disagio. Il suo matrimonio con l'attore Sean Penn è terminato e la coppia ha chiesto il divorzio nel gennaio 1989. Madonna aveva anche compiuto 30 anni, un anno rimosso dall'età in cui sua madre era morta, e quindi la cantante ha vissuto più tumulti emotivi.[23] Ha commentato per il numero di maggio 1989 di Interview che la sua educazione cattolica ha sempre suscitato in lei un senso di colpa:

Perché nel cattolicesimo sei un peccatore nato e sei un peccatore per tutta la vita. Non importa come cerchi di allontanartene, il peccato è sempre dentro di te. Era questa paura che mi perseguitava; mi scherniva e mi faceva male in ogni momento. La mia musica è stata probabilmente l'unica distrazione che ho avuto.[24]

È arrivata alla conclusione che, mentre lei e i suoi fan stavano crescendo, era giunto il momento per lei di allontanarsi dall'appello dei teenager per un pubblico più vasto, e incassare la longevità del mercato degli album.[25] Sentendo il bisogno di provare qualcosa di diverso, Madonna voleva che il suono del suo nuovo album indicasse ciò che poteva essere popolare nel mondo della musica.< Per le idee liriche della traccia che dà il titolo all'album, ha scelto argomenti che fino a quel momento erano stati meditazioni personali mai condivise con il pubblico in generale; ha detto alla rivista SongTalk "In passato ho scritto molte canzoni che [hanno rivelato il mio io interiore], ma ho sentito che erano troppo oneste o troppo spaventose e ho deciso di non registrarle".[26] Decise di adottare un approccio più adulto e sofisticato; pensierosa, passò al setaccio i suoi diari e diari personali e iniziò a considerare le sue opzioni. Ha ricordato: "Che cosa volevo dire? Volevo che l'album e la canzone parlassero con le cose nella mia mente. È stato un periodo complesso della mia vita."[27] Aveva in mente alcune cose, inclusa lei relazione travagliata con suo marito, l'attore Sean Penn, la sua famiglia, sua madre perduta e persino la sua fede in Dio.[27]

 
Madonna esegue Express Yourself durante il tour promozionale "Blond Ambition Tour"

Like a Prayer prende il nome dall'influenza del cattolicesimo sulla prima infanzia di Madonna e sulle sue lotte con la religione; "Il tema del cattolicesimo imperversa", ha affermato. "Sono io alle prese con il mistero e la magia che lo circonda. Il mio cattolicesimo è costantemente sconvolto."[28] Le sessioni di registrazione si sono svolte dal settembre 1988 al gennaio 1989.[29][30] Il 27 gennaio 1989, un comunicato stampa di The Albany Herald affermava che l'album includeva "una serie di brani dance", ma osservava che "gran parte del materiale [...] ha un tono personale".[31] La cantante lo descrisse come una raccolta di canzoni "su mia madre, mio ​​padre e legami con la mia famiglia. [...] C'è voluto un sacco di coraggio per farlo".[29] Ha anche detto che fino ad oggi sarebbe stato il suo lavoro "più diverso"; "È stato un vero record di maturità per me emotivamente, ho dovuto fare molta ricerca nell'anima e penso che sia un riflesso di quel [...] che non ho provato a rivestire di caramelle o renderlo più appetibile per il consumo di massa, ho scritto quello che ho sentito ".[26][32][29]

Ha detto alla rivista Rolling Stone "In passato, i miei dischi tendevano ad essere un riflesso delle influenze attuali. Questo album parla più delle influenze musicali passate"..[26] Ha scelto di collaborare con Stephen Bray e Patrick Leonard, con i quali aveva collaborato al suo precedente album in studio True Blue (1986) e alla colonna sonora Who's That Girl (1987).[33] Sia Bray che Leonard volevano portare il loro stile unico nel progetto e hanno sviluppato musica completamente diversa per la title track. Alla fine, Madonna sentì che la musica che le era stata presentata da Leonard era più interessante e iniziò a lavorare con lui. Secondo la cantante, Leonard stava anche affrontando un tumulto emotivo; "Lavoravo con Pat, che era anche in uno stato mentale molto oscuro, e lavoravamo in un posto molto isolato nella Valle".[27][32] Il 6 gennaio 1989, a seguito di una dichiarazione di divorzio annullata alla fine del 1987 e di numerosi combattimenti pubblicizzati, uno dei quali portò a una pena detentiva di 60 giorni, Madonna e Sean Penn presentarono domanda di divorzio.[34] Il resto delle canzoni sono state scritte entro due settimane; con "Like a Prayer", "Cherish" e "Spanish Eyes" scritti nella prima settimana.[32] Secondo Leonard, "abbiamo scritto una canzone al giorno e non le abbiamo cambiate. E spesso la voce che ha fatto è stata la voce principale, non abbiamo nemmeno cambiato la voce principale. Ecco. Ha cantato. È stato fatto ".[35] Leonard dice, sul lavorare con Madonna in Like a Prayer:

Cominciava a scrivere testi e spesso c'era una melodia implicita. Avrebbe iniziato con quello e si sarebbe discostato da esso. O se non ci fosse altro che un cambio di accordo, avrebbe inventato una melodia. Ma, molte volte nella mia scrittura c'è una melodia implicita o ho anche qualcosa in mente. Ma di certo non ne ha bisogno. [...] Avrebbe scritto i testi entro un'ora, lo stesso tempo che mi ci è voluto per scrivere la musica, e poi l'avrebbe cantata. Facevamo alcune armonie, cantava alcune parti di armonia, e di solito alle tre o alle quattro del pomeriggio, se ne va.[35][32]

L'artista Prince ha suonato la chitarra in tre brani dell'album "Like a Prayer", "Keep It Together" e "Act of Contrition", anche se è rimasto non accreditato.[36] Prince e Madonna hanno anche lavorato insieme sulla traccia "Love Song". La canzone è stata registrata al Prince's Studio di Paisley Park; "Siamo stati amici e abbiamo parlato di lavorare insieme, quindi sono andata a Minneapolis per scrivere alcune cose con lui, ma l'unica cosa che ho davvero scavato era 'Love Song' [...] Abbiamo finito per scriverlo a distanza, perché io doveva essere a Los Angeles e non poteva lasciare Minneapolis, e francamente non sopportavo Minneapolis. Quando ci andai, era come 20 gradi sotto lo zero, ed era davvero desolato. Era miserabile e non potevo scrivere o lavorare in quelle circostanze ", ricorda Madonna.[32]

Copertina e sessioni fotograficheModifica

Per la grafica, la cantante ha scelto di lavorare con il fotografo Herb Ritts. Inizialmente, le foto della sessione con Ritts dovevano anche essere usate per l'imballaggio del singolo principale.[37] Per il servizio fotografico, decise di tingere i capelli biondi di castano; ha commentato "Adoro i capelli biondi, ma fa davvero qualcosa di diverso per te. Mi sento più radicata quando ho i capelli scuri. È inspiegabile. Mi sento anche più italiana quando i miei capelli sono scuri".[38] La copertina presenta un primo piano del ventre nudo della cantante, che indossa un paio di jeans.[32][39] La copertina è stata vista come un riferimento a Sticky Fingers dei The Rolling Stones.[32][40] Le confezioni delle prime stampe di CD, cassette e LP sono state profumate con oli di patchouli per simulare l'incenso della chiesa.[41]

Un pubblicista della Warner Bros. Records ha rivelato che questa era stata l'idea della cantante; "Voleva creare un sapore degli anni '60 e della chiesa. Voleva creare una sensazione sensuale che si potesse sentire e annusare".[41] Le prime pressioni includevano anche un inserto con linee guida sul sesso sicuro e un avvertimento sui pericoli dell'AIDS, per cui Madonna aveva perso degli amici.[42] La sua inclusione fu decisa dopo che Warner Bros. aveva acconsentito a pubblicare un album del comico Sam Kinison l'anno prima, sebbene avesse affermato che l'AIDS proveniva da uomini gay coinvolti nella bestialità.[43] Madonna ha dedicato l'album a "Mia madre, che mi ha insegnato a pregare".[44]

ComposizioneModifica

La canzone che apre il disco è Like a Prayer, che è la prima canzone scritta da Madonna per l'album. La cantante la descrive come la canzone di una ragazza appassionata "così innamorata di Dio, tanto da rappresentare quasi l'unica figura maschile della sua vita".[45] Si tratta di una canzone pop rock con influenze della musica gospel. Il ritornello contiene voci di sottofondo che accrescono la natura spirituale della canzone, mentre la chitarra rock mantiene il suono oscuro e misterioso.[46] Express Yourself parla del rifiuto dei piaceri materiali attraverso l'accettazione di quel che è più giusto per se stessi. Attraverso tutto il testo è possibile rintracciare un ricco sottotesto, che rimanda anche all'acquisizione del potere da parte delle donne[46]. Madonna affermò che la canzone è un tributo alla Sly & the Family Stone[22]. La terza canzone Love Song, è un duetto con il cantante Prince; una strofa della canzone verrà poi utilizzata di nuovo da Madonna nel brano Hung Up, pubblicato nel 2005. La canzone è stata co-prodotta da entrambi i cantanti. La presenza di Prince nel disco comunque è costante, il cantante suona, infatti, la chitarra elettrica in Like a Prayer, Keep It Together e Act of Contrition.

Till Death Do Us Part, che inizialmente era intitolata "State of Matrimony" è una ballata inquieta che parla della dissoluzione del matrimonio tra Madonna e Sean Penn[47] Il testo descrive un matrimonio distrutto dall'alcolismo, da violenti scontri e da un marito possessivo.[48] La canzone che segue, Promise to try Madonna la dedica alla madre. Il disco stesso è, comunque, dedicato alla madre, morta di cancro quando la cantante aveva solo cinque anni. In una parte della canzone la cantante si chiede se la madre "riesce a sentire la mia voce di notte quando la chiamo?". Più avanti un adulto sembra ammonire una bambina dicendo: "bambina, non dimenticare il suo volto/ non lasciare che il ricordo giochi con la tua mente/ lei è un sorriso sbiadito, congelato dal tempo".[49] La sesta traccia del disco è Cherish che ruota attorno ai temi dell'amore e delle relazioni amorose, attraverso il richiamo della tragedia di William Shakespeare Romeo e Giulietta. Nel testo della canzone Madonna parla della devozione nei confronti del proprio uomo e del desiderio di averlo sempre al proprio fianco.[50]

" Like a Prayer riguarda l'influenza del cattolicesimo nella mia vita e la passione che provoca in me. In queste canzoni ho a che fare con questioni specifiche che significano molto per me. un'assimilazione di esperienze che ho avuto nella mia vita e nelle mie relazioni. Ho preso più rischi con questo album di quanto non abbia mai fatto prima, e penso che la crescita mostri."[51]

A Cherish segue Dear Jessie, che secondo Rikky Rooksby suona più come una ninnananna che come una canzone pop.[52] Nella canzone si incoraggia una bambina, Jessie appunto, ad usare l'immaginazione. Nella canzone si rintraccia un paesaggio psichedelico con elefanti rosa che vagano con lune che danzano e sirene.[53] La canzone Oh Father parla della presenza di figure maschili autoritarie nella vita di Madonna, in particolare la cantante fa riferimento al suo rapporto con il padre, Tony Ciccone[54] Secondo Randy Taraborrelli, attraverso Till Death Do Us Part, Promise To Try e Oh Father Madonna ha cercato di "liberarsi di alcuni demoni personali"[55]. Keep It Together riguarda l'importanza di tenere unita la famiglia. Commentando la canzone, Madonna ha affermato che la sua famiglia le ha sempre permesso di avere stabilità nella propria vita[46]. La canzone Spanish Eyes probabilmente "affronta il problema (ancora taboo a quel tempo) dell'AIDS.[56] La canzone che chiude il disco è Act of Contriction che vede Madonna recitare la preghiera cattolica Atto di dolore, alla fine la canzone sfocia in un monologo in cui Madonna si arrabbia perché a lei è negata la prenotazione ad un ristorante.[57]

Esecuzioni dal vivoModifica

Tutti i singoli estratti (tranne Dear Jessie) sono stati inseriti nel Blond Ambition Tour. Soltanto due di essi però saranno inseriti in altri tour della cantante: Express Yourself è uno dei brani della cantante più ripetutamente eseguito durante i suoi tour, viene infatti inserita nelle scalette del Girlie Show, del Re-Invention Tour e del MDNA Tour; anche Like a Prayer viene interpretata durante il Re-Invention Tour, inoltre compare nella scaletta dello Sticky & Sweet Tour (in una versione dance, contenente un campionamento di Feels like home di Meck e per l'occasione chiamata Like a Prayer 2008) e del MDNA Tour.

TracceModifica

  1. Like a Prayer – 5:39 (Madonna, Patrick Leonard)
  2. Express Yourself – 4:37 (Stephen Bray, Madonna)
  3. Love Song (feat. Prince) – 4:52 (Madonna, Prince)
  4. Till Death Do Us Part – 5:16 (Madonna, Patrick Leonard)
  5. Promise to Try – 3:36 (Madonna, Patrick Leonard)
  6. Cherish – 5:03 (Madonna, Patrick Leonard)
  7. Dear Jessie – 4:20 (Madonna, Patrick Leonard)
  8. Oh Father – 4:57 (Madonna, Patrick Leonard)
  9. Keep It Together – 5:03 (Stephen Bray, Madonna)
  10. Spanish Eyes – 5:15 (Madonna, Patrick Leonard)
  11. Act of Contrition – 2:19 (Madonna)

FormazioneModifica

Le informazioni sui crediti provengono dal booklet del cd:

  • Madonna - voce, cori, produttrice, compositrice, sintetizzatori
  • Jonathan Moffett - batteria
  • Jeffrey Porcaro - batteria, marimba
  • John Robinson - batteria
  • Guy Pratt - basso
  • Randy Jackson - basso
  • Chester Kamen - chitarra
  • David Williams - chitarra
  • Dann Huff - chitarra
  • Bruce Gaitsch - chitarra
  • Marcos Loya - chitarra, cori
  • Patrick Leonard - produttore, compositore, sintetizzatore, clavinet, pianoforte acustico
  • Jai Winding - sintetizzatore
  • Stephen Bray - produttore, compositore, sintetizzatore
  • Geary Lanier - clavinet
  • Luis Conte - percussioni
  • Paulinho da Costa - percussioni
  • Sandra Crouch - tamburello
  • Joseph Mayer - corno
  • Richard Todd - corno
  • Larry Corbett - violoncello
  • Niki Haris - cori
  • Marilyn Martin - cori
  • Donna DeLory - cori
  • Ali Nadirah - cori
  • Lynne Fiddmont - cori
  • Rose Banks - cori

Successo commercialeModifica

Like a Prayer arrivò al primo posto in classifica pressoché ovunque.

Negli Stati Uniti divenne il terzo album di Madonna ad arrivare alla prima posizione della Billboard 200, venendo certificato con 4 dischi di platino corrispondenti a 4 milioni di copie vendute (ad oggi le vendite sono arrivate a 5.2 milioni).

Anche nel Regno Unito il successo fu grande, arrivando al primo posto in classifica e venendo certificato con 4 dischi di platino. Attualmente l'album ha venduto 1.270.000 copie nel paese.[58].

Ad oggi l'album ha venduto 15 milioni di copie nel mondo.[59]

ClassificheModifica

Classifica (1989) Posizione
massima
Stati Uniti[60] 1
Regno Unito[61] 1
Italia[62] 1
Svizzera[63] 1
Austria[63] 1
Svezia[63] 1
Norvegia[63] 1
Nuova Zelanda[63] 2
Australia[63] 4
Danimarca[63] 26

Classifiche di fine annoModifica

Classifica (1989) Posizione
Canada[64] 4
Italia[65] 7

NoteModifica

  1. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, Like a Prayer, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 16 marzo 2018.
  2. ^ (EN) Sal Cinquemani, Madonna: Like a Prayer, Slant Magazine, 11 ottobre 2003. URL consultato il 18 marzo 2018.
  3. ^ Bundesverband Musikindustrie: Gold-/Platin-Datenbank Archiviato il 2 dicembre 2013 in Internet Archive.
  4. ^ Oro y Platino - CAPIF[collegamento interrotto]
  5. ^ [1]
  6. ^ IFPI Austria - Verband der Österreichischen Musikwirtschaft
  7. ^ ABPD | Associação Brasileira de Produtores de Disco Archiviato il 6 settembre 2010 in Internet Archive.
  8. ^ Gold and Platinum Search Archiviato il 10 novembre 2013 in Internet Archive.
  9. ^ Musiikkituottajat - Tilastot - Kulta- ja platinalevyt, su ifpi.fi. URL consultato il 18 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2009).
  10. ^ (FR) Les Certidications - Madonna, InfoDisc. URL consultato il 21 aprile 2012.
  11. ^ Certificazioni Hong Kong Archiviato il 15 ottobre 2007 in Internet Archive.
  12. ^ ITALIAN BEST SELLERS 1987-2002, su mjj.freeforumzone.leonardo.it. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  13. ^ Madonna Like A Prayer Mexico AWARD DISC (363283)
  14. ^ Scapolo, Dean (2007). The Complete New Zealand Music Charts 1966–2006 (Illustrated ed.). Maurienne House. ISBN 978-1-877443-00-8.
  15. ^ NVPI, su nvpi.nl. URL consultato il 9 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2012).
  16. ^ BRIT Certified
  17. ^ Salaverri, Fernando (September 2005). Sólo éxitos: año a año, 1959–2002 (1st ed.). Spain: Fundación Autor-SGAE. ISBN 84-8048-639-2..
  18. ^ The Official Swiss Charts and Music Community
  19. ^ RIAA - Recording Industry Association of America
  20. ^ Swisscharts.com
  21. ^ Rooksby, Rikky, The Complete Guide to the Music of Madonna, Omnibus Press, 2004, p. 30.
  22. ^ a b Zaleski, Annie, "Madonna’s Like A Prayer remains a provocative, substantial pop record", in The A.V. Club.
  23. ^ Rooksby,  p. 30
  24. ^ Becky Johnston, Confession of a Catholic Girl, in Interview (Brant Publications), May 1989, ISSN 0149-8932 (WC · ACNP).
  25. ^ O'Brien,  p. 120
  26. ^ a b c Annie Zaleski, Madonna's Like A Prayer remains a provocative, substantial pop record, The A.V. Club, 14 novembre 2014. URL consultato il 20 marzo 2015.
  27. ^ a b c Taraborrelli,  p. 168
  28. ^ Stephen Holden, Madonna re-creates herself – again, in The New York Times, 19 marzo 1989. URL consultato il 16 marzo 2015.
  29. ^ a b c Bryan Burnett, Of the Pops, with the big news on Madonna, in Evening Times, 1º marzo 1989. URL consultato il 18 marzo 2015.
  30. ^ McKeen,  p. 233
  31. ^ Release set, in The Albany Herald, 27 gennaio 1989. URL consultato il 1º febbraio 2010.
  32. ^ a b c d e f g Craig Rosen, Madonna's 'Like a Prayer' Turns 25! 10 Things You Might Not Know, Yahoo!, 26 marzo 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  33. ^ Bruce Britt, Madonna album set for release, in The Lewiston Journal, 3 marzo 1989. URL consultato il 18 marzo 2015.
  34. ^ Madonna and Sean Penn to end their marriage, in The New York Times (Associated Press), 7 gennaio 1989. URL consultato il 29 aprile 2015.
  35. ^ a b Keith Caulfield, Madonna Producer Patrick Leonard Talks 'Like A Prayer' at 25, in Billboard, 21 marzo 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  36. ^ Paul Zollo, Songwriters on Songwriting, 4ª ed., Da Capo Press, 17 giugno 2013, ISBN 978-0-306-81265-1.
  37. ^ Voller,  p. 30
  38. ^ Liz Smith, Soon-to-be single Madonna revs up career, in Sarasota Herald-Tribune (New Media Investment Group), 16 marzo 1989. URL consultato il 18 marzo 2015.
  39. ^ Dave Ferman, Chronology: From Material Girl to Evita, in Lakeland Ledger (New Media Investment Group), 5 marzo 1998. URL consultato il 18 marzo 2015.
  40. ^ Carla Freccero, Our Lady of MTV: Madonna's 'Like a Prayer', in Boundary 2 (Duke University Press), vol. 19, nº 2, 1992, pp. 163–175. URL consultato il 18 marzo 2015.
  41. ^ a b Making scents of Madonna, in TimesDaily, Tennessee Valley Printing Co., 28 giugno 1989. URL consultato il 1º febbraio 2010.
  42. ^ Michael R Smith, Like A Prayer, in The Daily Vault, 14 settembre 2008. URL consultato il 18 marzo 2015.
  43. ^ Stephen Holden, The Pop Life, su New York Times, 29 marzo 1989. URL consultato il 17 gennaio 2016.
  44. ^ (EN) Like a Prayer. Note di copertina di {{{titolo}}}, Madonna [Liner notes], Warner Bros. Sire Records, 925844-2, 1989.
  45. ^ Bronson, Fred, The Billboard Book of Number 1 Hits., Billboards Books, 2003.
  46. ^ a b c Rooksby, Rikky, The Complete Guide to the Music of Madonna., Omnibus, 2004, pp. 33-36.
  47. ^ Rosen, Craig, "Madonna’s ‘Like a Prayer’ Turns 25! 10 Things You Might Not Know", su yahoo.com.
  48. ^ Holden, Stephen, "Madonna re-creates herself – again", su nytimes.com, 19 marzo 1989.
  49. ^ Partridige, Kenneth, "Madonna’s ‘Like a Prayer’ at 25: Classic Track-by-Track Review", Billboard, 17 aprile 2004.
  50. ^ Fouz-Hernández, Santiago; Jarman-Ivens, Freya, Madonna's Drowned Worlds., Ashgate Publishing, 2004, p. 181.
  51. ^ Taraborrelli,  p. 150
  52. ^ Rooksby, Rikky, The Complete Guide to the Music of Madonna., Omnibus, 2004, p. 35.
  53. ^ O'Brien, Lucy, Madonna: Like an Icon., Bentham Press, p. 198.
  54. ^ Fouz-Hernández, Santiago; Jarman-Ivens, Freya, Madonna's Drowned Worlds., Ashgate Publishing, 2004, p. 110.
  55. ^ Taraborrelli, Randy J., Madonna: An Intimate Biography., Simon & Schuster., 2002, p. 172.
  56. ^ Cinquemani, Sal, "Madonna: Like a Prayer", su slantmagazine.com.
  57. ^ Bernard e Marsh,  pp. 103
  58. ^ [2] Archiviato il 1º ottobre 2013 in Internet Archive..
  59. ^ CHIESA: DA MADONNA A DAN BROWN, VATICANO SOTTO I COLPI DELLO SHOW-BUSINESS, su Adnkronos, Giuseppe Marra Communication, 2 agosto 2006. URL consultato il 23 aprile 2014.
  60. ^ (EN) Classifiche di Like a Prayer su allmusic.com, su allmusic.com. URL consultato il 13 marzo 2011.
  61. ^ Like a Prayer su chartstats.com, su chartstats.com. URL consultato il 13 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2012).
  62. ^ Gli album più venuti nel 1989 in Italia su Hit Parade Italia, su hitparadeitalia.it. URL consultato il 13 marzo 2011.
  63. ^ a b c d e f g Like a Prayer su italiancharts.com, su italiancharts.com. URL consultato il 13 marzo 2011.
  64. ^ RPM Year-End Albums 1989, su collectionscanada.gc.ca (archiviato dall'url originale il 5 agosto 2016).
  65. ^ Hit Parade Italia - ALBUM 1989

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàBNF (FRcb381738706 (data)
  Portale Madonna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Madonna