Lingua filippina

varietà linguistica di prestigio della lingua tagalog
Filippino
Wikang Filipino
Parlato inFilippine Filippine
Locutori
Totale45 milioni di parlanti totali (Ethnologue, 2021)
Classifica44
Altre informazioni
ScritturaAlfabeto latino
TipoVSO
Tassonomia
FilogenesiLingue austronesiane
 Lingue maleo-polinesiane
  Lingue filippine
   Lingue filippine centrali maggiori
    Tagalog
     Filippino
Statuto ufficiale
Ufficiale inFilippine Filippine
Codici di classificazione
ISO 639-2fil
ISO 639-3fil (EN)
Glottologfili1244 (EN)
Linguasphere31-CKA-aa
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
Lahat ng tao ay ipinanganak na libre at may pantay na karangalan at karapatan. Mayroon silang dahilan at budhi at kailangang magtrabaho kasama ang isang espiritu ng kapatiran.

Il filippino o Wikang Filipino (ISO 639-3 fil), chiamato anche pilipino, è una varietà linguistica di prestigio della lingua tagalog ed è il nome con il quale si designa una delle due lingue ufficiali delle Filippine (l'altra lingua ufficiale è l'inglese).

Il tagalog è la prima lingua per un terzo della popolazione filippina. Il suo centro diffusore è Manila, ma la lingua è ampiamente diffusa in tutto il paese.

StoriaModifica

Quando gli spagnoli giunsero nelle Filippine nel XVI secolo, nell'arcipelago non esisteva una lingua comune. Le tre maggiori lingue franche erano il tagalog, l'ilocano e il bisaya. Poiché le lingue delle Filippine sono strettamente apparentate, e dunque facili da imparare per i filippini, la maggior parte di coloro che parlavano lingue minori era bilingue. Conoscevano non solo la propria madrelingua, ma anche un'altra lingua regionale.

Il 12 novembre 1937 la prima assemblea nazionale delle Filippine approvò una legge che creava un Istituto di Lingua Nazionale, a cui affidò il compito di effettuare uno studio e una ricerca su ognuna delle lingue presenti nell'arcipelago. L'obiettivo principale era quello di stabilire quale lingua dovesse essere scelta come base per la costruzione della lingua nazionale delle Filippine. I tre maggiori contendenti erano il tagalog, il bisaya e l'ilocano.

Il 14 luglio 1936 il Surián ng Wikáng Pambansâ (Istituto di Lingua Nazionale) designò il tagalog come base per la costruzione della Wikang Pambansâ (lingua nazionale), basandosi sui seguenti fattori:

  1. il tagalog è parlato in maniera diffusa ed è la lingua più comprensibile in tutte le regioni delle Filippine;
  2. la sua tradizione letteraria è la più ricca, la più sviluppata e la più ampia (in questo il tagalog rispecchia la lingua toscana, che fu scelta come base per l'italiano). In tagalog sono stati scritti più libri che in altre lingue autoctone delle Filippine, ma ciò è accaduto soprattutto in virtù di leggi e privilegi;
  3. il tagalog è sempre stato la lingua di Manila, la capitale politica ed economica delle Filippine durante i periodi di colonizzazione spagnola e statunitense;
  4. il tagalog fu la lingua della rivoluzione filippina del 1896 e del Katipunan, due elementi estremamente importanti nella storia delle Filippine.

Nel 1959 alla lingua fu dato il nome di “pilipino” per dissociarla dal gruppo etnico Tagalog.[1] Più tardi, la Costituzione del 1973 fornì una nuova lingua nazionale che avrebbe sostituito il pilipino e che fu denominata "Filippino". Tuttavia, l'articolo in questione (all'articolo XV, sezione 3.2) non nomina né il tagalog né il pilipino come basi linguistiche del filippino, sollecitando invece l'Assemblea Nazionale a[2][3]

(EN)

«take steps towards the development and formal adoption of a common national language to be known as Filipino»

(IT)

«muovere passi verso lo sviluppo e l'adozione formale di una comune lingua nazionale conosciuta come Filippino»

(Costituzione delle Filippine del 1973, articolo XV, sezione 3.2)

Nel 1987, una nuova costituzione designò il filippino come lingua nazionale e, insieme all'inglese, come lingua ufficiale. Quella costituzione includeva diverse disposizioni relative alla lingua filippina.[4][5]

Il Republic Act 7104, approvato il 14 agosto 1991, ha creato la Komisyon sa Wikang Filipino (Commissione sulla lingua filippina; KWF), sostituendo l'Istituto di Lingue Filippine.[6]

Il 13 maggio 1992, la commissione emanò la risoluzione 92-1, specificando che il filippino è la "lingua indigena scritta e parlata a Metro Manila e negli altri centri urbani nelle Filippine utilizzata come lingua di comunicazione dei gruppi etnici".[7]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Andrew Gonzalez, The Language Planning Situation in the Philippines, in Journal of Multilingual and Multicultural Development, vol. 19, n. 5, 1998-09, pp. 487–525, DOI:10.1080/01434639808666365. URL consultato il 17 settembre 2021.
  2. ^ (EN) 1973 Constitution of the Republic of the Philippines | GOVPH, su Official Gazette of the Republic of the Philippines. URL consultato il 17 settembre 2021.
  3. ^ (EN) The Amended 1973 Constitution | GOVPH, su Official Gazette of the Republic of the Philippines. URL consultato il 17 settembre 2021.
  4. ^ (EN) The Constitution of the Republic of the Philippines | GOVPH, su Official Gazette of the Republic of the Philippines. URL consultato il 17 settembre 2021.
  5. ^ 1987 CONSTITUTION OF THE REPUBLIC OF THE PHILIPPINES - CHAN ROBLES VIRTUAL LAW LIBRARY, su www.chanrobles.com. URL consultato il 17 settembre 2021.
  6. ^ PHILIPPINE LAWS, STATUTES AND CODES - CHAN ROBLES VIRTUAL LAW LIBRARY, su www.chanrobles.com. URL consultato il 17 settembre 2021.
  7. ^ Wika / Resolusyon Blg 92-1, su wika.pbworks.com. URL consultato il 17 settembre 2021.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4120312-4