Lionello Accrocciamuro

Condottiero italiano
Lionello Accrocciamuro
Conte di Celano
Stemma
Trattamento Conte
Altri titoli Barone di Carapelle
Nascita ?
Morte 1458
Dinastia Accrocciamuro
Padre Rinaldo/Riccardo Accrocciamuro
Madre ? Caldora
Consorte Jacovella da Celano
Figli Ruggero
Pietro
Isabella
Religione Cattolicesimo
Lionello Accrocciamuro
Nascita?
Morte1458
Dati militari
Paese servitoBandera de Nápoles - Trastámara.svg Regno di Napoli
Royal Banner of Aragón.svg Regno d'Aragona
Forza armataMercenari
GradoCondottiero
ComandantiJacopo Caldora
voci di militari presenti su Wikipedia

Lionello Accrocciamuro o Leonello Accrocciamuro (... – 1458) è stato un condottiero italiano, conte di Celano e barone di Carapelle Calvisio.

BiografiaModifica

Lionello Accrocciamuro (conosciuto anche come Leonello Acclocciamuro, o Acclozamora, o Accrocciamura), nacque in data sconosciuta da Rinaldo/Riccardo Accrocciamuro e da una sorella di Jacopo Caldora, il cui nome è ignoto. Aveva un fratello, Cola Antonio, barone di Carpineto Sinello, e una sorella, Giovannella, moglie di Princivalle di Sangro.[1] Formatosi nella compagnia di ventura di suo zio Jacopo Caldora, per gran parte della propria vita servì fedelmente gli Angioini del Regno di Napoli. Nell'ottobre del 1436 fu sorpreso a Pescara da alcuni capitani dell'esercito degli Aragonesi e fatto prigioniero. Liberato poco dopo, ricevette l'incarico da Giovanni Maria Vitelleschi di condurre le truppe del cugino Antonio Caldora fino a Marigliano, ma non riuscì a portarlo a termine perché venne attaccato da Orso Orsini e fu costretto a rifugiarsi a Napoli. Inviato in Capitanata a soccorrere Francesco Sforza, sebbene inferiore di forze, assalì il 10 luglio 1441 a Troia l'accampamento di Alfonso V d'Aragona; ebbe la peggio, ma ottenne che l'avversario levasse l'assedio alla città e si ritirasse a Biccari. Cacciato Renato d'Angiò, fu obbligato a servire gli Aragonesi, divenuti i nuovi sovrani del Regno di Napoli. Nel 1452 si ritrovò a scortare fino a Napoli Federico III d'Asburgo per il ricevimento di Re Alfonso. Lionello Accrocciamuro morì nel 1458 ed i suoi possedimenti vennero ereditati dal figlio primogenito Ruggero.

DiscendenzaModifica

Sposò nel 1440 Jacovella da Celano, discendente dei Conti dei Marsi, costei alle terze nozze, la quale gli portò in dote la contea di Celano e gli diede due figli e una figlia, Ruggero, Pietro ed Isabella, quest'ultima moglie di Guglielmo del Balzo.[2]

OpereModifica

 
Loggiato interno del castello di Celano

Lionello fece realizzare le opere che si ergono fino alla loggia del castello di Balsorano, fare interventi alla chiesa di Santa Maria delle Grazie e a quella di Sant'Angelo di Celano e completare il castello di Celano nel 1450, facendo edificare il piano nobile, le quattro torri angolari e le caratteristiche merlature e conferendo alla struttura l'aspetto odierno.[3] Sotto il suo dominio fece infine regolarizzare dagli Aragonesi il tratturo Celano-Foggia, potenziando questa via pastorale tanto da farla divenire un cardine dell'economia celanese.[4]

NoteModifica

  1. ^ Francesco Senatore e Francesco Storti, Poteri, relazioni, guerra nel regno di Ferrante d'Aragona, Napoli, ClioPress, 2011, p. 82.
  2. ^ Si veda il collegamento esterno sul Dizionario biografico degli italiani.
  3. ^ Storia della città, Comune di Celano. URL consultato il 4 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2016).
  4. ^ Giuseppe Grossi, L'età medievale, Terre Marsicane. URL consultato il 4 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2016).

BibliografiaModifica

  • Pietro Antonio Corsignani, Reggia marsicana ovvero memorie topografico-storiche di varie colonie, e città antiche e moderne della provincia dei Marsi e di Valeria, compresa nel vetusto Lazio, e negli Abruzzi, colla descrizione delle loro chiese, e immagini miracolose; e delle vite de' santi, cogli uomini illustri, e la serie de' vescovi marsicani, Monaco di Baviera, Biblioteca Pubblica Bavarese, 1738.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica