Apri il menu principale

Lista dei viceré di Sardegna

lista di un progetto Wikimedia

1leftarrow blue.svgVoce principale: Regno di Sardegna.

Questo che segue è un elenco dei viceré del Regno di Sardegna durante tutta la sua storia:

Indice

Governatori generali (1324-1355) - 1° periodoModifica

Nei primi anni della costituzione del Regno di Sardegna, fu un governatore generale ad occuparsi dell'ordinaria amministrazione del regno. La sua sede si trovava dapprima a Bonaria e successivamente a Castel di Cagliari.

Governatori di Capo Cagliari, Gallura e Capo di Logudoro (1355-1387)Modifica

Per diversi anni, dal 1355 al 1387, i governatori furono quattro per il Capo di Cagliari e Gallura:

Otto furono i governatori per il Capo di Logudoro:

  • Galcerando de Fenollet
  • Pietro di Luna
  • Berengario Carroz
  • Poncio de Jardì
  • Francesco Giovanni de Santa Coloma
  • Gilberto de Cruilles
  • Dalmazzo de Jardi
  • Pietro Albert
  • Bernardo de Guimerà
  • Gilberto de Cruillas, (1374-1387)

Governatori generali (1387-1393) - 2° periodoModifica

Governatorati divisiModifica

Governatori generali (1415-1418) - 3° periodoModifica

Dopo la Battaglia di Sanluri fu unificata nuovamente.

Viceré aragonesiModifica

Dal 1418 al 1516 la Sardegna venne governata direttamente da dei viceré del regno di Aragona, che poi fu unito regno di Spagna dal 1516:

  • Luis de Pontos (1418-1419)
  • Juan de Corbera (1419-1420)
  • Riambaldo (1420-1421)
  • Bernardo de Centelles (1421-1437)
  • Francisco de Eril (1437-1448)
  • Nicolò Antonio de Montis (1448-1450)
  • Nicolás Carroz de Arborea (1460-1479)
  • Pedro Maza de Linaza (1479)
  • Ximén Pérez Escrivá de Romaní (1479-1483) (1ª volta)
  • Guillermo de Peralta (1483-1484)
  • Ximén Pérez Escrivá de Romaní (1484-1487) (2ª volta)
  • Iñigo López de Mendoza, conte di Tendilla (1487-1491)
  • Juan Dusay (1491-1501) (1ª volta)
  • Benito Gualbes (1501-1502) (ad interim)
  • Juan Dusay (1502-1507) (2ª volta)
  • Jaime Amat (1507-1508)
  • Fernando Girón de Rebolledo (1508-1515)
  • Ángel de Vilanova (1515-1529)

Governo diretto del Regno di Spagna (1516–1713)Modifica

Al termine della Guerra di successione spagnola, con il Trattato di Utrecht, la Sardegna venne ceduta all'Austria e nel 1720 ai Savoia.

Viceré austriaci (1713-1717)Modifica

Viceré spagnoli (1717-1718)Modifica

Viceré piemontesi (1720-1848)Modifica

A seguito della cosiddetta "fusione perfetta" del 1847, la Sardegna passa sotto il controllo diretto della corte di Torino e a partire dal 1861 entrerà a far parte del Regno d'Italia.

NoteModifica

  1. ^ Elena Fasano Guarini, Istruzioni di Filippo III ai suoi ambasciatori a Roma 1598-1621, (a cura di Silvano Giordano), Roma, 2006, p. 64 ISBN 88-7125-281-0

BibliografiaModifica

  • Giuseppe Manno, Storia di Sardegna. Volume II (PDF), Nuoro, Ilisso Edizioni, 1999, ISBN 88-85098-47-9 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2012).
  • Francesco Cesare Casula, La storia di Sardegna: L'evo moderno e contemporaneo. Volume 3 di La Storia di Sardegna, Sassari, Carlo Delfino, 1994, ISBN 88-7138-063-0.
  • Renato Pintus, Sovrani, viceré di Sardegna e governatori di Sassari, Sassari, Webber, 2005.
  • Manlio Brigaglia, Storia della Sardegna: dalle origini al Settecento, a cura di Manlio Brigaglia, Attilio Mastino, Gian Giacomo Ortu, Sassari, Laterza, 2006, ISBN 88-420-7839-5.
  • Francesco Cesare Casula, Breve storia di Sardegna, Sassari, Carlo Delfino, 1994, ISBN 88-7138-065-7.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Storia d'Italia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia d'Italia