Liudolfo di Sassonia

Liudolfo di Sassonia
Liudolf, Duke of Saxony.jpg
Immagine tratta dalla Chronica sancti Pantaleonis
Conte o margravio o duca dei sassoni orientali
In carica 850 –
12 marzo 864 o 866
Predecessore Banzleib
Successore Bruno di Sassonia
Altri titoli conte della Ostfalia
Nascita 805/820 circa
Morte 12 marzo 864 o 866
Luogo di sepoltura Abbazia di Gandersheim
Dinastia Liudolfingi (Ottoni)
Padre Bruno o Brunhart, conte o margravio del Sacro Romano Impero
Madre Gisla di Verla
Coniuge Oda Billung
Figli Bruno di Sassonia
Ottone l'Illustre
Liutgarda
Hathumod
Gerberga
Christina
Friderada (forse)
Oda di Sassonia (forse)

Liudolfo di Sassonia (805/820 circa – 12 marzo 864 o 866), fu un conte o margravio sassone.

BiografiaModifica

Citato anche come duca dei Sassoni orientali e conte della Ostfalia, era figlio del conte Bruno[1] e di Gisla di Verla. I suoi zii, secondo Albert Karl Hömberg, erano Ecberto e Ida.[2] La moderna ricerca storica lo vuole discendente della dinastia degli Ecbertini.

Liudolfo estese i suoi possedimenti nella bassa Sassonia. Partecipò alle guerre di Ludovico II il Germanico contro i Normanni e gli Slavi. Da lui prese nome la dinastia dei Liudolfingi, divenuta, poi, con il nipote Ottone degli Ottoni.

Liudolfo è sepolto nell'abbazia di Gandersheim.

Matrimonio e figliModifica

Sposò, prima dell'830, Oda, figlia di un principe sassone chiamato Billung. Oda morì il 17 maggio 913[3]. Nell'845/846, Liudolfo e sua moglie si recarono a Roma per chiedere a papa Sergio II il permesso di fondare delle abbazie.

Dalla loro unione nacquero sei figli:[4]

Egli inoltre potrebbe essere stato il padre o il nonno di Friderada e forse il padre di Oda di Sassonia, che sposò Lotario I di Stade.

NoteModifica

  1. ^ The Encyclopaedia Britannica, Vol 24, Ed. Hugh Chisholm, (1911), 268.
  2. ^ Albert K. Hömberg: Geschichte der Comitate des Werler Grafenhauses. in: Westfälische Zeitschrift, Zeitschrift für vaterländische Geschichte und Altertumskunde, 100, 1950 S. 9–134, hier S. 122; zuvor bereits Georg Waitz: Jahrbücher des Deutschen Reichs unter König Heinrich I. Duncker & Humblot, Berlin 1863, auch 1963 im Nachdruck der Ausgabe von 1885, S. 192.
  3. ^ Saint Odilo (Abbot of Cluny), Queenship and sanctity: The lives of Mathilda and The epitaph of Adelheid, translated by Sean Gilsdorf, (Catholic University of America Press, 2004), 24.
  4. ^ Althoff, Gerd, Christopher Carroll, Family, friends and followers: political and social bonds in medieval Europe, (Cambridge University Press, 2004), 38.
  5. ^ The rise of the medieval world, 500-1300: a biographical dictionary, Ed. Jana K. Schulman , (Greenwood Press, 2002), 271.
  6. ^ The rise of the medieval world, 500-1300: a biographical dictionary, 271.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN86113813 · GND (DE13795252X · CERL cnp01172403 · WorldCat Identities (ENviaf-86113813
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie