Apri il menu principale
Live It Up
Live It Up.png
Da sinistra, Era Istrefi, Will Smith e Nicky Jam in uno screenshot tratto dal video musicale
ArtistaNicky Jam
FeaturingWill Smith e Era Istrefi
Tipo albumSingolo
Pubblicazione25 maggio 2018
Durata3:28
GenereTechno
Reggae
EtichettaSony Latino
ProduttoreDiplo, The Picard Brothers, Free School
FormatiDownload digitale
Nicky Jam - cronologia
Singolo precedente
Get Lit
(2018)
Singolo successivo
Icon (Remix)
(2018)

Live It Up è un singolo del cantante americano Nicky Jam che vede la partecipazione del rapper statunitense Will Smith e della cantante kosovara Era Istrefi.[1] Il singolo è stato scelto come canzone ufficiale per il Campionato mondiale di calcio 2018. Il brano è prodotto da Diplo, The Picard Brothers e Free School ed è stato pubblicato il 25 maggio 2018.[2][3]

È la prima canzone di Nicky Jam cantata in inglese.

Video musicaleModifica

Il video musicale della canzone è stato pubblicato l'8 giugno 2018. Presenta Nicky Jam, Will Smith, Era Istrefi e il calciatore brasiliano Ronaldinho, tra le immagini dei mondiali precedenti. Il video musicale è stato diretto da Yasha Malekzad, prodotto da Kasra Pezeshki ed è stato girato principalmente a Mosca, in Russia e in Ungheria, a Budapest.

FormazioneModifica

  • Will Smith – composizione, voce
  • Nicky Jam – composizione, voce
  • Era Istrefi – composizione, voce
  • Diplo – produttore

ClassificheModifica

Classifica (2018) Posizione

massima

Italia[4] 68

NoteModifica

  1. ^ (EN) Live It Up (Official Song 2018 FIFA World Cup Russia) [feat. Will Smith & Era Istrefi] - Single by Nicky Jam, 25 maggio 2018. URL consultato il 13 luglio 2018.
  2. ^ (EN) Ben Beaumont-Thomas, Official World Cup song to feature Will Smith, Nicky Jam and Era Istrefi, su the Guardian, 22 maggio 2018. URL consultato il 13 luglio 2018.
  3. ^ Will Smith & Nicky Jam Will Perform Official FIFA World Cup Song With Era Istrefi, in Billboard. URL consultato il 13 luglio 2018.
  4. ^ FIMI - Classifiche - FIMI, su www.fimi.it. URL consultato il 21 luglio 2018.

Collegamenti esterniModifica