Apri il menu principale
Locomotiva DB V 10010
Br 211 dal 1968
Locomotiva Diesel
212 372-7 (Flickr 18883322762).jpg
Locomotiva 212 372-7
Anni di progettazione 1955
Anni di costruzione 1957 - 1968
Anni di esercizio 1957-
Quantità prodotta 364
Costruttore MaK
Dimensioni 12.000 x 3.115 x 4.250 mm
Interperno 8.200 mm
Passo dei carrelli 2.200 mm
Massa in servizio 62 t
Rodiggio B'B'
Diametro ruote motrici 950 mm
Potenza oraria 810 kW
Sforzo trazione massimo 177 kN
Velocità massima omologata 100 km/h
Alimentazione gasolio

La locomotiva V 100 è un mezzo di trazione diesel, a trasmissione idraulica, di costruzione tedesca, in seguito diffusa in numerosi paesi europei presso altre imprese ferroviarie nonché società di manovre, costruzioni o manutenzioni ferroviarie.

Indice

StoriaModifica

 
Locomotiva Br 211 101-1

Le locomotive diesel-idrauliche V 100 vennero commissionate, dalla Deutsche Bundesbahn (DB), alla MaK nella metà degli anni cinquanta; nel 1958 vennero consegnate per prova le prime sette unità "prototipo" e si rivelarono di ottima qualità. In seguito a ciò fu esperita l'ordinazione definitiva e, costruite fino al 1968, raggiunsero il numero complessivo di 364 unità di cui molte atte al comando multiplo. Nel 1968 vennero riclassificate con la nuova numerazione "Br 211". Venne inoltre ordinata una seconda serie potenziata che fu immatricolata come "Br 212" e raggiunse il numero di 380 unità.

La dismissione delle V 100 (serie 10) iniziò negli anni ottanta. I rotabili dismessi hanno avuto un buon successo nel mercato dell'usato: nel 1990 la Ferrovia Alifana ne ha acquisite due unità, le ex-Br211, numero 002 e 105, che sono state immatricolate come "I 54" e "I 55"; le due unità sono state alienate in date diverse, agli inizi degli anni duemila[1]. Nel 2003 le Ferrovie del Gargano acquisirono dalla Vossloh una locomotiva V 100 già appartenuta alla DB e alle ÖBB[2].

CaratteristicheModifica

Le locomotive V 100 (dopo il 1968 Br 211) sono dotate di un motore diesel della potenza di 1100 CV; la trasmissione del moto avviene per mezzo di alberi cardanici e l'adattamento di coppia mediante convertitori idraulici. Un certo quantitativo è atto al telecomando.

La locomotiva è a cabina di guida centrale, di forma classica; poggia su due carrelli a due sale montate.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Peter Große Josef Högemann, Die Baureihe V 100, Freiburg, EK-Verlag, 2005.ISBN 3-88255-104-6.
  • Andreas Burow, Die V 100-Familie, München, GeraNova Bruckmann, 2004.ISBN 3-7654-7109-7.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti