Locomotiva FS E.402B

FS E.402B
Locomotiva elettrica
Treno Eurocity Carimate.jpg
Locomotiva E402 al traino di un treno Eurocity
Anni di costruzione 1996-2000
Anni di esercizio dal 1998
Quantità prodotta 80
Costruttore Ansaldo, Firema Trasporti (Fiore-Casertane), ITIN, SOFER
Lunghezza 19420 mm
Passo dei carrelli 2850 mm
Massa in servizio 89 t
Rodiggio B'o B'o
Diametro ruote motrici 1250 mm
Rapporto di trasmissione 23/91
Potenza oraria 6000 kW
Potenza continuativa 5600 kW
Velocità massima omologata 220 km/h
Alimentazione 3 kV cc - 25 kV 50Hz ca - 1,5 kV cc (mezza potenza)

Le E.402B sono delle locomotive delle Ferrovie dello Stato italiane di concezione moderna nate come evoluzione del precedente gruppo E.402A.

StoriaModifica

La storia delle locomotive E.402B nasce in seguito al successo delle sorelle maggiori E.402A, e con un ulteriore bisogno di ammodernare il parco rotabili. Vennero così progettate delle nuove locomotive elettriche 3 kV c.c. adatte ad affiancare le ormai anziane E.444 per il traino di treni passeggeri a lunga percorrenza sulle linee elettrificate nazionali. Nel 1995 vi fu inoltre una modifica connessa all'ordine di progettazione di 20 unità del gruppo (139÷158, il gruppo “Francia”), con lo scopo di ottenere delle macchine con caratteristiche specifiche, in grado di poter operare anche sulle linee francesi, essenzialmente per il trasporto merci. La prima unità adibita a tale servizio risultò essere la E.402B.139, che effettuò le prime corse prova il 29 luglio 1999, tra le città di Roma e Napoli, godendo del supporto della E.402B.174. Successivamente si sono susseguiti ulteriori test in Francia, sotto la catenaria transalpina, dove la macchina poté utilizzare per la prima volta il terzo pantografo, appositamente studiato per reti alimentate a 25 kV c.a.. Terminata la consegna, la piccola sottoserie E.402B “Francia”, nei primi anni duemila, ebbe il compito di effettuare alcuni merci internazionali fra Italia e Francia, in particolare via Modane. Nel 2010, a causa il fallimento del progetto di interoperabilità con la Francia (analogamente a quanto successo agli ETR.500) fu avviata la riconversione delle 20 unità del gruppo "Francia" in E.402B di serie, essendo oramai confluite quasi tutte in carico presso la divisione passeggeri di Trenitalia.[1]

In vista del raggiungimento dei 20 anni di servizio, nel corso del mese di dicembre 2019, fu annunciata da parte di Trenitalia l'imminente indizione di una gara d'appalto per la riqualificazione di 30 macchine del gruppo (due lotti da 15 ciascuno) che prevedeva il taglio di una delle cabine di guida (trasformandole di fatto in monocabina come le E.401), mediante il ripristino dell'alimentazione a 25 kV c.a. (di modo da aprire a queste locomotive le porte della rete Alta Velocità Italiana) e comprendendo nell'operazione l'aggiornamento degli azionamenti elettronici; tuttavia, a seguito del passaggio di alcune E.464 cedute dalle varie DTR regionali presso l'asset di Trenitalia dedicato ai convogli a lunga percorrenza - Intercity e Frecciabianca - il progetto è stato abbandonato.

A luglio 2021 viene emesso un bando relativo al rinnovo dell'impianto antincendio di 77 unità del gruppo.[2]

CaratteristicheModifica

Le locomotive mantengono le stesse caratteristiche meccaniche delle precedenti E.402A da cui derivano ma hanno un differente circuito elettrico ed elettronico. Lo stadio di ingresso ha una doppia funzione:

  • Con alimentazione a 25 KV C.A. ha la funzione di raddrizzatore
  • Con alimentazione a 3 KV C.C. ha la funzione di chopper

Lo stadio di potenza si basa su due inverter a GTO con raffreddamento ad acqua deionizzata fatta passare per apposite torri di raffreddamento (composte da un radiatore raffreddato dall'aria spinta contro esso da una ventola a vite).

La potenza continuativa delle locomotive è 5600 kW con punte di 6000 kW per mezz'ora.

Le motrici del gruppo "Francia" hanno avuto vari adattamenti[3] per permetterne la circolazione sulle linee SNCF. In particolare, tali locomotive furono equipaggiate di 3 pantografi: per la captazione a 1,5 KV C.C. e 25 KV C.A. una coppia di pantografi monobraccio asimmettrici e per la captazione a 3 KV C.C. un pantografo romboidale tipo ATR90. Oltre ai diversi pantografi, la versione "Francia" possedeva anche dispositivi di sicurezza SNCF, quali VACMA (Veille Automatique Contrôle Maintien d'Appui) e RSO (Répétition Optique des Signaux/KVB Contrôle Vitesse par Balise), l'apparecchiatura RADIO SNCF, il segnalatore d'emergenza tramite lampeggiamento del faro frontale e l'inibizione sabbiere.

Nel gennaio 2010, le E.402B.142 e 149 sono andate in carico a RFI per i suoi treni diagnostici. Oltre a queste due unità RFI dispone anche della 101 che dal 2012 ha la nuova livrea di RFI ed è rimasta la locomotiva titolare del Treno Misure Archimede, mentre la 149 è tornata in servizio di recente, dopo aver eseguito una revisione speciale alle O.G.R. di Foligno.

Le E.402B sono utilizzate soprattutto per servizi InterCity Giorno, InterCity Notte e Frecciabianca in abbinamento a carrozze Z1 o GC. Per i servizi merci veniva utilizzata solamente la suddetta versione "Francia". Tutte le macchine sono predisposte per il telecomando TCN e possono viaggiare, quindi, anche in composizione bloccata con carrozze semipilota tipo Z1.

LivreeModifica

Evoluzione delle livree
 
E.402B.166 in livrea originale.
 
E.402B.120 in livrea XMPR.
 
E.402B.103 in livrea Frecciabianca.
 
E.402B.101 nella nuova livrea Archimede.
 
E.402B.170 in livrea InterCity

La prima livrea è stata la livrea “Pininfarina”, che prevedeva:

  • la cassa grigio scuro;
  • i frontali e l'imperiale grigio chiaro;
  • la fascia superiore della cassa e i bavaglini frontali verde scuro.

La seconda livrea è stata la livrea XMPR, che prevedeva:

  • La cassa, i frontali e l'imperiale bianco ghiaccio;
  • La fascia inferiore della cassa e i bavaglini verde XMPR;
  • Una sottile striscia blu sopra la fascia.

La terza livrea è stata la livrea Frecciabianca 1, che prevedeva:

  • La cassa e i frontali bianco;
  • L'imperiale e i bavaglini grigio scuro;
  • La sottile fascia superiore della cassa rossa;
  • La fascia inferiore grigia sotto e rossa sopra, con due ondine verdi poco distaccate alle estremità, a ricordare la bandiera italiana;
  • Una scritta centrale grande o due laterali più piccole con la denominazione "FRECCIABIANCA".

Dal 2020 questa livrea è stata oggetto di una lieve rivisitazione stilistica da parte dell'Ufficio Tecnico di Trenitalia che ha mantenuto comunque in uso gli identici elementi cromatici della carrozzeria, ora in fase di applicazione sulle macchine ancora destinate all'asset Frecciabianca, ricevendo la nuova denominazione Frecciabianca 2, altrimenti nota come Frecciabianca 2.0, di modo da distinguerla dalla versione precedente.[4][5]

La livrea attuale per convogli Intercity prevede:

  • La cassa bianca;
  • I frontali bianchi inferiormente e grigi superiormente;
  • L'imperiale grigio;
  • La fascia inferiore grigio scuro;
  • Due fasce al centro, una più spessa grigia e una più sottile rossa.

Quest'ultima è in corso di applicazione.

In tutte queste livree, eccetto la prima "Pininfarina", vi è una striscia rossa tra i fanali, la cui forma è variata continuamente.

Accanto ad esse sono state realizzate nel tempo delle livree dedicate, che hanno rivestito o rivestono un numero limitato di macchine, come quella per il Treno Misure Archimede, utilizzata per l'omonimo convoglio diagnostico, che prevede:

  • La cassa, l'imperiale e i frontali bianchi;
  • L'imperiale e i bavaglini grigio scuro;
  • La fascia inferiore, una sottile striscia e una fascia obliqua blu;
  • Le palpebre dei finestrini grigio antracite.

NoteModifica

  1. ^ Storia di una meteora, le E.402B "Francia", Ferrovie.info, 17 maggio 2018.
  2. ^ Aggiornamento in vista per l'impianto antincendio delle E.402B ed E.403, Ferrovie.it, 8 luglio 2021.
  3. ^ Nota Direzione Passeggeri Trenitalia 210 E.402B.F Prot.194 del 04.09.2006.
  4. ^ Di David Campione, Livrea Frecciabianca di ritorno per le E.402B, Ferrovie.it, 8 settembre 2020.
  5. ^ Ferrovie: Sempre più E.402B con la livrea Frecciabianca 2.0, Ferrovie.info, 30 dicembre 2020.

BibliografiaModifica

  • Pietro Ferrari, E.402 politensioni!, in I treni, 17 (1996), n. 176, pp. 16-24
  • Ammiraglie in linea, in I treni, 19 (1998), n. 192, pp. 13-17
  • Aurelio Basso, Un buon avvio per l'E.402B, in I treni, 19 (1998), n. 199, pp. 13-15
  • Giovanni Cornolò, Dall'E.626 all'Eurostar. 1928-2008: ottant'anni di locomotive elettriche FS, Parma, Ermanno Albertelli, 2008, ISBN 88-87372-63-2 pp. 435–451

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti