Loggia dei Mercanti (Ascoli Piceno)

edificio di Ascoli Piceno
Loggia dei Mercanti
Loggia dei Mercanti Ascoli Piceno.jpg
Loggia dei Mercanti di Ascoli Piceno
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneMarche
LocalitàAscoli Piceno
Indirizzopiazza del Popolo
Coordinate42°51′18.27″N 13°34′30.57″E / 42.855076°N 13.575159°E42.855076; 13.575159Coordinate: 42°51′18.27″N 13°34′30.57″E / 42.855076°N 13.575159°E42.855076; 13.575159
Informazioni generali
CondizioniIn uso
StileRinascimentale

La loggia dei Mercanti è un'opera cinquecentesca che fu addossata a parte del fianco destro della chiesa di san Francesco, di cui copre circa un terzo, tra corso Mazzini e piazza del Popolo ad Ascoli Piceno. Lo spigolo del fronte occidentale si colloca quasi esattamente all'incrocio dei due assi stradali principali della città romana.

Storia e architetturaModifica

La sua struttura architettonica, in travertino, si compone di cinque arcate strutturate su alti plinti e poggianti su colonne corinzie sormontate da capitelli con decoro fogliare e termina con un cornicione cui, in seguito, ne fu sovrapposto un altro merlato di mattoni.

La loggia fu commissionata dalla ricca "Corporazione della Lana" che, dalla sua costruzione, ricavò uno spazio espositivo per le merci.

L'opera, iniziata dal maestro lombardo Bernardino di Pietro da Carona, fu ultimata nell'anno 1513 da Francesco Rubei di Villagona. Di incerta attribuzione sia la progettazione che il disegno, si suppone che si possano considerare validi vari artisti quali: Cola dell'Amatrice, Benedetto da Maiano o Bramante.

Sulla porzione della parete esterna della chiesa di san Francesco, racchiusa all'interno del perimetro della loggia, è murata una lapide di travertino, recante data 3 ottobre 1568, che indica con esattezza a quali misure dovevano corrispondere le lavorazioni dei laterizi usati per l'edilizia della città.

Al centro si legge la scritta:

(LA)

«ILLVSTRIS D IO BAP BAIARDVS PARAMEN GVB ET MAG COITAS A ASCULI HAS MENSURAS SVB PENA X SCVTORUM OBSERVARI MAND DIE III OCTOB MDLXVIII»

(IT)

«L'illustrissimo signor Giovanni Battista Baiardi, di Parma, Governatore, e il Magnifico Consiglio degli Anziani di Ascoli, hanno stabilito che siano osservate queste misure sotto la pena di 10 scudi – 3 ottobre 1568»

 
Misure convenzionali stabilite per i laterizi ascolani nel 1568

Questo provvedimento fu attuato dal governatore ascolano Giovanni Battista Baiardi per regolamentare i manufatti dei fornaciai poiché risultavano spesso di misura inferiore a quella commissionata: «di minor misura delle forme sigillate dategli da' deputati».

Scavati all'interno della lastra di travertino ci sono sei riferimenti per: mattone, quadro, mezzanella, coppo etc.
In basso vi è riportata anche una misura lineare della lunghezza di 63 cm, detta brazolaro, suddivisa in sei segmenti di circa 10,5 cm cadauno.

BibliografiaModifica

  • Antonio Rodilossi. Ascoli Piceno città d'arte, Modena, "Stampa & Stampa" Gruppo Euroarte Gattei, Grafiche STIG, 1983, pp. 114-115;

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che parlano delle Marche