Lopé-Okanda

Parco Nazionale di Lopé
Lopé National Park
Lopé National Park river crop.jpg
il fiume Ogooué nel Parco Nazionale di Lopé
Tipo di areaParco nazionale
StatoGabon Gabon
ProvinciaOgooué-Ivindo
Superficie a terra4910 km²
Superficie a terra491000 ha
GestoreAgenzia Nazionale per i Parchi Nazionali
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Gabon
Parco Nazionale di Lopé
Parco Nazionale di Lopé

Coordinate: 0°30′S 11°30′E / 0.5°S 11.5°E-0.5; 11.5

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
Paesaggio culturale ed ecosistema di Lopé-Okanda
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
TipoMisti
Criterio(iii) (iv) (ix) (x)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2007
Scheda UNESCO(EN) Ecosystem and Relict Cultural Landscape of Lopé-Okanda
(FR) Ecosystème et paysage culturel relique de Lopé-Okanda

Lopé-Okanda è un parco nazionale che si trova nel Gabon centrale, istituito nel 2002 ed entrato a far parte nel 2007 dell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO. Quest'area venne sottoposta a tutela già nel 1946 col nome di Riserva faunistica di Lopé-Okanda, la prima regione protetta del Gabon.

Il territorio del parco è caratterizzato per la maggior parte della sua estensione da una vasta foresta pluviale, al cui interno si trova una notevole biodiversità composta da numerosissime specie sia animali che vegetali; primaria importanza rivestono alcune specie di grandi mammiferi in via d'estinzione, come ad esempio i gorilla e gli elefanti delle foreste. Nonostante ciò, nella sua parte settentrionale il parco è caratterizzato da un'ampia savana, formatasi circa 15.000 anni fa nel periodo terminale dell'ultima glaciazione.

Nella parte settentrionale del parco sono anche visibili i resti dell'antica presenza umana in queste regioni: caverne con numerose incisioni rupestri (se ne contano circa 1.800), abitazioni, manufatti risalenti al neolitico e all'età del ferro, testimonianza diretta della costituzione in quest'area di una rotta migratoria che, come conseguenza dei cambiamenti climatici seguiti alla glaciazione, ha portato diverse popolazioni bantu a spostarsi verso le foreste del Congo settentrionale, per poi espandersi verso l'Africa orientale e meridionale.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica