Apri il menu principale

Lorenzo Ceccotti, in arte LRNZ (Roma, 3 aprile 1978), è un fumettista e illustratore italiano.

Oltre che per le collaborazioni come illustratore con Sergio Bonelli Editore e Editoriale Aurea, è noto in particolare per i volumi di graphic novel Golem e Astrogamma, entrambi editi da Bao Publishing.

Indice

BiografiaModifica

Si forma alla Scuola Romana di Fumetti e alla Scuola Internazionale di Comics, frequentando contemporaneamente l'Istituto superiore per le industrie artistiche dove studia Industrial Design.

Le sue prime esperienze lavorative sono nel mondo della grafica, e in particolare grafica computerizzata, contribuendo a fondare lo studio Chimp.Co (successivamente ribattezzato Studio Brutus).

Inizia a muovere i primi passi nel mondo del fumetto con alcune autoproduzioni, per poi fondare nel 2008 il collettivo Superamici, insieme ai fumettisti Ratigher, Tuono Pettinato, Dottor Pira e Maicol & Mirco[1]. Il gruppo cambia nome nel 2013, diventando Fratelli del cielo, e l'anno successivo LRNZ si allontana per dedicarsi ai propri lavori[2].

Tra il 2013 e il 2014 collabora con Editoriale Aurea, realizzando le copertine dei 12 numeri della miniserie Long Wei, e con Sergio Bonelli Editore, per cui realizza il mecha design della seconda serie di Orfani e la copertina del n° 13 del Dylan Dog Color Fest.

Sempre nel 2014 pubblica il suo primo romanzo a fumetti, l'opera di fantascienza distopica Golem (il cui primo episodio era già apparso nel 2010 nella rivista PicNic del collettivo Superamici, senza però proseguire)[3]; l'opera, pubblicata dall casa editrice Bao Publishing, ottiene una buona accoglienza di pubblico e critica ricevendo anche le attenzioni della stampa generalista.

Il suo secondo romanzo a fumetti è Astrogamma, nuovamente un racconto di fantascienza edito da Bao Publishing nel 2015. Nello stesso anno Einaudi gli commissiona le illustrazioni per le copertine di Annientamento, Autorità e Accettazione di Jeff VanderMeer.[4] La collaborazione con la casa editrice proseguirà con le opere di Haruki Murakami (La strana biblioteca, Ranocchio salva Tokyo)[5][6] e Michela Murgia (la riedizione de Il mondo deve sapere).[7]

Il 2016 lo vede all'opera sui disegni della miniserie a fumetti Monolith, su testi di Roberto Recchioni e Mauro Uzzeo e edita da Sergio Bonelli Editore, controparte cartacea di una omonima serie TV prodotta da Sky; il fumetto è stato presentato ufficialmente al Lucca Comics & Games 2016, ed è poi uscito nel gennaio 2017[8][9]. Parallelamente, sempre nel 2016 lavora su una nuova graphic novel dal titolo Geist Maschine[10].

All'attività di fumettista affianca dal 2007 anche quella di insegnante, prima allo IED di Roma e poi alla Scuola Romana dei Fumetti.

OpereModifica

NoteModifica

  1. ^ Super Amici, su supersuperamici.blogspot.it. URL consultato il 13 settembre 2015.
  2. ^ LRNZ abbandona i Fratelli del cielo, in Fumettologica, 4 marzo 2014. URL consultato il 13 settembre 2015.
  3. ^ La distopia italiana di Golem, il “progetto di mondo” di LRNZ, in Fumettologica, 22 dicembre 2014. URL consultato il 23 maggio 2016.
  4. ^ La copertina di “Borne” di Jeff VanderMeer disegnata da LRNZ, in Fumettologica, 9 gennaio 2018. URL consultato il 27 ottobre 2018.
  5. ^ La copertina di LRNZ per il libro La Strana Biblioteca di Murakami, in Fumettologica, 25 ottobre 2015. URL consultato il 27 ottobre 2018.
  6. ^ Le illustrazioni di LRNZ per il nuovo libro di Haruki Murakami, in Fumettologica, 10 novembre 2017. URL consultato il 27 ottobre 2018.
  7. ^ La copertina di LRNZ per “Il mondo deve sapere” di Michela Murgia, in Fumettologica, 31 gennaio 2017. URL consultato il 27 ottobre 2018.
  8. ^ Monolith – Sky Cinema e Bonelli portano al cinema il fumetto di Roberto Recchioni, in blog.screenweek.it, 26 ottobre 2016.
  9. ^ Monolith di Recchioni, Uzzeo e LRNZ, un’anteprima delle prime pagine, in Wired, 26 ottobre 2016. URL consultato il 3 novembre 2016.
  10. ^ Creator Spotlight: The LRNZ Interview, in magnetic-press.com, 4 aprile 2016. URL consultato il 3 novembre 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENno2017056015