Apri il menu principale

Lorenzo De Angelis

attore, doppiatore e direttore del doppiaggio italiano

Lorenzo De Angelis (Roma, 7 ottobre 1984) è un attore, doppiatore e direttore del doppiaggio italiano.

Indice

BiografiaModifica

Figlio di Claudio De Angelis, doppiatore e cofondatore della società di doppiaggio La BiBi.it, fin da piccolo inizia a doppiare e lavorare per il cinema e, soprattutto, per la televisione.

Ha doppiato il fantasmino in Casper (1995) , Casper - Un fantasmagorico inizio (1997) e Casper e Wendy - Una magica amicizia (1998) e Andrew Garfield in "The Amazing Spider-Man" (2012) e "The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro" (2014).Tra le opere in cui ha recitato, ricordiamo il film tv Il goal del Martin Pescatore, regia di Ruggero Miti, la serie tv Lezioni di guai (1999), dove interpreta il personaggio di Giacomo Abati, Incantesimo 3 e 4 (2000-2001), il kolossal hollywoodiano King Arthur (2004), nel ruolo di Alecto, Ricomincio da me e Provaci ancora prof!, miniserie tv entrambe del 2005 e dirette da Rossella Izzo, Questa è la mia terra (2006), regia di Raffaele Mertes, Chiara e Francesco, fiction tv girata nel 2007 sotto la regia di Fabrizio Costa, Il sangue e la rosa, regia di Salvatore Samperi, e Puccini, regia di Giorgio Capitani, del 2008. Nel 2016 entra a far parte del cast di "Un Medico in famiglia 10", nei panni di Geko.

Ha doppiato vari attori di telefilm, come Matthew Underwood in Zoey 101 e Gastón Soffritti in Il mondo di Patty. Ha anche prestato la voce a Goku bambino negli OAV di Dragon Ball, al personaggio di Willis in Digimon Hurricane Touchdown/Supreme Evolution! The Golden Digimentals e a quello di Henry Wong nella serie Digimon Tamers. Per il grande schermo ha doppiato Gabe Nevins nel film Paranoid Park, di Gus Van Sant.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DoppiaggioModifica

Film cinemaModifica

Film d'animazioneModifica

AnimazioneModifica

TelefilmModifica

TelenovelasModifica

NoteModifica

  1. ^ Le avventure di Winnie the Pooh, antoniogenna.net. URL consultato il 29 marzo 2015.

Collegamenti esterniModifica