Lorenzo Mambrini

calciatore italiano
Lorenzo Mambrini
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Termine carriera 2011 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-1994Pisa
1994-1997Arezzo
Squadre di club1
1996-1997Arezzo1+ (?)
Carriera da allenatore
2012-2013non conosciuta Valfabbrica
2013non conosciuta Guanabacoa
2014-2015Árabe UnidoVice
2015Árabe Unido
2016Ciudad de La Habana
2017-2018Santiago de Cuba
2017Cuba Cuba
2020-Ciego de Ávila
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Lorenzo Mambrini (Città di Castello, 3 luglio 1978) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista, tecnico del Ciego de Ávila.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Gioca fino al termine della stagione 1993-1994 nelle giovanili del Pisa[1]; dopo il fallimento del club toscano si ritrova senza squadra, accasandosi nelle giovanili dell'Arezzo[1]. Qui, viene fatto esordire tra i professionisti il 16 febbraio 1997 da Serse Cosmi nella vittoria casalinga per 1-0 del suo Arezzo contro il Tolentino, in una partita del campionato di Serie C2[2]. Si è ritirato nel 2011, a causa di un infortunio[3].

AllenatoreModifica

Nella stagione 2012-2013 subisce una squalifica di 3 anni e 6 mesi (successivamente ridotta a 18 mesi ed infine annullata nel 2014 dal TNAS[4]) per un presunto tentativo di combine[5] di una partita del campionato umbro di Promozione, mentre era allenatore del Valfabbrica[2]: si trasferisce a Cuba, dove allena il Guanabacoa[2], nella prima divisione cubana. L'anno seguente si trasferisce invece a Panama, dove dal 2014 al 2015 lavora come collaboratore tecnico di Milton Ruiz all'Árabe Unido[1]; nel 2015, a causa di una malattia, Ruiz è costretto a dimettersi e suggerisce alla dirigenza del club di sostituirlo con Mambrini, che porta in effetti a termine il campionato[1], vincendo sia il campionato che il premio di miglior allenatore del campionato[1].

Fa quindi ritorno a Cuba, dove allena nella seconda divisione locale, al Ciudad de La Habana, con cui vince il campionato (con conseguente promozione in prima divisione)[1]. Nel 2017 diventa allenatore della nazionale cubana[6], incarico che mantiene fino a fine anno; in contemporanea diventa anche allenatore del Santiago de Cuba, con cui vince due campionati consecutivi (i primi nella storia del club)[1], il primo dei quali con una striscia di 32 risultati utili consecutivi[1]. Al termine della stagione torna in Italia, salvo poi nel 2020 tornare a Cuba per diventare allenatore del Ciego de Ávila, sempre nella prima divisione cubana.

PalmarèsModifica

AllenatoreModifica

Competizioni nazionaliModifica

Árabe Unido: Clausura 2015
Santiago de Cuba: 2017, 2018

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Scheda, su footballdatabase.eu.