Lorenzo Ridolfi

giurista e politico italiano (1362-1443)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il politico fiorentino del XVI secolo, vedi Lorenzo di Piero Ridolfi.

Lorenzo Ridolfi, latinizzato come Laurentius de Rodulphis (Firenze, 1362Firenze, 1443), è stato un giurista, politico e diplomatico italiano della Repubblica di Firenze.[1]

Lorenzo Ridolfi

BiografiaModifica

 
Consiliorum liber tertius, manoscritto autografo, 1412-1419. Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Fondo Nazionale, ms. II.III.370.
 
De usuris, 1490.

Nacque nel 1362 a Firenze, figlio del mercante Antonio Ridolfi (morto nel 1385), discendente del capostipite Ridolfo e proveniente dalla Val di Pesa, attivamente impegnato nella politica fiorentina nel partito dei guelfi e per questo più volte perseguitato, fino a essere esiliato.[1]

Lorenzo studiò dapprima arti liberali a Firenze, avendo tra i suoi insegnanti Coluccio Salutati e appassionandosi agli autori classici e ai libri rari; frequentò quindi l'Università di Bologna per circa sei anni a partire dal 1381, assistendo alle lezioni dei maestri del diritto canonico dell'epoca tra cui Gaspare Calderini, Giovanni Fantuzzi, Giovanni da Legnano e in particolare il successore di quest'ultimo, Lorenzo di Pino. Nel 1387 conseguì il dottorato prima in diritto civile e poi in diritto canonico.[1]

Dopo alcuni mesi, nei quali fece da lettore all'università bolognese, tornò in patria per sposare Caterina Barucci detta Pichina, in un matrimonio combinato dal fratello, e continuare a insegnare.[1]

Dal 1393 in poi, mentre le sorti politiche ed economiche della famiglia Ridolfi si risollevavano, Lorenzo ebbe incarichi politici sempre più rilevanti: fu inviato come ambasciatore di Firenze presso papa Bonifacio IX e nel 1394 divenne priore delle Arti di Firenze, ricoprendo negli anni successivi tutte le maggiori magistrature cittadine.[1]

Nel 1402 scrisse la sua opera più importante, il trattato De usuris et materia Montis; negli anni successivi abbandonò l'attività accademica per dedicarsi alle più remunerative consulenze.[1] Partecipò a varie missioni diplomatiche, allo scopo di contrastare la crescente potenza del ducato di Milano ed espandere i territori di Firenze, culminate con l'alleanza stretta con la Repubblica di Venezia.[1] Ridolfi ebbe inoltre un ruolo di rilievo nella predisposizione del Concilio di Pisa del 1409, indetto per comporre lo scisma d'Occidente.[1]

Morì nel 1443 a Firenze.[1]

OpereModifica

  • (LA) Lorenzo Ridolfi, De usuris, Pescia, Bastiano Orlandi & Raffaele Orlandi, 1490.

ManoscrittiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i DBI.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN12661384 · ISNI (EN0000 0003 9564 5663 · GND (DE100951619 · BNF (FRcb14533883n (data) · CERL cnp00166422 · WorldCat Identities (ENviaf-12661384