Louis de Nogaret de La Valette d'Épernon

cardinale, arcivescovo cattolico e condottiero francese

Louis de Nogaret de La Valette d'Épernon (Angoulême, 8 febbraio 1593Rivoli, 28 settembre 1639) è stato un cardinale, arcivescovo cattolico e condottiero francese, luogotenente generale delle armate del Re.

Louis de Nogaret de La Valette d'Épernon
cardinale di Santa Romana Chiesa
Franque - Cardinal de La Valette - MV 7835.jpg
Jean-Pierre Franque, Ritratto del cardinale de La Valette (1838); olio su tela, diametro 41 cm, Hôtel de Beauvau, Parigi.
Blason Louis de Nogaret (1593-1639).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato8 febbraio 1593 ad Angoulême
Nominato arcivescovo26 agosto 1613 da papa Paolo V
Creato cardinale11 gennaio 1621 da papa Paolo V
Deceduto28 settembre 1639 (46 anni) a Rivoli
 

Era figlio di Jean Louis de Nogaret de La Valette, duca di Épernon, e di Margherita di Foix-Gandale.

BiografiaModifica

All'età di 6 anni ricevette la commenda dell'abbazia di Grand Selve. Nel 1613 lasciò il titolo abbaziale per la nomina ad arcivescovo di Tolosa. Divenne quindi abate commendatario di Saint-Victor de Marseille, Saint-Victor de Metz, Saint-Sernin de Toulouse, Saint-Mélaine de Rennes, de la Grasse, de Berdouesand e di Gard-sur-la-Somme. Nel 1622 diviene priore di Saint-Martin-des-Champs. Divenne anche gran elemosiniere di Luigi XIII.

Nel concistoro dell'11 gennaio 1621 venne nominato cardinale da papa Paolo V e ricevette il titolo di cardinale diacono di Sant'Adriano al Foro il 20 novembre 1623 da papa Urbano VIII.

Nel 1630, durante la congiura ordita contro il cardinale Richelieu che va sotto il nome di giornata degl'ingannati, fu probabilmente Louis de Nogaret a convincere il Richelieu a recarsi a Versailles per convincere il re Luigi XIII delle sue buone ragioni, il che gli consentì di mantenere la carica di primo ministro e di vedere la sua rivale, Maria de' Medici, madre del re, inviata in esilio.[1] Richelieu lo nominò comandante delle truppe del re e governatore in Angiò, poi a Metz, quindi gli affidò, nel 1635 il comando delle truppe reali in Germania, nel corso della guerra dei trent'anni. Nel 1637 venne inviato in Piccardia ed infine in Italia, ove morì improvvisamente a Rivoli. La sua salma venne inumata nel castello di famiglia a Cadillac (Aquitania).[1]

ConclaviModifica

Durante il periodo del suo cardinalato si tennero due conclavi:

ma Louis de Nogaret de La Valette d'Épernon non partecipò a nessuno dei due.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
8. Pierre de Nogaret de la Valette 16. Bertrand de Nogaret de la Valette  
 
17. Anne de Bertolene  
4. Jean de Nogaret de La Valette  
9. Marguerite de L'Isle 18. Jean de L'Isle  
 
19. Jeanne Galard  
2. Jean Louis de Nogaret de La Valette  
10. Pierre de Saint-Lary de Bellegarde 20. Raymond de Saint Lary  
 
21. Miramonde de Lagorsan  
5. Jeanne de Saint-Lary de Bellegarde  
11. Marguerite d'Orbessan 22. Pierre d'Orbessan  
 
23. Jeanne de Termes  
1. Louis de Nogaret de La Valette d'Épernon  
12. Frédéric de Foix-Candale 24. Gaston III de Foix-Candale  
 
25. Marthe d'Astarac  
6. Henri de Foix-Candale  
13. Françoise de La Rochefoucauld 26. François II de La Rochefoucauld  
 
27. Anne de Polignac  
3. Marguerite de Foix-Candale  
14. Anne de Montmorency 28. Guillaume de Montmorency  
 
29. Anne Pot  
7. Marie de Montmorency  
15. Maddalena di Savoia 30. Renato di Savoia-Villars  
 
31. Anna Lascaris  
 

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Salvador Miranda, NOGARET DE LA VALETTE, Louis de, su fiu.edu – The Cardinals of the Holy Roman Church, Florida International University.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN207349591 · ISNI (EN0000 0001 4014 3960 · CERL cnp01425974 · GND (DE101972837X · BNF (FRcb10714882x (data) · WorldCat Identities (ENviaf-207349591