Luca Brecel

giocatore di snooker belga
Luca Brecel
Luca Brecel at Snooker German Masters (Martin Rulsch) 2014-01-29 01.jpg
Brecel durante il torneo German Masters nel 2014
Nazionalità Belgio Belgio
Biliardo Cue sports pictogram.svg
Specialità Snooker
Carriera
Carriera professionistica
Stagioni 2011-
Soprannome Belgian Bullet
Ranking 37° (23 aprile 2020)
Miglior Ranking 11° (Ottobre 2017, Dicembre 2017, Marzo 2018)
Risultati nei tornei della Tripla Corona
UK Championship QF (2012, 2016)
Masters QF (2019)
Campionato mondiale 1T (2012, 2017, 2018, 2019)
Titoli Ranking 1
Titoli Non-Ranking 1
Century break 138
Miglior break 147 (1)
Championship League 2018
Maggior vincita £150.000
China Championship 2017
Statistiche aggiornate al 26 luglio 2020

Luca Brecel (Dilsen-Stokkem, 8 marzo 1995) è un giocatore di snooker belga.

Carriera amatorialeModifica

Nel 2009 all'età di 14 diventò il campione europeo più giovane della storia per gli Under-19.[1]

Nel maggio dello stesso anno arrivò al finale del World Series of Snooker in Portogallo, dove batte Jimmy White 4-3, e l'ex campione del mondo Ken Doherty 5-3 sul suo percorso fino ai quarti di finale, dove perse 4-5 contro Graeme Dott.

Diventò il campione belga di snooker il 24 maggio 2010, vincendo la finale 7-4 contro Bjorn Haneveer e riuscì anche ad ottenere il break più alto del torneo con 136.[2]

Carriera professionaleModifica

Stagione 2011-2012Modifica

Brecel diventò professionista nel giugno del 2011 e fu il secondo belga nel circuito dopo Bjorn Haneveer.

Ad agosto si piazzò 87° nel Ranking.

Nel gennaio del 2012, riuscì ad ottenere il suo primo "147" (il punteggio massimo in un frame regolare dello snooker) durante un torneo amatoriale.[3]

Giocò in tutti 12 eventi del Players Tour Championship durante la stagione, e in tre di questi riuscì ad arrivare ai trentaduesimi.

Alla fine della stagione, si piazzò al 69º posto.[4][5]

Diventò il giocatore più giovane di aver partecipato nel Campionato Mondiale nel 2012, e durante le partite delle qualificazioni al torneo riuscì a sconfiggere Ian McCulloch, Barry Pinches, Michael Holt e Mark King. Vincendo contro tutti questi è quindi diventato uno di soli 5 giocatori sotto l'età di 18 anni a partecipare al Campionato Mondiale. Nonostante un break da 96 in una manche della sua partita del primo girone, perse 5-10 contro Stephen Maguire e uscì dal torneo.[6]

Nonostante il suo piazzamento fuori dai primi 64 giocatori nella classifica mondiale, Brecel ricevette una wild card valida per due anni, insieme al maltese Tony Drago. Barry Hearn, il presidente della World Professional Biliards and Snooker Association, dichiarò che sarebbe stato "una perdita per lo sport" se Brecel non fosse stato parte della stagione.[7]

Stagione 2012-2013Modifica

Il secondo "147" di Brecel viene realizzato il 2 luglio 2012 anche se è avvenuto sempre durante un torneo amatoriale.[8]

Brecel si qualificò per lo UK Championship 2012 dopo aver vinto quattro gironi di qualifica contro Scott Donaldson (6-5), Peter Lines (6-4), Liu Chuang (6-3) e l'ex campione del mondo Peter Ebdon (6-1). Nel torneo batté Ricky Walden, Mark King e venne eliminato solo ai quarti da Shaun Murphy per 6-5.[9]

2013-Modifica

Col passare del tempo Brecel cominciò a diventare uno dei giocatori di punta del Ranking e ottenne la sua prima finale valevole per la classifica nel 2016 al German Masters.[10] L'anno dopo ottenne invece la prima vittoria, al China Championship contro Murphy.[11]

Il 26 marzo 2018 il belga realizzò la sua prima serie perfetta ufficiale.[12]

Dopo essere riuscito a togliersi alcune soddisfazioni. Brecel cala nel pieno della sua crescita nelle stagioni 2018-2019 e 2019-2020 raggiungendo, come unici risultati di punta, un quarto di finale al Masters 2019 e una semifinale al China Open 2019.[13][14]

Torna a vincere un torneo nella stagione 2019-2020, portando a casa il secondo evento della Championship League, creato appositamente per il ritorno all'attività dopo la pandemia di COVID-19.[15] Nel corso della competizione, Brecel conquista, in tutte e tre le fasi a gironi, una vittoria e due pareggi, per un totale complessivo di 15 punti.

Ranking[16]Modifica

Stagione Ranking iniziale Ranking finale
2011-2012 Non classificato 82
2012-2013 Non classificato 72
2013-2014 71 63
2014-2015 63 44
2015-2016 44 30
2016-2017 30 27
2017-2018 27 15
2018-2019 15 15
2019-2020 15

Century Breaks: 138Modifica

Break Massimi da 147: 1[17]Modifica

Anno Competizione Avversario Note
1 2018   Championship League   John Higgins [12]

Tornei vintiModifica

Titoli Ranking: 1Modifica

Titoli Non-Ranking: 1Modifica

Titoli Ranking
Competizione Anno Avversario Note
  China Championship 2017   Shaun Murphy [11]
Titoli Non-Ranking
Competizione Anno Avversario Note
  Championship League 2020   Ben Woollaston[18] [15]

Finali perseModifica

Titoli Ranking: 1Modifica

Titoli Non-Ranking: 1Modifica

Titoli Ranking
Competizione Anno Avversario Note
  German Masters 2016   Martin Gould [10]
Titoli Non-Ranking
Competizione Anno Avversario Note
  Shoot-Out 2016   Robin Hull [19]

PalmarèsModifica

AmatorialeModifica

  • Campionato Belga Under-16 – 2007, 2008, 2009
  • Eventi ranking in Belgio
    • St.Martinus Gent – 2007
    • Happy Snooker Hasselt – 2009
    • Zele – 2010
    • Peer – 2011
  • Campionato Open Malta – 2007
  • Campionato Fiamminga Under-16 – 2008
  • Campionato Belga a squadra – 2008
  • Campionato Open Belga Under-21 – 2008
  • Campionato Belga Under-21 – 2008, 2009
  • Campionato Europeo Under-19 – 2009
  • Open Internazionale Under-21 – 2009
  • Campionato Belga – 2010
  • Campionato Europeo – 2010

NoteModifica

  1. ^ (EN) Right on cue: Luca Brecel, Yahoo! and Eurosport, 10 aprile 2009. URL consultato il 13 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2009).
  2. ^ (FR) Luca Brecel est devenu champion de Belgique de snooker à 15 ans, RTL, 24 maggio 2010. URL consultato il 25 maggio 2010.
  3. ^ (NL) Luca Brecel maakt in Peer eerste officiële 147-break, in Gazet van Antwerpen, 23 gennaio 2012. URL consultato il 24 gennaio 2012.
  4. ^ (EN) Order of Merit, WWW Snooker, 8 gennaio 2012. URL consultato il 16 aprile 2012.
  5. ^ (NL) Luca Brecel heeft eerste grote scalp als profspeler beet, in De Morgen, 8 agosto 2011. URL consultato il 16 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2012).
  6. ^ (EN) World Snooker Championship 2012: scores and schedule, BBC Sport. URL consultato il 21 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2012).
  7. ^ (EN) Snooker: Brecel awarded wild card, ESPN Star, 24 aprile 2012. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  8. ^ (NL) Luca Brecel maakt maximumbreak van 147, in Het Belang Van Limburg, 7 luglio 2012. URL consultato il 7 luglio 2012.
  9. ^ (EN) 6 December 2012, BBC UK Championship Results, su bbc.co.uk. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  10. ^ a b (EN) Gould Wins Maiden Ranking Crown, su World Snooker, 7 febbraio 2016. URL consultato il 17 ottobre 2019.
  11. ^ a b (EN) Luca Brecel wins first ranking event with victory over Shaun Murphy, su Eurosport, 22 agosto 2017. URL consultato il 17 ottobre 2019.
  12. ^ a b (EN) Brecel Joins 147 Club, su World Snooker, 26 marzo 2018. URL consultato il 17 ottobre 2019.
  13. ^ (EN) Ding Junhui edges out Luca Brecel in epic Masters quarter-final, su Metro, 17 gennaio 2019. URL consultato l'11 marzo 2020.
  14. ^ (EN) Ron Florax, CueTracker - 2019 China Open - Snooker Results & Statistics Database, su cuetracker.net. URL consultato l'11 marzo 2020.
  15. ^ a b (EN) Brilliant Brecel Wins Championship League, su World Snooker, 11 giugno 2020. URL consultato l'11 giugno 2020.
  16. ^ (EN) Ron Florax, CueTracker - Ranking History For Luca Brecel - Snooker Results & Statistics Database, su cuetracker.net. URL consultato l'11 marzo 2020.
  17. ^ (EN) Official 147s, su World Snooker. URL consultato il 17 ottobre 2019.
  18. ^ Dato che si è classificato in seconda posizione nel girone conclusivo, Ben Woollaston viene collocato nella sezione degli avversari battuti in finale.
  19. ^ (EN) Robin Hull hails Hexagon crowd after beating Luca Brecel to win Snooker Shootout, su Reading Chronicle. URL consultato il 17 ottobre 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica