Apri il menu principale

Luca Campedelli

imprenditore e dirigente sportivo italiano

Luca Campedelli (Verona, 24 ottobre 1968) è un imprenditore e dirigente sportivo italiano, maggior azionista dell'azienda dolciaria Paluani e presidente dell'Associazione Calcio ChievoVerona. Inoltre, è proprietario di alcuni alberghi nella città di Verona.[1]

Indice

BiografiaModifica

«Per me è come se fosse un sogno, quando mi sveglierò vi saprò dire.»

(Luca Campedelli il 4 giugno 2001 dopo la promozione del Chievo in Serie A.[2])

È figlio di Luigi Campedelli, alla cui scomparsa, nel 1992, ereditò, appena ventitreenne,[1] la guida dell'azienda di famiglia e la presidenza del Chievo, diventando il più giovane presidente di club calcistici d'Italia fino al 2008, quando Alessandro Ruggeri divenne presidente dell'Atalanta a 21 anni. Con lui alla presidenza il Chievo conquistò tre promozioni: la prima nel 1994, quando, con allenatore Malesani, i gialloblu passarono in Serie B per la prima volta della loro storia, la seconda nel 2001 quando la squadra veronese, guidata da Luigi Delneri, realizzò un vero e proprio miracolo calcistico conquistando la Serie A, e l'ultima nel 2008 quando la squadra ritornò nella massima serie dopo un solo anno di cadetteria.

Fin dall'inizio proseguì l'operato paterno. In particolare, attraverso la gestione della squadra calcistica seguì i consigli del genitore, che lo raccomandava di non mettere a rischio la Paluani con spese eccessive nel calcio.[3]

Con lui al vertice c'è stata l'ascesa del Chievo prima in Serie B (1994) e poi in Serie A (2001). Proprio la promozione in massima serie della squadra gli valse una certa notorietà e la copertina del settimanale Sportweek de La Gazzetta dello Sport.[4] Il 25 settembre 2013 si è reso protagonista di un gesto di grande fair play andando a rincuorare il guardalinee che durante la partita Chievo - Juventus, giocata poco prima, aveva annullato ai gialloblù un gol che sarebbe valso il 2-1 per i padroni di casa, mentre la partita è terminata invece 1-2 per i bianconeri.

CuriositàModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica