Apri il menu principale
Luca Dini

Luca Dini (Sant'Angelo in Vado, 22 aprile 1965) è un giornalista italiano, direttore editoriale delle riviste edite da Condé Nast.

Indice

CarrieraModifica

Laureato a Trieste come interprete di inglese, spagnolo e francese, nel 1990 vince una borsa di studio alla scuola di giornalismo della Rizzoli, e nel 1991 comincia a collaborare con «Oggi», come corrispondente da New York a partire dal 1994[1].

Dal 2006[2] all'aprile 2017[3] è stato direttore di «Vanity Fair».

Dopo 11 anni, Luca Dini lascia la cattedra di ‘Vanity Fair’ per diventare direttore editoriale di tutti i brand del gruppo Condè Nast. editoriale[4]. Luca Dini avrà la responsabilità di coordinare la strategia editoriale, promuovere la qualità dei contenuti e sviluppare nuovi progetti. Ovviamente restando in una stretta collaborazione con il presidente Giampaolo Grandi e il direttore generale Fedele Usai[5].

Premi e onorificenzeModifica

  • Nel 2000 vince il premio Saint Vincent per un reportage sulla pena di morte negli USA.[6]
  • Nel 2006 gli viene assegnato un premio speciale per il successo di Vanity Fair.[7]
  • Nel 2011 viene insignito del titolo di Cavaliere di Seingalt.[8]

NoteModifica

  1. ^ dal sito dell'international journalism festival di Perugia, su ijf10.org. URL consultato il 28 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2010).
  2. ^ Da sito crisalidepress.it
  3. ^ Condè Nast: Luca Dini lascia la direzione di ‘Vanity Fair’ per diventare direttore editoriale di tutti i brand del gruppo, su primaonline.it. URL consultato il 4 maggio 2017.
  4. ^ Luca Dini lascerà a fine mese la direzione di Vanity Fair per assumere quella di Condé Nast: la nuova direttrice della rivista sarà Daniela Hamaui, su Il Post, 1º aprile 2017. URL consultato il 12 giugno 2017.
  5. ^ Luca Dini lascia la direzione di 'Vanity Fair' a Daniela Hamaui | Prima Comunicazione, su primaonline.it. URL consultato il 12 giugno 2017.
  6. ^ Premio Saint-Vincent per il giornalismo, su giornalisti.casinodelavallee.info. URL consultato il 28 luglio 2010 (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2010).
  7. ^ Grand Prix Italia Archiviato l'8 giugno 2007 in Internet Archive.
  8. ^ Premio Casanova - Cavaliere di Seingalt

Altri progettiModifica