Luca Mazzà

giornalista italiano

Luca Mazzà (Roma, 19 gennaio 1962) è un giornalista italiano già direttore del TG3, di Radio 1 e del Giornale Radio Rai.

BiografiaModifica

Le sue prime esperienze lavorative le ebbe in Ore 12 Il Globo e presso la redazione dell'ANSA. Ha altresì lavorato per i quotidiani Milano Finanza e Italia Oggi.

In seguito entra in Rai, nel 1991, come responsabile redazione economica del GR1. Tra le varie cariche ricoperte in Rai: vicedirettore di Rai 3; caporedattore centrale di Rai Sport; responsabile del talk politico Ballarò (lascia quest'ultimo incarico in forte dissenso con il conduttore Massimo Giannini; il programma verrà chiuso dai vertici della tv di Stato nel 2016), responsabile dei programmi Agorà e Mi manda Raitre.

Dopo essere stato anche vicedirettore di Rai Parlamento, è stato poi responsabile della redazione economica del TG3 (qui ha condotto le edizioni pomeridiane e notturne) e capo redattore sempre di questo telegiornale.

Il 10 dicembre 2016 gli è stato conferito il Premio Sulmona di giornalismo.

Direttore: TG3, Radio 1 e GRModifica

Il 6 agosto 2016 viene nominato direttore del telegiornale della terza rete Rai dall'amministratore delegato Antonio Campo Dall'Orto, incarico ricoperto fino al 30 ottobre 2018, quando in seguito alla nomina a direttore di Rai Radio 1 e del Giornale Radio Rai viene sostituito da Giuseppina Paterniti Martello alla guida del telegiornale.

Ricoprirà l'incarico di direttore di Radio 1 e dei GR fino al 15 maggio 2020.

ControversieModifica

La sua nomina alla direzione del TG3 ha scatenato forti polemiche politiche e sollevato critiche da parte dei partiti di opposizione contro Matteo Renzi. A detta di costoro la sostituzione di Bianca Berlinguer con Mazzà sarebbe avvenuta per allineare il TG3 alla linea politica del governo Renzi.[1]

Il premier Matteo Renzi dal canto suo ha escluso ogni sua ingerenza nelle nomine.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica