Apri il menu principale

Luca Tabbiani

calciatore italiano
Luca Tabbiani
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 2014 - giocatore
Carriera
Giovanili
1996-1998 Genoa
Squadre di club1
1998-2000 Genoa 13 (0)
2000-2001 Mestre 26 (5)
2001-2002 Trento 23 (5)
2002-2006 Cremonese 118 (12)[1]
2006-2008 Bari 47 (3)
2008-2010 Triestina 62 (3)[2]
2010-2011 Pisa 15 (1)
2011-2012 Lecco 32 (0)[3]
2012-2014 Sestri Levante 43 (8)
Carriera da allenatore
2014Vado(vice)
2014-2015Vado
2016-2017Lavagnese
2017Savona
2018-2019Lavagnese
2019Genova Calcio
2019-Fiorenzuola
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 giugno 2019

Luca Tabbiani (Genova, 13 febbraio 1979) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

BiografiaModifica

Luca Tabbiani ha due figli con la sua Deborah: la primogenita è Asia e la secondogenita è Noemi.[4]

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Inizia a muovere i primi passi nel calcio professionistico con la maglia del Genoa, maglia con la quale debutta in Serie B il 10 gennaio 1999 in Lucchese-Genoa (1-0).[5] In rossoblu totalizza 13 presenze a cavallo tra 1999 e 2000. Nello stesso anno approda in Serie C2 con la maglia del Mestre collezionando 26 presenze e 5 gol. L'anno successivo passa al Trento, sempre in Serie C2, collezionando 23 presenze con 5 gol, e giocando con più costanza da titolare. Nel 2002 si trasferisce alla Cremonese, aiutando la squadra lombarda a fare il salto dalla Serie C2 alla Serie B nel giro di tre anni. Totalizza 122 presenze in grigiorosso prima di lasciare la squadra in seguito alla retrocessione in Serie C1 maturata al termine della stagione 2005-2006, annata nella quale Tabbiani ha segnato il suo primo gol in Serie B (precisamente il 18 dicembre 2005 in Ternana-Cremonese 1-1). Passa così al Bari con il quale ha la possibilità di continuare a giocare in Serie B e firma un contratto triennale.[6] Con i pugliesi milita una stagione e mezza nella serie cadetta totalizzando 47 presenze e 3 reti. Nel mercato invernale della stagione 2007-2008 il giocatore passa con la formula della comproprietà nei pari-categoria della Triestina[7] e nella finestra di mercato estiva viene ceduto a titolo definitivo alla società giuliana. In seguito milita altre due stagioni in Serie B in maglia alabardata; al termine della stagione 2009-2010 retrocede in Serie C1 in seguito ai play-out persi contro il Padova[8] (anche se poi i giuliani verranno ripescati in cadetteria).

Il 31 agosto 2010 è stato acquistato dal Pisa, dove quindi gioca in Prima Divisione (ex-Serie C1). Segna la sua prima ed unica rete "neroazzurra" il 17 ottobre successivo nel sentito derby di Lucca, mettendo a segno il gol dell'1-1 al 92º minuto.

Nel successivo mese di gennaio 2011 si trasferisce al Lecco[9] militante in Seconda Divisione. Gioca poi due stagioni in Serie D, nel Sestri Levante, prima di ritirarsi nel 2014.

Ha disputato oltre 100 gare in Serie B.

AllenatoreModifica

Appena appesi gli scarpini al chiodo viene scelto come vice di Pietro Buttu sulla panchina del Vado[10], in Serie D. Dal dicembre 2014 subentra allo stesso Buttu sulla panchina dei savonesi[11], raggiungendo la salvezza e venendo confermato anche per la stagione successiva dove viene però esonerato il 21 dicembre 2015 con la squadra in piena zona playout[12]. Nell'estate 2016 viene chiamato dalla Lavagnese guidando i bianconeri al 4º posto e ai playoff dove il cammino si interrompe in semifinale per mano del Savona. Proprio dai biancoblú viene chiamato nel luglio 2017 a guidare la prima squadra ma l'esperienza savonese durò poco venendo esonerato il 7 novembre 2017 dalla società ligure dopo un inizio difficile.

Il 12 maggio 2018 torna sulla panchina della Lavagnese.[13] Dopo essere arrivato 10º viene sostituito dal suo vice Nucera. Il 4 giugno 2019 viene nominato come nuovo allenatore della Genova Calcio, in Eccellenza ligure[14], ma già il 17 giugno, in accordo con la stessa società genovese, viene ufficializzato il suo passaggio al Fiorenzuola, società militante in serie D[15].

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

Competizioni nazionaliModifica

Cremonese: 2004-2005

NoteModifica

  1. ^ 122 (12) se si comprendono i play-off.
  2. ^ 64 (3) se si comprendono i play-out.
  3. ^ 33 (0) se si comprendono i play-out.
  4. ^ Nastro rosa in casa alabardata: questa notte è nata Noemi Tabbiani, Triestinacalcio.it. URL consultato il 1º luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2011).
  5. ^ Scheda del giocatore[collegamento interrotto], Lega-calcio.it.
  6. ^ UFFICIALE: Bari, arriva Tabbiani, Tuttomercatoweb.com.
  7. ^ Comunicato stampa: Luca Tabbiani dall'A.S. Bari alla Triestina, Triestinacalcio.it (archiviato dall'url originale il 30 novembre 2010).
  8. ^ Triestina, Sant'Antonio fa la grazia al Padova, Unione retrocessa in C[collegamento interrotto], Sportest.it.
  9. ^ PISA, DIFFICOLTÀ PER IL DIFENSORE - INTANTO TABBIANI VA AL LECCO, Radiobrunotoscana.it.
  10. ^ Ecco il Vado: alle 18 la presentazione, largo ai giovani, lastampa.it.
  11. ^ Vado fc, esonerato Pietro Buttu, rsvn.it. URL consultato il 24 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2015).
  12. ^ VADO: esonerato TABBIANI!, dilettantissimo.tv.
  13. ^ UFFICIALE: Lavagnese, scelto il tecnico per la prossima stagione notiziariocalcio.com
  14. ^ Mister Luca Tabbiani quale responsabile della prima squadra genovacalcio.com
  15. ^ Comunicato Ufficiale: Luca Tabbiani è il nuovo allenatore di U.S. Fiorenzuola 1922 Fiorenzuolacalcio.it

Collegamenti esterniModifica