Apri il menu principale
Luca Vanni
Luca Vanni 2, 2015 Wimbledon Qualifying - Diliff.jpg
Luca Vanni nel 2015
Nazionalità Italia Italia
Altezza 198 cm
Peso 94 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 5-18
Titoli vinti 0
Miglior ranking 100° (11 maggio 2015)
Ranking attuale 226° (17 giugno 2019)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 1T (2017, 2019)
Francia Roland Garros 1T (2015)
Regno Unito Wimbledon 1T (2015)
Stati Uniti US Open Q2 (2015)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 0-1
Titoli vinti 0
Miglior ranking 204° (9 luglio 2012)
Ranking attuale 382° (6 maggio 2019)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 17 giugno 2019

Luca Vanni (Arezzo, 4 giugno 1985) è un tennista italiano.

CarrieraModifica

In singolare a livello di tornei Challenger è riuscito a raggiungere la sua prima finale a Kaohsiung nel 2014 perdendo da Lu Yen-Hsun, numero 47 del mondo, per 7-67, 4-6, 4-6. Nei tornei Futures ha conquistato sedici titoli in ventisei finali.

In doppio vanta a livello Challenger un titolo in coppia con Stefano Ianni a Todi e una finale persa a Lima in coppia con Claudio Grassi. A livello vanta quindici titoli in trentaquattro finali tra Challenger e Futures.

Nel 2014 tenta le qualificazioni per gli US Open perdendo al primo turno da Collin Altamirano 4-6, 2-6.

2015Modifica

Per la prima volta in carriera, a quasi trent'anni, nel gennaio 2015 entra nel tabellone principale di un torneo ATP a Chennai dove viene eliminato al primo turno da Ričardas Berankis con il punteggio di 1-6 6-2 5-7.

Partecipa poi alle qualificazioni degli Australian Open,dove da testa di serie numero 29, supera il primo turno battendo il serbo Kjrstin per 7-6 6-2. Nel secondo turno delle qualificazioni viene però sconfitto dal belga Authom per 7-6 6-4.

Ad inizio febbraio partecipa per la prima volta in carriera come iscritto in tabellone al torneo Atp di Quito dove però viene sconfitto dal serbo Dušan Lajović con il punteggio di 7-6 6-4.

La settimana seguente supera le qualificazioni del torneo Atp 250 di Sao Paulo battendo al turno decisivo lo spagnolo Daniel Gimeno Traver con il punteggio di 6-4 6-4. Lo spagnolo Feliciano López, testa di serie n° 1 del torneo, annuncia il ritiro dal tabellone e Vanni prende il suo posto passando direttamente al secondo turno. Battendo l'olandese Thiemo de Bakker, il serbo Dusan Lajovic e il brasiliano João Souza, accede per l'unica volta in carriera a una finale di un torneo del circuito maggiore, la n° 144 disputata da un tennista italiano nell'era Open. Il 15 febbraio 2015 perde nell'atto conclusivo contro l'uruguaiano Pablo Cuevas con il punteggio di 4-6, 6-3, 6-7(4). Grazie a questo risultato sale alla posizione n° 108 della classifica mondiale.

La settimana successiva Vanni disputa il torneo Atp 250 di Marsiglia, grazie allo special exempt concessogli dagli organizzatori, ma viene eliminato al primo turno da Simone Bolelli in due set.

Nei mesi successivi può prendere parte alle qualificazioni di due Master 1000 ma sia a Miami che a Montecarlo viene eliminato al primo turno. Ai primi di maggio grazie alle vittorie nelle qualificazioni riesce per la prima volta a entrare nel tabellone principale di un masters 1000: si tratta del torneo ATP di Madrid. In questo torneo il 4 maggio 2015 batte al primo turno l'australiano Bernard Tomić; per il tennista italiano si tratta della prima vittoria all'esordio in un tabellone principale di un masters 1000 in carriera, al secondo turno viene però eliminato da Simone Bolelli. La vittoria gli consente di stabilire il best ranking, entrando nel circolo dei 41 Top 100 italiani dall'introduzione della classifica ATP computerizzata.

Partecipa anche al successivo 1000, a Roma, ma viene eliminato al primo turno da Nicolás Almagro in due set. In questo torneo debutta anche in doppio in coppia con Paolo Lorenzi, ma anche in questo caso la coppia italiana perde all'esordio contro Cabal e Farah.

Sempre nel maggio 2015 riesce a superare le qualificazioni per il Roland Garros esordendo così anche nei tornei dello Slam. Dopo il Roland Garros partecipa al torneo di Wimbledon in qualità di lucky loser dove riesce ad entrare nel tabellone grazie al ritiro della testa di serie numero 5 David Ferrer. Al primo turno lo vede imposto al britannico James Ward, dove viene sconfitto con lo score di 7-6(4),2-6,4-6,3-6. Uscendo di fatto per la seconda volta consecutiva al primo turno in un torneo del Grande Slam.

Ad agosto si aggiudica il primo Challenger a Portoroz, battendo in finale il giocatore di casa Grega Žemlja per 6-3 7-6. A settembre ottiene la migliore prestazione dell'anno in doppio a Shanghai in coppia con Thomas Fabbiano con la finale raggiunta e poi persa contro Wu Di e Yi Chu-Huan. per 6-3, 7-5. Ad ottobre raggiunge la semifinale nel torneo Challenger di Brest arrendendosi solo a Benoît Paire, nº 23 ATP e testa di serie nº 1, e in quello di Brescia dove viene battuto in due set da Igor Sijsling. Chiude l'anno alla posizione nº 106 del ranking mondiale.

2016Modifica

La classifica vicina alla 100ª posizione gli permette di partecipare ad alcuni tornei dell'ATP World Tour ad inizio stagione; a Chennai elimina al primo turno il tedesco Struff e perde al secondo contro Bedene; eliminato al primo turno delle qualificazioni degli Australian Open, si iscrive ai tornei di Montpellier, Memphis e San Paolo ma viene sempre eliminato al primo turno. Non confermando i punti della finale 2015 di San Paolo, retrocede intorno alla centocinquantesima posizione del ranking ATP e non ha più diretto accesso ai tabelloni del circuito maggiore: tenta le qualificazioni per i Master 1000 di Miami e Roma, così come per il 250 dell'Estoril e per il Roland Garros, ma in tutte le occasioni perde al debutto. Nemmeno nei tornei Challenger disputati nel frattempo riesce a ottenere successi: il primo risultato dell'anno di un certo rilievo lo ottiene a Segovia, a fine luglio, dove vince il torneo contro Illja Marčenko.

Dopo l'eliminazione, ancora al primo turno, nelle qualificazioni degli US Open, torna a disputare un torneo ATP a fine settembre quando supera i due turni di qualificazione di Shenzen; qui al primo turno incontra l'australiano Wittinghton che lo supera in tre set.

Quando ormai il suo ranking si avvicina alla duecentesima posizione, arrivano i migliori risultati dell'anno: a novembre conquista due titoli Challenger. A Brescia, dopo aver battuto in semifinale Lacko, batte in una combattuta finale in tre set Grigelis. La settimana successiva si impone anche ad Andria, di nuovo sul sintetico, dove supera in semifinale in tre set l'ostico Stachovs'kyj, numero 115 del mondo. Nel turno finale, dopo aver perso il primo set per 7-5, vince per 6-0, 6-3 contro il ventenne Matteo Berrettini conquistando il quarto titolo di categoria in carriera, chiudendo l'anno al numero 157 del ranking ATP. Anche in doppio il miglior risultato è arrivato in coda alla stagione quando, in coppia con lo svizzero Chiudinelli, ha disputato la finale al Challenger di Brest.

2017Modifica

Inizia la stagione uscendo al primo turno di qualificazione a Doha e a Sydney. Agli Australian Open supera le qualificazioni battendo in sequenza Gaio, Sarkissian e Satral, centrando per la prima volta in carriera il main draw. Al primo turno affronta il numero 10 mondiale Berdych e, dopo aver perso il primo set 6-1, si ritira a causa di problemi fisici. Nei mesi successivi gioca numerosi Challenger, soprattutto asiatici, raggiungendo le semifinali in singolare a Shenzen e a Zhuhai in doppio. Si riaffaccia nel circuito maggiore a Marrakech, dove supera le qualificazioni e al primo turno del tabellone principale viene eliminato da Veselý per 6-2, 6-3.

Dopo l'uscita al primo turno in due Challenger cinesi, perde al terzo set contro il forte sudafricano Ken Anderson al primo turno di qualificazione degli Internazionali d'Italia e al secondo delle qualificazioni al Roland Garros. Nella stagione sull'erba perde al primo turno al Challenger di Nottingham, alle qualificazioni del torneo ATP di Halle e di Wimbledon. Tornato in Italia raggiunge la semifinale nel Challenger di Recanati, superato da Mirza Bašić. Anche alle qualificazioni degli US Open esce al primo turno, battuto dal canadese Dancevic. Nell'ultima parte della stagione il risultato di maggior rilievo sono le semifinali raggiunte agli Internationaux de Tennis de Vandée in novembre.

2018Modifica

Ad inizio stagione tenta la via delle qualificazioni per gli Australian Open e per il 250 di Sofia, perdendo in entrambi i casi al primo match. Esce al secondo turno nei Challenger di Cherbourg e, vinte le qualificazioni, Bergamo, poi, visto il peggioramento in classifica, si dedica ad alcuni Futures raggiungendo le semifinali a Trento e tornando finalmente, dopo quasi un anno e mezzo dal Challenger di Andria, a disputare una finale a S. Margherita di Pula ad inizio aprile: in questa occasione viene battuto da Juan Pablo Ficovich per 3-6, 6-7. È il preludio al ritorno ad una finale Challenger, conquistata da Vanni il mese successivo a Glasgow dove elimina Jankovits, Milojević (numero due del tabellone), Ortega-Olmedo e Matteo Viola per sfidare il numero uno del torneo Lacko in finale. Finale che finisce con il punteggio di 4-6 7-6(3) 6-4 in favore di Lacko.[1] Il successo in un Challenger non si fa però attendere molto, infatti il 19 maggio Vanni si aggiudica il torneo di Samarcanda battendo in finale con il punteggio di 6-4 6-4 lo spagnolo Mario Vilella Martinez.[2]

Giunge al terzo e decisivo turno di qualificazione per il torneo di Wimbledon ma viene sconfitto in quattro set da Stephan Robert. Viene invece estromesso al primo turno alle qualificazioni degli US Open da un altro francese, Gregoire Barrere. A settembre torna a disputare un match di un ATP 250 a San Pietroburgo: qui, dopo aver superato i due turni qualificatori, viene opposto a Bautista Agut che lo batte per 7-5, 6-2. Il miglior risultato nei successivi tornei challenger lo ottiene a Orleans dove raggiunge l'ultima semifinale della stagione. Chiude così il 2018 poco oltre la posizione 160 del ranking ATP avanzando quindi di una settantina di posizioni rispetto alla chiusura della stagione precedente.

2019Modifica

Dopo due anni Vanni entra di nuovo nel tabellone principale di uno Slam, passando dalle qualificazioni agli Australian Open, dove vince il derby con Alessandro Giannessi ed elimina poi l'ucraino Serhij Stachovs'kyj e il giapponese Hiroki Moriya. Al primo turno si trova opposto alla ventitreesima testa di serie del torneo, lo spagnolo Pablo Carreño Busta, contro il quale cede soltanto nella quinta partita dopo essere stato in vantaggio per due set a zero.

SingolareModifica

Finali perse (1)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (0)
ATP World Tour 250 (1)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 15 febbraio 2015   Brasil Open, San Paolo Terra battuta   Pablo Cuevas 4-6, 6-3, 64-7

Tornei minoriModifica

SingolareModifica

Vittorie (21)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (5)
Futures (16)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 14 agosto 2006   Italy F26 Terra battuta   Marco Di Vuolo 2-6, 6-2, 7-65
2. 8 giugno 2008   Ukraine F1 Terra battuta   Dmytro Petrov 7-65, 7-5
3. 15 giugno 2008   Ukraine F2 Terra battuta   Denys Molchanov 6-4, 6-3
4. 15 marzo 2010   Switzerland F1 Sintetico indoor   Marc Meigel 6-3, 6-3
5. 5 settembre 2010   Italy F24 Terra battuta   Andrea Falgheri 7-5, 66-7, 6-3
6. 13 settembre 2010   Italy F25 Terra battuta   Filippo Leonardi 6-2, 1-6, 7-65
7. 4 settembre 2011   Italy F24 Terra battuta   Josselin Ouanna 6-3, 6-2
8. 14 maggio 2012   Italy F8 Terra battuta   Claudio Grassi 6-3, 6-2
9. 18 giugno 2012   Italy F13 Terra battuta   Jonathan Gonzalia 63-7, 6-3, 6-4
10. 17 febbraio 2014   Italy F1 Cemento indoor   Moritz Baumann 6-2, 7-5
11. 24 febbraio 2014   Italy F2 Sintetico indoor   Stefano Napolitano 6-3, 6-3
12. 4 maggio 2014   Italy F12 Terra battuta   Alessio Di Mauro 6-1, 3-1 Rit.
13. 11 maggio 2014   Italy F13 Terra battuta   Florian Fallert 7-5, 6-3
14. 1 giugno 2014   Italy F16 Terra battuta   Mitchell Krueger 4-6, 6-3, 6-1
15. 16 giugno 2014   Italy F18 Terra battuta   Mitchell Krueger 6-3, 6-3
16. 6 luglio 2014   Italy F21 Terra battuta   Ivo Klec 6-4, 6-4
17. 15 agosto 2015   Tilia Slovenia Open, Portorose Cemento   Grega Žemlja 6–3, 7–6(6)
18. 31 luglio 2016   Open Catilla y leon Villa de El Espinar, Segovia Terra rossa  Illia Marchenko 6-4, 3-6, 6-3
19. 20 novembre 2016   Internazionali Città di Brescia, Brescia Sintetico indoor   Laurynas Grigelis 65-7, 6-4, 7-68
20. 27 novembre 2016   Andria e Castel del Monte Challenger, Andria Sintetico indoor  Matteo Berrettini 5-7, 6-0, 6-3
21. 19 maggio 2018   Samarkand Challenger, Samarcanda Terra battuta   Mario Vilella Martinez 6-4, 6-4
Finali perse (11)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (2)
Futures (9)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 13 agosto 2007   Italy F26 Terra battuta   Valery Rudnev 3-6, 6-2, 65-7
2. 6 luglio 2008   Italy F20 Terra battuta   Tomas Tenconi 7-65, 4-6, 3-6
3. 6 luglio 2008   Italy F20 Terra battuta   Tomas Tenconi 7-65, 4-6, 3-6
4. 20 settembre 2010   Italy F26 Terra battuta   Claudio Grassi 6-3, 4-6, 4-6
5. 18 ottobre 2010   Italy F30 Terra battuta   Alessio Di Mauro 64-7, 4-6
6. 26 settembre 2011   Italy F28 Terra battuta   Philipp Oswald 6-4, 4-6, 3-6
7. 21 maggio 2012   Italy F9 Terra battuta   Andrea Arnaboldi 1-6, 4-6
8. 20 gennaio 2014   Israel F1 Cemento   Martin Vaisse 63-7, 3-6
9. 21 luglio 2014   OEC Kaohsiung, Kaohsiung Cemento   Lu Yen-Hsun 7-67, 4-6, 4-6
10. 7 aprile 2018   Italy F6, Santa Margherita di Pula Terra battuta   Juan Pablo Ficovich 3-6, 65-7
11. 6 maggio 2018   Glasgow Challenger, Glasgow Sintetico indoor   Lukáš Lacko 7-67, 4-6, 4-6 4-6, 7-63, 6-4

DoppioModifica

Vittorie (15)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (1)
Futures (14)
Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 23 luglio 2006   Italy F23 Terra battuta   Sergei Demekhine   Hermes Gamonal
  Guillermo Hormazabal
6-2, 6-3
2. 13 agosto 2007   Italy F26 Terra battuta   Massimo Capone   Reda El Amrani
  Mehdi Ziadi
6-3, 6-0
3. 13 agosto 2008   Bulgaria F1 Terra battuta   Bogdan Leonte   Frederic De Fays
  Germain Gigounon
7-63, 6-3
4. 23 marzo 2009   Italy F3 Terra battuta   Daniele Giorgini   Damiano Di Ienno
  Ismar Gorcic
2-6, 7-5, [10-8]
5. 29 giugno 2009   Italy F16 Terra battuta   Federico Torresi   Richard Ruckelshausen
  Bertram Steinberger
7-66, 65-7, [10-6]
6. 24 agosto 2009   Italy F24 Cemento   Federico Torresi   Daniel Danilovic
  Goran Tošić
6-4, 6-3
7. 25 luglio 2011   Italy F19 Terra battuta   Stefano Ianni   César Ramírez
  Nima Roshan
62-7, 6-3, [10-6]
8. 29 agosto 2011   Italy F19 Cemento   Enrico Iannuzzi   Simon Cauvard
  Matteo Volante
6-4, 2-6, [10-4]
9. 19 settembre 2011   Internazionali di Tennis dell'Umbria, Todi Terra battuta   Stefano Ianni   Martin Fischer
  Alessandro Motti
6–4, 1–6, [11–9]
10. 26 settembre 2011   Italy F28 Terra battuta   Enrico Iannuzzi   Ante Pavić
  Matteo Volante
6-3, 64-7, [11-9]
11. 26 settembre 2011   Morocco F8 Terra battuta   Matteo Viola   Roman Jebavý
  Jan Satral
6-3, 7-5
12. 14 ottobre 2013   Italy F29 Terra battuta   Walter Trusendi   Riccardo Bonadio
  Federico Maccari
6-2, 6-3
13. 24 febbraio 2014   Italy F2 Sintetico Indoor   Marco Crugnola   Fabrice Martin
  Hugo Nys
6-4, 6-4
14. 4 maggio 2014   Italy F12 Terra battuta   Riccardo Sinicropi   Daniele Giorgini
  Matteo Volante
7-63, 7-5
15. 2 giugno 2014   Italy F16 Terra battuta   Walter Trusendi   Daniele Giorgini
  Matteo Volante
6-4, 1-6, [12-10]
Finali perse (19)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (3)
Futures (16)
Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 16 luglio 2006   Italy F22 Terra battuta   Sergei Demekhine   Mattia Livraghi
  Matteo Volante
6-1, 68-7, 4-6
2. 21 maggio 2007   Italy F14 Terra battuta   Sergei Demekhine   Alejandro Fabbri
  Antonio Pastorino
1-6, 5-7
3. 21 gennaio 2008   Austria F1 Sintetico indoor   Massimo Dell'Acqua   Marcin Gawron
  Blazej Koniusz
3-6, 60-7
4. 30 giugno 2008   Norway F3 Terra battuta   Fabio Colangelo   Fabrice Martin
  Lance Vodicka
Walkover
5. 25 agosto 2008   Italy F27 Terra battuta   Alessandro Da Col   Luka Belic
  Marin Bradaric
7-66, 63-7, [7-10]
6. 1 giugno 2009   Italy F12 Terra battuta   Federico Torresi   Guillermo Alcaide
  Nikolai Nesterov
69-7, 6-3, [8-10]
7. 12 ottobre 2009   Italy F31 Cemento   Claudio Grassi   Stefano Ianni
  Matteo Volante
69-7, 6-3, [8-10]
7. 28 giugno 2010   Italy F14 Terra battuta   Federico Torresi   Morgan Phillips
  Bertram Steinberger
5-7, 7-64, [11-13]
8. 13 settembre 2010   Italy F25 Terra battuta   Federico Torresi   Massimo Capone
  Marco Viola
62-7, 6-2, [2-10]
9. 21 marzo 2011   Italy F2 Cemento indoor   Enrico Iannuzzi   Enrico Fioravante
  Cristian Rodríguez
4-6, 616-7
10. 27 giugno 2011   Italy F15 Terra battuta   Federico Torresi   Patrik Brydolf
  Adam Chadaj
2-6, 6-1, [8-10]
11. 30 gennaio 2012   Israel F3 Cemento   Enrico Iannuzzi   Maxim Dubarenco
  Dominic Thiem
65-7, 62-7
12. 30 gennaio 2012   Switzerland F1 Sintetico indoor   Enrico Iannuzzi   Gero Kretschmer
  Jakob Sude
4-6, 5-7
13. 18 giugno 2012   Italy F13 Terra battuta   Marco Stancati   Claudio Grassi
  Matteo Volante
2-6, 0-6
14. 9 luglio 2012   Lima Challenger, Lima Terra battuta   Claudio Grassi   Facundo Argüello
  Agustín Velotti
64–7, 65–7
15. 2 settembre 2013   Italy F23 Cemento   Antoine Benneteau   Claudio Grassi
  Riccardo Ghedin
4-6, 7-65, 7-10
16. 7 aprile 2014   Qatar F1 Cemento   Lorenzo Frigerio   Liam Broady
  Joshua Ward Hibbert
3-6, 5-7
17. 28 aprile 2014   Italy F11 Terra battuta   Lorenzo Frigerio   Albert Alcaraz Ivorra
  Goncalo Oliveira
6-1, 5-7, [9-11]
18. 13 settembre 2015   Road to the Shanghai Rolex Masters, Shanghai Cemento   Thomas Fabbiano   Wu Di
  Yi Chu-huan
3-6, 5-7
19. 22 ottobre 2016   Open Brest Arena Credit Agricole, Brest Cemento indoor   Marco Chiudinelli   Sander Arends
  Mateusz Kowalczyk
7-62, 3-6, [5-10]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Glasgow Challenger, su itftennis.com. URL consultato il 19 maggio 2018.
  2. ^ ATP Challenger: Samarcanda porta bene a Vanni, si rivede Gulbis, su ubitennis.com. URL consultato il 19 maggio 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica