Apri il menu principale

Lucio Mummio Acaico

politico e militare romano
(Reindirizzamento da Lucio Mummio)
Lucio Mummio Acaico
Nome originaleLucius Mummius Achaicus
GensMummia
Consolato146 a.C.

Lucio Mummio Acaico (... – ...) è stato un politico e militare romano.

BiografiaModifica

Fu console nel 146 a.C., anno in cui rilevò l'esercito romano dalla guida del pretore Quinto Cecilio Metello, vincitore di Andrisco, e concluse la guerra acaia.

Il conflitto contro la Lega achea fu brevissimo e la sua principale città, Corinto, venne saccheggiata e rasa al suolo dalle truppe di Lucio Mummio. Per tale vittoria ebbe l'agnomen di Acaico, primo fra gli uomini nuovi, e gli fu tributato un trionfo[1].

La grande ammirazione per le opere greche della città istmica fu vasta a Roma, ma la comprensione del valore artistico e storico di tali opere dovette rimanere appannaggio raro di alcuni aristocratici. Lo stesso Mummio, infatti, si stupì così tanto dell'alta offerta di Attalo II di Pergamo a un'opera di Aristeides messa all'asta dopo il saccheggio di Corinto (un Dioniso del fondatore della scuola tebano-attica degli inizi del IV secolo a.C.), da ritirarla dalla vendita sospettando virtù nascoste nel dipinto[2]. Al posto dei 600.000 denari offerti per l'opera di un caposcuola, si decise di collocare, più che altro per superstizione, il dipinto nel tempio di Cerere a Roma e fu così che Roma ebbe la prima opera d'arte di pittura straniera in un luogo pubblico.

Fu censore nel 142 a.C. insieme a Scipione Emiliano Africano, con cui ebbe diversi contrasti.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN27455638 · GND (DE102399921 · CERL cnp00285235 · WorldCat Identities (EN27455638