Ludovico III de Torres

cardinale italiano
Ludovico III de Torres
cardinale di Santa Romana Chiesa
Template-Cardinal (Metropolitan Archbishop).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato28 ottobre 1551 a Roma
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato arcivescovo22 gennaio 1588 da papa Sisto V
Consacrato arcivescovo31 gennaio 1588 dal cardinale Gabriele Paleotti
Creato cardinale11 settembre 1606 da papa Paolo V
Deceduto8 luglio 1609 (57 anni) a Roma
 

Ludovico III de Torres (anche menzionato in spagnolo come Luis III de Torres; Roma, 28 ottobre 1551Roma, 8 luglio 1609) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Arcivescovo di Monreale dal 1588 al 1609. Fu nominato cardinale della Chiesa cattolica da papa Paolo V. In alcuni documenti viene indicato come Ludovico de Torres II per distinguerlo dallo zio omonimo che lo precedette quale titolare dell'arcidiocesi di Monreale.

BiografiaModifica

 
Stemma e memoria del cardinale de Torres nella Basilica di San Pancrazio a Roma

Nacque a Roma il 28 ottobre 1551, figlio primogenito di Fernando (1521-1590) e Pentesilea Sanguigni (1536-1572). Il padre apparteneva ad una famiglia aristocratica originaria di Malaga ed era giunto a Roma con i fratelli al seguito dello zio, Luis de Torres (1495-1553; Ludovico nelle fonti di lingua italiana), nominato arcivescovo di Salerno nel 1548.

Ludovico studiò a Roma con i Gesuiti e in seguito diritto canonico e civile a La Sapienza di Roma e a Perugia, addottorandosi presso l'università di Bologna.[1]

Arcivescovo di Monreale dal 1588 fino alla morte, papa Paolo V lo elevò al rango di cardinale di San Pancrazio nel concistoro dell'11 settembre 1606, nominandolo nel 1607 cardinale protettore della Congregazione dei chierici regolari delle Scuole Pie fondate da Giuseppe Calasanzio. Il 4 luglio dello stesso anno divenne bibliotecario della Vaticana, succedendo al cardinale Cesare Baronio.

Da cardinale, fece ricostruire, insieme con la sorella Beatrice che vi era monaca, la chiesa annessa al monastero benedettino di Sant'Ambrogio alla Massima.

Morì a Roma l'8 luglio 1609 all'età di 57 anni, e fu sepolto nella basilica di San Pancrazio.

Genealogia episcopale e successione apostolicaModifica

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

NoteModifica

  1. ^ Rosario Camacho Martínez, Beneficencia y mecenazgo entre Italia y Málaga: los Torres, arzobispos de Salerno y Monreale in Creación artística y mecenazgo en el desarrollo cultural del Mediterráneo en la Edad Moderna, 2011, p. 40

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN59958930 · ISNI (EN0000 0001 1571 9956 · SBN BVEV033560 · BAV 495/46783 · CERL cnp01358509 · LCCN (ENno2015117785 · GND (DE122153375 · BNF (FRcb13010418z (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2015117785