Apri il menu principale

Luigi Albore Mascia

politico italiano
Luigi Albore Mascia

Sindaco di Pescara
Durata mandato 8 giugno 2009 –
15 giugno 2014
Predecessore Luciano D'Alfonso
Successore Marco Alessandrini

Dati generali
Partito politico Forza Italia (dal 2013)
In precedenza:
PRI (1988-1995)
AN (1995-2009)
PdL (2009-2013)
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato

Luigi Albore Mascia (Pescara, 8 settembre 1965) è un politico italiano, sindaco di Pescara dal 2009 al 2014.

BiografiaModifica

Laureato in giurisprudenza, ha seguito la carriera di avvocato. Fu eletto consigliere comunale del comune di Pescara per la prima volta nel 1998 e nel consiglio comunale ha ricoperto la carica di presidente della commissione consiliare lavori pubblici. Dal 2000 al 2003 è stato assessore al controllo di gestione. Nel 2003 è stato rieletto consigliere nella lista di Alleanza Nazionale. Ha rivestito la carica di presidente della commissione consiliare vigilanza. Dal 2005 è stato vicepresidente del consiglio comunale.

Elezione a sindacoModifica

Nel 2008 è stato candidato a sindaco di Pescara per la coalizione di centro-destra, perdendo al primo turno contro il sindaco uscente Luciano D'Alfonso, raccogliendo il 26,4% dei suffragi, contro il 50,3% dell'avversario. Si è nuovamente candidato nelle elezioni comunali del 6 e 7 giugno 2009 per Il Popolo della Libertà ed è stato eletto sindaco di Pescara, al primo turno, con il 54,5% dei voti.

Durante il suo mandato, Pescara è stata dichiarata comune in predissesto finanziario a causa di un debito di oltre 50 milioni di euro accumulato durante la sua amministrazione[1]. Nonostante le polemiche riguardanti l'indebitamento della città, nel 2014 si ripresenta col sostegno di Forza Italia, Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale e la lista civica Pescara Futura. Al primo turno ottiene il 22,83% dei voti, accedendo al ballottaggio col candidato del centrosinistra Marco Alessandrini[2]. Al ballottaggio, ottiene l'appoggio di Guerino Testa[3], presidente della provincia uscente del Nuovo Centrodestra, e Vincenzo Serraiocco, con cui stringe un apparentamento formale tra liste[4]. Tuttavia, al secondo turno, l'8 giugno 2014, raccoglie il 33,66% dei voti, venendo sconfitto da Alessandrini[5].

NoteModifica

  1. ^ Comune Pescara: «governo Mascia mai determinato predissesto». Ma Diodati smentisce, 10 gennaio 2018.
  2. ^ Ballottaggio a Pescara, incerto a Teramo, in Ansa, 27 maggio 2014.
  3. ^ Mascia e Testa uniti al ballottaggio, in Ansa, 9 giugno 2014.
  4. ^ Serraiocco va con Mascia, in Il Centro, 1º giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 3 settembre 2014).
  5. ^ Alessandrini nuovo sindaco di Pescara, in Ansa, 9 giugno 2014.

Voci correlateModifica