Apri il menu principale

Luigi Davì (Valdigna d'Aosta, 1929) è uno scrittore e funzionario italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nato in un piccolo centro della Val d'Aosta nel 1929, trasferitosi a Torino, lavora dapprima come operaio e poi come funzionario delle vendite in una industria.[1] Nel 1957 esordisce come scrittore pubblicando, presso l'editore Einaudi, nella collana I gettoni ideata da Vittorini, Gymkhana-Cross, un volume di racconti accolto non troppo favorevolmente dalla critica,[2] nuovamente pubblicato in anni recenti.[3] Migliore accoglienza ebbe il suo secondo lavoro, il romanzo breve Uno mandato da un tale del 1958, seguito poi da altri racconti che, ambientati nel mondo delle officine e delle fabbriche che si diffondevano nell'Italia settentrionale di quegli anni, descrivono, con una lingua vicina al parlato e una sintassi semplice, la vita e i sentimenti degli operai che passavano dal mondo agricolo tradizionale alla civiltà industriale.[1][2]

Ha collaborato anche con varie riviste, quali Civiltà delle macchine di Sinisgalli, Il Menabò di Vittorini e Calvino, Il Contemporaneo e con i quotidiani Gazzetta del Popolo e l'Unità.[1]

La vicenda di Davì, operaio e scrittore, rappresenta un caso piuttosto raro nella narrativa italiana.[2]

OpereModifica

  • Gymkhana-cross, Torino, Einaudi, 1957.
  • Uno mandato da un tale, Milano, Parenti, 1959.
  • L'aria che respiri, Torino, Einaudi, 1964.
  • Il vello d'oro, Torino, Einaudi, 1965.

NoteModifica

  1. ^ a b c Dizionario della letteratura italiana contemporanea, vol.1, p. 270, riferimenti in Bibliografia.
  2. ^ a b c V. De Martinis S.I., in Civiltà Cattolica, 1966, riferimenti in Collegamenti esterni.
  3. ^ Matelica, Hacca, 2011. ISBN 978-88-89920-71-8. Catalogo Opac SBN.

BibliografiaModifica

  • Enzo Ronconi (a cura di), Dizionario della letteratura italiana contemporanea, 2 voll., Firenze, Vallecchi, 1973.
  • Vincenzo De Martinis S.I., Narrativa italiana e mondo del lavoro, Civiltà cattolica, quaderno 2781, II, pp. 264-72, 1966. URL consultato il 4 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2017)..

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Andrea Consonni, Gymkhana-Cross, Lankelot, Associazione culturale Lankenauta, 5 novembre 2011.
Controllo di autoritàVIAF (EN79421843 · ISNI (EN0000 0000 7861 2657 · SBN IT\ICCU\RAVV\027211 · LCCN (ENno2005093037 · WorldCat Identities (ENno2005-093037