Apri il menu principale

Luigi De Rosa

allenatore di calcio e calciatore italiano
Luigi De Rosa
Luigi De Rosa.jpg
Luigi De Rosa con la maglia del Cosenza (1988)
Nazionalità Italia Italia
Altezza 170 cm
Peso 64 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1999 - giocatore
Carriera
Giovanili
Bari
Squadre di club1
1979-1984 Bari 86 (3)
1984-1987 Pescara 77 (5)
1987-1993 Cosenza 182 (4)
1993-1994 Matera 29 (5)
1994-1997 Cosenza 64 (1)
1997-1999 Castrovillari 57 (1)
1982Italia B Italia1 (0)
Carriera da allenatore
1999-2001 Cosenza Vice
2001-2002 Cosenza
2003 Crotone
2004-2005 Cosenza
2007 Pescara
2007-2008 Crotone Berretti
2009 Monopoli
2009-2010 Francavilla
2010 Cosenza Allievi Naz.
2010-2011 Cosenza Vice
2011 Cosenza
2013-2014 Castrovillari
2017-2019 Rende Sett. Giovanile
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Luigi De Rosa (Bari, 8 luglio 1962) è un allenatore di calcio, dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista e attaccante.

È nella Hall of fame del Cosenza[1], formazione in cui ha militato complessivamente in nove stagioni della sua carriera di calciatore, risultando il secondo per numero di incontri disputati in campionato, e in cui ha allenato la prima squadra per tre stagioni.

Indice

Caratteristiche tecnicheModifica

GiocatoreModifica

Centrocampista di talento,[2] bravo tatticamente.[3] Ha giocato in ogni parte del campo, tanto da esser sceso sui terreni di gioco indossando tutti i numeri dal 2 all'11.[4]

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Cresciuto nelle giovanili del Bari[5], debutta in prima squadra a 17 anni, in Bari-Palermo 1-1 del 1º giugno 1980[6][7]. Nel 1980-81 vince la Coppa Italia Primavera battendo il Milan 2-0 in finale[8].
Il 23 agosto 1981 debutta in Coppa Italia contro il Napoli[9][10]. Nel campionato di Serie B 1981-1982 è promosso e lanciato da Enrico Catuzzi in prima squadra, segnando il suo primo gol da professionista contro il Verona (3-3)[11][12] e chiude la stagione del Bari dei baresi[13] con 2 reti in 35 presenze, fornendo buone prestazioni[14] da ala sinistra[15][16] in tandem con Maurizio Iorio e sfiorando per 2 punti in classifica la promozione in Serie A.

Nell'infausta stagione 1982-83, in cui i galletti terminano il campionato cadetto all'ultimo posto in classifica, gli allenatori Catuzzi e Radice lo schierano ala sinistra[17][18][19] e trequartista[20][21][22], fornendo ancora buone prestazioni[23][24], realizzando una rete.
Sceso di categoria, sempre con il Bari, allenato da Bruno Bolchi, vince il campionato di serie C1, in una stagione che vede i pugliesi arrivare fino alle semifinali di Coppa Italia, dopo aver eliminato Juventus e Fiorentina.
Nell'estate del 1984 passa al Pescara, in Serie B, voluto dal tecnico Catuzzi[25], e gioca una buona stagione da regista[26] e ala destra[27][28]. A fine stagione il club abruzzese riscatta metà cartellino dal Bari in cambio di 2 miliardi di lire[29]. Con Giovanni Galeone sulla panchina biancazzura, De Rosa gioca nuovamente nel ruolo di attaccante e contribuisce alla vittoria del campionato di Serie B 1986-1987 e alla promozione in Serie A del Pescara. L'estate 1987 è acquistato dal Cosenza: sotto la guida tecnica di Gianni Di Marzio, i calabresi ottengono la promozione in Serie B attesa da 24 anni. Nella stagione seguente, allenato da Bruno Giorgi, sfiora con i rossoblu la promozione in Serie A, persa a causa della classifica avulsa. Con la maglia del Cosenza, sfiora in più occasioni la massima categoria (1991-1992 con Reja, 1992-1993 con Silipo). Nel 1993 passa al Matera dove disputa, da capitano,[30] un solo campionato finendo la stagione da miglior marcatore (5 reti) e tra i più presenti della squadra[30]. Ritornato a Cosenza, nel campionato 1994-1995 guidato da Alberto Zaccheroni, disputa una positiva stagione coi rossoblu che, con 9 punti di penalizzazione in classifica, sfiorano la promozione in Serie A[31]. Nei successivi due campionati di Serie B è allenato prima da Bortolo Mutti e poi nell'ultima stagione, a 35 anni, da Gianni De Biasi e Franco Scoglio. Diviene il 2° calciatore del Cosenza per numero di presenze in tutte le competizioni, dietro a Gigi Marulla. Chiude la carriera da calciatore a Castrovillari, in Serie C2, al termine della stagione 1998-1999.

Nella sua carriera ha totalizzato più di 500 presenze tra i professionisti.

NazionaleModifica

Conta una presenza con la Nazionale B Under 21, contro i pari età della Grecia, giocata l'8 dicembre 1982: al 67' sostituisce Beppe Incocciati[32].

AllenatoreModifica

Subito dopo aver concluso la carriera di calciatore, diviene il vice di Bortolo Mutti per due stagioni al Cosenza in B. Nel 2001 partecipa al corso Master di Coverciano e ottiene il patentino per allenare in massima serie, primo nel suo corso[33] insieme a Serse Cosmi[33].

Per la stagione di Serie B 2001-2002, gli è affidata la panchina del Cosenza[34]. Debutta con una vittoria in casa , poi ottiene due pareggi (il primo in trasferta con la Sampdoria) e una vittoria in trasferta nelle quali la squadra gioca un calcio piacevole[35][36] . È esonerato dopo otto partite, sostituito da Emiliano Mondonico e richiamato a 4 giornate dalla fine del campionato[37], dove ottiene un pari in casa col Napoli e due vittorie in casa e in trasferta contro Palermo e Empoli, salvando la squadra dalla retrocessione[38]. A Cosenza lancia il diciannovenne Francesco Modesto e rilancia l'ex Milan Gianluigi Lentini e Pietro Strada.

Il 27 gennaio 2003 diventa allenatore del Crotone, in Serie C1 2002-2003, sostituendo l'esonerato Auteri[39]. È esonerato dopo cinque gare (4 pari, una sconfitta), venendo rimpiazzato da Auteri[40]. Torna a guidare il Cosenza nel 2003 in Serie B: poco prima dell'inizio della stagione, il club è escluso dal campionato per problemi burocratici[41]. Nella stagione 2004-2005 diventa nuovamente allenatore del Cosenza, partecipante dopo le vicissitudini societarie al campionato di Serie D; le precarie condizioni societarie lo costringono a dimettersi dopo qualche mese da inizio campionato[42].

Il 17 gennaio 2007 è ufficializzato nuovo allenatore del Pescara, in Serie B 2006-2007[43]: nonostante l'arrivo dei primi successi stagionali,[44][45][46] e alcuni buoni risultati[47][48][49] (il miglior Pescara della stagione)[50][51]facendo un buon calcio[52] ,De Rosa, che guida gli abruzzesi sino a fine stagione, non riesce a evitare la retrocessione, avvenuta alla 38ª giornata con la sconfitta a Piacenza[53]. Il 4 agosto 2007 diventa allenatore della Berretti del Crotone[54], allenandola per un campionato. Nel 2009 è commentatore tecnico sull'emittente televisiva ContoTv[55]. Il 7 aprile 2009 è ingaggiato come nuovo allenatore del Monopoli[56], in Lega Pro 2008-2009, sostituendo l'esonerato Geretto. Guida i pugliesi alla salvezza anticipata e al 7º posto finale (3 vittorie, 2 pari, una sconfitta). Nella stagione 2009-2010 allena il Francavilla[57]. Il 7 agosto 2010 è presentato allenatore degli Allievi Nazionali del Cosenza. Lascia gli Allievi Nazionali dopo un mese e mezzo dall'incarico, diventando il vice di Mario Somma al Cosenza, in Lega Pro Prima Divisione 2010-2011.[58]

L'8 febbraio 2011 è chiamato alla guida della prima squadra del Cosenza, sostituendo il dimissionario Toscano:[59] a causa dei problemi societari - la squadra è penalizzata di 5 punti - De Rosa vive momenti difficili[non chiaro], inclusi i ripetuti ammutinamenti dei giocatori agli allenamenti,[60] che nonostante dei buoni risultati[61][62][63] culmineranno con la retrocessione della squadra in Lega Pro Seconda Divisione dopo i play-out col Viareggio.[64]

Nel 2012 è nominato Presidente Provinciale dell'Associazione Italiana Allenatori Calcio[65], carica che ricopre anche negli anni successivi[66].

Il 26 luglio 2013 diviene il nuovo allenatore del Castrovillari[67] per la stagione 2013-2014, in cui guida la squadra al 2º posto finale in classifica e alla vittoria dei play-off.[68]

A metà novembre 2014 torna ad allenare il Castrovillari, durante il campionato 2014-2015. Il 14 febbraio 2015 si dimette dopo 3 mesi dall'incarico, a causa dei gravi problemi societari[69].

Il 31 luglio 2015 è annunciato allenatore e Direttore Tecnico della societá sportiva giovanile di Luigi Marulla, suo ex compagno di squadra e grande amico[70], per mantenere una promessa fatta allo stesso Marulla[71].

Il 3 febbraio 2017 è ufficializzato come responsabile tecnico del settore giovanile del Rende, in Lega Pro,[72] ricoprendo tale incarico anche per le stagioni 2017-2018[73]e 2018-2019.

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 16 maggio 1999[74].

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
...
1979-1980   Bari B 2 0 CI ? 0[75] 2 0
1980-1981 B 0 0 CI ? 0[76] 0 0
1981-1982 B 35 2[12] CI 2 0[12] 35 2
1982-1983 B 31[77] 1[77] CI 5[78] 0[78] 36 1
1983-1984 C1 18 0 CI 3 [2] [3] [4] 0[79] CIC 3 [5] [6] 1 24 1
Totale Bari 86 3 10 0 3 1 99 3
1984-1985   Pescara B 35 2[80] CI 3 [7][81] 2[82] 36+ 4
1985-1986 B 33 3[83] CI ? 0[84] 33 3
1986-1987 B 9 0 CI ? 0[85] 9 0
Totale Pescara 77 5 3 2 80+ 7
1987-1988   Cosenza C1 29 0 CI ? 0[86] CIC 1[87] ? 29 0
1988-1989 B 32 1[88] CI 5[87] 0[89] 32 1
1989-1990 B 38 2[90] CI 2 0[91] 38 2
1990-1991 B 34+?[92] 0[93]+0[93] CI 4 0[94] 34+ 0
1991-1992 B 36 1[95] CI 2 0[96] 35 1
1992-1993 B 27[87] 0 CI 1 0[97] 14 0
1993-1994   Matera C1 29 5[98] CIC ? ? 29 5
1994-1995   Cosenza B 29 1 CI ? 0[99] 29 1
1995-1996 B 18 0 CI 1 0[100] 18 0
1996-1997 B 17 0 CI 1 0[101] 17 0
Totale Cosenza 260 5+0 16 0 1 ? 277 7
1997-1998   Castrovillari C2 29 0 CIC ? ? 29 0
1998-1999 C2 28 1 CIC ? ? 28 1
Totale Castrovillari 57 1 ? ? 57 1
Totale carriera 509 21 30+ 2 4 1 542+ 23

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica
Pescara: 1986-1987
Bari: 1983-1984

Competizioni giovaniliModifica

Bari 1980-1981

NoteModifica

  1. ^ Rispetto e soggezione, ecco la Hall of Fame del Cosenza [FOTO], http://www.cosenzachannel.it/, 14 ottobre 2016. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  2. ^ Quattro per Valcareggi, in La Gazzetta del Mezzogiorno, 1º marzo 1982.
  3. ^ SERIE D. PROSSIMO AVVERSARIO (DOMENICA 30 OTTOBRE 2016 ORE 14:30): IL CASTROVILLARI - A.S.D. Roccella, in A.S.D. Roccella, 27 ottobre 2016. URL consultato il 23 agosto 2018.
  4. ^ Lupi alè! - La top 11 di sempre del Cosenza - Il Posticipo, in Il Posticipo, 13 novembre 2017. URL consultato il 23 agosto 2018.
  5. ^ De Rosa, goleador del Bari, in La Gazzetta del Mezzogiorno, 22 settembre 1980.
  6. ^ Festa negli spogliatoi per De Rosa, in La Gazzetta del Mezzogiorno, 2 giugno 1980.
  7. ^ [1]
  8. ^ (EN) Bari - VirtualNEWSPAPER - 15/06/1981, su archivio.lagazzettadelmezzogiorno.it. URL consultato il 23 agosto 2018.
  9. ^ Più applausi al Bari dei giovani che al Napoli miliardario di Krol, in La Gazzetta del Mezzogiorno, 24 agosto 1981.
  10. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato il 23 agosto 2018.
  11. ^ Emozioni a Verona con 6 gol, La Stampa, anno 113, numero 298, 2 novembre 1981. URL consultato il 25 agosto 2018.
  12. ^ a b c Serie B 1981-82, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  13. ^ E sul palco sfilano i biancorossi che incantarono il della Vittoria Repubblica.it
  14. ^ 5 giugno 1988-5 giugno 2013: 25 anni fa una delle pagine più belle della storia del Cosenza. Mai più prigionieri di un sogno, su Sito ufficiale del Cosenza Calcio, 5 giugno 2013. URL consultato il 5 aprile 2019.
  15. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato il 5 aprile 2019.
  16. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato il 5 aprile 2019.
  17. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato il 6 aprile 2019.
  18. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato il 6 aprile 2019.
  19. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato il 6 aprile 2019.
  20. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato il 6 aprile 2019.
  21. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato il 6 aprile 2019.
  22. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato il 6 aprile 2019.
  23. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato il 6 aprile 2019.
  24. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato il 6 aprile 2019.
  25. ^ De Rosa, 3 anni da giocatore in biancazzurro ricerca.gelocal.it
  26. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato il 13 aprile 2019.
  27. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato il 13 aprile 2019.
  28. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato il 13 aprile 2019.
  29. ^ Aspettando Serena s'accende la rissa Repubblica.it
  30. ^ a b Centrocampista Luigi De Rosa Materacalciostory.it
  31. ^ La straordinaria stagione del Cosenza 1994/1995 Archiviato il 21 settembre 2013 in Internet Archive. Tuttosport.com
  32. ^ Panini, pag. 511
  33. ^ a b Francavilla Calcio: De Rosa è il nuovo tecnico Agenziacalcio.it
  34. ^ Gasparotto Manlio, De Rosa, una vita per il Cosenza ma ora dovrà fare tutto da solo, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 28 marzo 2019.
  35. ^ Caruso Francesco, Cosenza, che scatto con Zaniolo-Tatti Il Cittadella perde Martusciello e crolla, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 12 maggio 2019.
  36. ^ Stella Silvano, Il Cosenza sulla Strada giusta, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 12 maggio 2019.
  37. ^ E il Cosenza ha licenziato Mondonico - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 28 marzo 2019.
  38. ^ Il tecnico barese cerca il bis del 2002 quando salvò i silani dalla retrocessione[collegamento interrotto] Gazzettadelsud.it
  39. ^ Rossoblù, De Rosa al posto di Auteri, su Il Crotonese, 31 gennaio 2003. URL consultato il 28 marzo 2019.
  40. ^ Vrenna richiama Auteri: ma non è solo colpa dei tecnici, su Il Crotonese, 11 marzo 2003. URL consultato il 28 marzo 2019.
  41. ^ Pasquale Grandinetti, il cuore del San Vito da 32 anni, su paroladivita.org.
  42. ^ Solo guai a Cosenza. Si cerca la fusione archiviostorico.gazzetta.it
  43. ^ De Rosa: "Pescara, io ci credo!" Pescaracalcio.com
  44. ^ Copia archiviata, su vario.it. URL consultato il 1º giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2014). Vario.it
  45. ^ Imparato Gaetano, Il Lecce riprende a scivolare, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 12 maggio 2019.
  46. ^ Calcio / Serie B - Bari affonda col Pescara, su www.lagazzettadelmezzogiorno.it. URL consultato il 12 maggio 2019.
  47. ^ Nel deserto dell'Adriatico, Pescara-Mantova termina 0-0, su www.primadanoi.it. URL consultato il 12 maggio 2019.
  48. ^ Pescara-Cesena (1-0), la migliore prestazione dei biancazzurri, su www.primadanoi.it. URL consultato il 12 maggio 2019.
  49. ^ Pescara calcio: inutile 2-2 a Rimini. La C1 è solo questione di aritmetica, su www.primadanoi.it. URL consultato il 12 maggio 2019.
  50. ^ Berardino Nicola, Vantaggiato, ancora lui Il Pescara vola, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 14 maggio 2019.
  51. ^ Calvi Giuseppe, Bari, ti ricordi Vantaggiato?, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 14 maggio 2019.
  52. ^ Sì, Pescara credici: la salvezza non è più un miraggio..., su www.primadanoi.it. URL consultato il 14 maggio 2019.
  53. ^ TMW A CALDO - Pescara, De Rosa: "Lasciamo la B con onore", su www.tuttomercatoweb.com. URL consultato il 30 marzo 2019.
  54. ^ Ufficiale: Crotone, Gigi De Rosa nello staff tecnico Tuttomercatoweb.com
  55. ^ Conto Tv festeggia l'8 Marzo con il doppio audio tutto rosa - Digital-News, su Digital News, 8 marzo 2009. URL consultato il 1º aprile 2019.
  56. ^ Ufficiale: Monopoli, De Rosa nuovo allenatore Tuttomercatoweb.com
  57. ^ FRANCAVILLA CALCIO: De Rosa è il nuovo tecnico | AgenziaCalcio, su www.agenziacalcio.it. URL consultato il 31 marzo 2019.
  58. ^ Se l'uomo in più è Gigi De Rosa - CosenzaChannel.it, in CosenzaChannel.it, 29 marzo 2011. URL consultato il 25 agosto 2018.
  59. ^ Si riprende con Gigi De Rosa alla guida del Cosenza Calcio 1914 Cosenzacalcio.net
  60. ^ Cosenza, i giocatori si rifiutano di allenarsi[collegamento interrotto] Tuttomercatoweb.com
  61. ^ Cosenza-Nocerina: Le voci dallo spogliatoio, su Calciomercato.com | Tutte le news sul calcio in tempo reale. URL consultato l'8 maggio 2019.
  62. ^ Piero Ferrante, Biancolino ancora tu? Ma non dovevamo vederci più?, su Stato Quotidiano, 15 maggio 2011. URL consultato l'8 maggio 2019.
  63. ^ Direttore, Lanciano-Cosenza 0-2: Fiore-Biancolino, playoff ora lontani, su AbruzzoNews, 11 aprile 2011. URL consultato il 9 maggio 2019.
  64. ^ Cosenza, Biancolino e Matteini non partono con la squadra Tuttolegapro.it
  65. ^ L\'Aiac Calabria vota a Firenze tra Strama e Sacchi, su www.catanzarosport24.it. URL consultato il 30 marzo 2019.
  66. ^ Roselli ospite dell'Aiac Calabria, che duetto con Gigi De Rosa [FOTO], su CosenzaChannel.it, 18 aprile 2016. URL consultato il 30 marzo 2019.
  67. ^ http://www.castrovillari.tv/video/viewnews.asp?newsID=673, su www.castrovillari.tv. URL consultato il 25 agosto 2018.
  68. ^ ECCELLENZA, finale playoff regionale: il trionfo del Castrovillari, su www.ottoetrenta.it. URL consultato il 25 agosto 2018.
  69. ^ Francesca Aversa, Crisi rossonera. Gigi De Rosa lascia il Castrovillari calcio, in Abmreport :: Servizi per l'informazione. URL consultato il 26 agosto 2018.
  70. ^ Osvaldo Morisco, IL MARCA ANNUNCIA IL TESSERAMENTO DEI TECNICI CICCIO MARINO E GIGI DE ROSA - COSENZA 1 SPECIAL, su www.cosenza1special.it. URL consultato il 19 aprile 2019.
  71. ^ Roberto Barbarosssa, UNA VITA IN ROSSOBLU', su www.solocosenza.com. URL consultato il 19 aprile 2019.
  72. ^ Gigi De Rosa è il nuovo responsabile tecnico del settore giovanile del Rende calcio, in Lacnews24.it, 3 febbraio 2017. URL consultato il 25 agosto 2018.
  73. ^ ESCLUSIVA - Gigi de Rosa: "Questo Cosenza può emulare le gesta del passato, fiducia nel Rende" - CalabriaSport24, in CalabriaSport24, 15 giugno 2018. URL consultato il 25 agosto 2018.
  74. ^ Scheda anagrafica di Luigi De Rosa, aic.football.it. URL consultato il 25 agosto 2018.
  75. ^ Coppa Italia 1979-80, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  76. ^ Coppa Italia 1980-81, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  77. ^ a b Panini, pag. 242
  78. ^ a b Panini, pagg. 282, 283, 284
  79. ^ Coppa Italia 1983-84, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  80. ^ Serie B 1984-85, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  81. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato il 26 agosto 2018.
  82. ^ Coppa Italia 1984-85, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  83. ^ Serie B 1985-86, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  84. ^ Coppa Italia 1985-86, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  85. ^ Coppa Italia 1986-87, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  86. ^ Coppa Italia 1987-88, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  87. ^ a b c Il Cosenza contro il suo passato: Gigi De Rosa - CosenzaChannel.it, in CosenzaChannel.it, 18 aprile 2009. URL consultato il 26 agosto 2018.
  88. ^ Serie B 1988-89, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  89. ^ Coppa Italia 1988-89, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  90. ^ Serie B 1989-90, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  91. ^ Coppa Italia 1989-90, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  92. ^ Playoff Serie B 1990-91 (dato sconosciuto)
  93. ^ a b Serie B 1990-91, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  94. ^ Coppa Italia 1990-91, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  95. ^ Serie B 1991-92, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  96. ^ Coppa Italia 1991-92, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  97. ^ Coppa Italia 1992-93, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  98. ^ Scheda di De Rosa Luigi, su materacalciostory.it. URL consultato il 25 agosto 2018.
  99. ^ Coppa Italia 1994-95, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  100. ^ Coppa Italia 1995-96, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.
  101. ^ Coppa Italia 1996-97, su mikyegenny.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2018.

BibliografiaModifica

  • Gianni Antonucci, 1908-1998: 90 anni di Bari, da «Uniongrafica Corcelli Bari», 1998.
  • Edizioni Panini, Almanacco illustrato del Calcio 1984, Modena, Edizioni Panini s.p.a., 1984.

Collegamenti esterniModifica