Luigi I di Loon

Luigi I
Burchtbrustem.jpg
Il castello dei conti di Loon a Brustem
Conte di Loon
Stemma
In carica 1139 –
11 agosto 1171
Predecessore Arnoldo II di Loon
Successore Ugo di Loon
Nascita Dopo il 1107
Morte 11 agosto 1171
Luogo di sepoltura Cappella dell'infermeria di Borgloon
Dinastia Dinastia di Loon
Padre Arnoldo II di Loon
Madre Nome non certo: potrebbe essere Agnese o Adelaide
Coniuge Agnese di Metz
Figli Agnese
Arnoldo
Ugo
Bonne
Imagina
Lauretta

Luigi I (dopo il 1107 – 11 agosto 1171) fu conte di Loon (o Looz), che ereditò da suo padre. Regnò dal 1139 circa fino alla sua morte.

BiografiaModifica

Era il figlio di Arnoldo II, conte di Loon, e di sua moglie, il cui nome potrebbe essere stato Adeleide o Agnese[1].

Fu vogt dell'abbazia di Averbode. Nel 1154 donò il maniero di Laethof situato a Heusden-Zolder all'abbazia.

Costruì un castello a Brustem (ora parte di Sint-Truiden). Nel 1155 ereditò la contea di Rieneck da suo fratello Gherardo.

Luigi sposò Agnese di Metz (1114 circa –1175/1180 circa)[2], figlia di Folmar V, conte di Metz, e di Matilde di Dagsburg, l'erede di Longwy. Agnese incaricò Hendrik van Veldeke di scrivere la sua "Vita di san Servazio". Luigi I servì come burgravio di Metz dal 1159 al 1162. Tramite sua moglie, aveva anche una pretesa sul ducato di Lussemburgo, senza riuscire però a rivendicarlo.

Nel 1171 Luigi tentò di conquistare la contea di Duras. Tuttavia Egidio, conte di Duras, chiamò in aiuto i cittadini di Saint-Truiden e insieme sconfissero l'esercito di Luigi. Questo morì durante questa battaglia, l'11 agosto 1171. Fu sepolto nella cappella dell'infermeria di Borgloon. La sua tomba rimane tutt'oggi.

Matrimonio e figliModifica

Luigi sposò Agnese di Metz (1114 circa –1175/1180 circa)[2], figlia di Folmar V, conte di Metz, e di Matilde di Dagsburg, l'erede di Longwy. Essi ebbero i seguenti figli:

A Luigi succedette, come conte di Loon, suo figlio Gerardo.

NoteModifica

  1. ^ Vaes p.129
  2. ^ a b Baerten 1965, p. 1242.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica